AZ Gun
 
ATTENZIONE !
AirGun Zeta World
su Facebook
E' UNA TRUFFA!!!
Airgun Zeta World non ha pagine Facebook. Airgun Zeta World, il sito originale www.airgunz.it non ha alcun legame con l'omonima "Airgun Zeta World" pagina Facebook di una improbabile "agenzia viaggi", che si spaccia per noi, utilizzando senza permesso il nome, il logo, le fotografie e i testi, del nostro sito. Non sappiano chi sono e soprattutto non sappiamo cosa fanno. Fate attenzione alle eventuali truffe. Grazie
ATTENZIONE !
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCHEDE
 
 
 

LA REGOLAZIONE DEL TRIGGER-STOP

Cos'è il Trigger-Stop? A cosa serve e come regolarlo?
Molti tiratori non ne conoscono neppure l’esistenza, ma la corretta regolazione di questo piccolo particolare potrebbe risolvere alcuni problemi di tiro, e a volte anche migliorare l’affidabilità della pistola.
Sicuramente avete notato quel piccolo grano a brugola al centro del grilletto. Alcuni sapranno perfettamente a cosa serve quella piccola vite, altri sapranno che si tratta di una generica “regolazione del grilletto”, altri ancora ne ignorano completamente la funzione, e non se curano minimamente. Fino a quando la pistola funziona alla perfezione, si può tranquillamente fare a meno di sapere a cosa serve quella vitina. Ma qualche volta, quando la pistola inizia a funzionare male si tentano improbabili riparazioni, senza rendersi conto che il problema potrebbe essere causato proprio da quel minuscolo grano, che con il tempo, e le reazioni dello sparo si è allentata. Il grano del Trigger-Stop lasco, non bloccato con frenafiletti, con il tempo può causare problemi di mancate percussioni, fino addirittura ad impedire lo sgancio del cane quando si preme il grilletto. Meglio quindi sapere che cosa è, e come funziona quel piccolo grano a brugola posizionato al centro del grilletto.

Il grano in questione prende il nome di trigger-stop, e serve a regolare la corsa del grilletto subito dopo lo sgancio del cane. Ovvero serve a ridurre quello che è universalmente noto come “collasso al retroscatto”.

Molti tiratori novizi sono portati a pensare che la trazione sul grilletto della pistola, faccia partire il colpo. All’inizio tutti, o perlomeno la maggior parte di noi, ha sofferto per il cosiddetto “strappo”. Molti sanno che lo strappo del colpo sia dovuto ad una trazione non corretta del dito sul grilletto, per cui se si riesce a tenere ferma la pistola durante il tempo che va dall'inizio della trazione, fino allo sgancio del cane, il colpo finirà esattamente nel punto mirato.

Glock 17 Gen4
Il grano esagonale per la regolazione del Trigger-Stop.

In realtà è molto più probabile muovere la pistola immediatamente dopo lo sgancio, che non durante la trazione. Ed è questo movimento che manda il colpo fuori bersaglio. Ma come è possibile? Il proiettile è velocissimo, molto più veloce del nostro dito. E se la pistola si muove solo dopo lo sgancio, come può questo movimento deviare il colpo? L'equivoco nasce dal fatto che in realtà, quando noi premiamo il grilletto, non facciamo partire il colpo, ma semplicemente provochiamo lo sgancio del cane. Il cane poi colpirà il percussore, il quale a sua volta colpirà l'innesco, e solo a questo punto partirà il colpo. Quel minuscolo tempuscolo che passa tra lo sgancio del meccanismo di scatto e la partenza del colpo, non è poi così minuscolo, e se la pistola perde il suo assetto durante questa fase, il colpo non finirà a segno.

Perché è più facile strappare subito dopo aver sganciato il cane, che non durante la trazione? E' per via di quello che viene comunemente definito “collasso al retroscatto”. Durante la fase di trazione, il grilletto, oppone, al dito che lo preme, una certa resistenza, che è data del peso dello scatto. Ma non appena il cane si sgancia questa resistenza viene a mancare improvvisamente. Il dito continua a fare forza e spinge il grilletto a fondo corsa con un movimento incontrollabile. Questo movimento improvviso fa muovere l’arma proprio nel momento peggiore.

Glock 17 Gen4
Il grano del Trigger-Stop visto da dietro. E’ una semplice vite che riduce la corsa del grilletto.

Il cosiddetto “collasso al retroscatto” dipende oltre che dalla forza residua del dito che preme il grilletto, che sarà tanto maggiore quanto più è elevato il peso di scatto, anche e soprattutto dalla corsa residua del grilletto dopo il punto di sgancio. Se il grilletto poggiasse contro il fusto immediatamente dopo il punto di sgancio il grilletto non potrebbe collassare all’improvviso.

Il grano al centro del grilletto serve appunto a regolare e ridurre al minimo la corsa residua del grilletto immediatamente dopo lo sgancio. Praticamente tutte le armi da competizione hanno una regolazione del collasso al retroscatto. La punta del grano che fuoriesce dalla parte posteriore del grilletto, si appoggia al fusto, definendo così l'ampiezza della corsa del grilletto. Avvitando tale grano, lo faremo fuoriuscire maggiormente, e la corsa del grilletto diminuirà. Al contrario, svitandolo la corsa aumenterà. Ne consegue che avvitando troppo il grano, il grilletto potrebbe arrivare ad avere una corsa insufficiente a sganciare il cane. In genere il trigger-stop è ben regolato di fabbrica, o almeno dovrebbe esserlo. Però potrebbe allentarsi e causare problemi. E ovviamente, se acquistate un'arma usata non potete sapere se, e quanto, il precedente proprietario abbia giocato con quel grano.

Glock 17 Gen4
Avvitando il grano, ossia ruotandolo in senso orario, la punta fuoriesce, e la corsa del grilletto diminuisce. La parte piegata della chiave a "L" può essere utilizzata come riferimento per la rotazione.

Per regolare alla perfezione il trigger-stop di una moderna pistola semiautomatica, per prima cosa occorre procurarsi una tipica chiave a brugola a “L” della giusta misura. Se non è possibile manovrare bene la chiave, è possibile tagliare la parte lunga della “L”. Utilizzate la parte opposta della chiave, coma riferimento per avvitare o svitare il grano di 1/2 o 1/4 di giro alla volta. Ad arma rigorosamente scarica, controllate due volte per sicurezza, avvitate il grano di 1/2 giro (180 gradi). La rotazione deve avvenire in senso orario, Ad esempio, se la parte corta della brugola punta verso l'alto, dopo la rotazione dovrà puntare verso il basso. E' probabile che il grano sia stato fissato con un goccia di frena filetti, per cui la rotazione potrebbe essere difficoltosa all'inizio.

A questo punto armate il cane e premete il grilletto. Se il grilletto sgancia il cane, avvitate nuovamente il grano di 1/2 giro e fate nuovamente scattare il cane, continuando così fino a quando il grilletto non è più in grado di sganciare il cane.

A questo punto svitate, ossia ruotate in senso antiorario, il grano di 1/2 giro. Provate lo scatto, dovrebbe sganciarsi perfettamente. A questo punto la regolazione è teoricamente ottimale, ma l'arma potrebbe non funzionare bene.

Glock 17 Gen4
Svitando il grano, ossia ruotandolo in senso antiorario, la punta rientra, e la corsa del grilletto aumenta.

Sappiamo tutti che il cane ha due denti. Oltre al dente di scatto, impegnato dal controcane sul quale agisce il grilletto, che rappresenta la monta completa del cane, è in genere presente anche una seconda monta intermedia, detta prima monta o monta di sicurezza. Questo dente permette al controcane di agganciare il cane in caso di sgancio accidentale, senza che sia stato premuto il grilletto, in modo da impedire che possa colpire il percussore e far partire il colpo.

Il dente di scatto e il dente della prima monta giacciono sulla stessa semicirconferenza, per cui, in condizioni di sparo, ovvero quando il cane ruota per abbattersi, e il grilletto è tenuto premuto dal dito, il controcane non dovrebbe intercettare il dente della prima monta. Ma non è sempre così; per ovvie ragioni il dente di scatto riceve maggiori attenzioni in fase di produzione, viene rettificato e levigato. Inevitabilmente queste lavorazioni portano via del materiale, per cui in genere il dente della prima monta è sempre leggermente più sporgente rispetto al dente di scatto.

Glock 17 Gen4
Dopo la regolazione occorre accertarsi che la corsa del cane sia priva di impuntamenti. E’ possibile che, a causa della ridotta escursione del grilletto, la mezza monta del cane impatti leggermente contro la leva di scatto. Il cane viene rallentato, e la percussione diventa critica.

Ne consegue che se annullassimo completamente il collasso al retro scatto, durante la corsa del cane, il dente di prima monta riuscirebbe ad impattare leggermente sul controcane. Il cane subirebbe un rallentamento improvviso subito prima di colpire il percussore, e la percussione risulterebbe indebolita se non addirittura compromessa. In genere è questo il motivo per cui alcune pistole da tiro dinamico hanno la pessima fama di avere una percussione insufficiente, perché pochi si curano di regolare la famigerata vitina al centro del grilletto con la dovuta attenzione, e ancora meno si preoccupano di bloccare il grano con una goccia di frenafiletti. Con il tempo il grano fuoriesce dalla sua sede filettata, e la pistola inizia a soffrire di mancate percussioni, o peggio, non sgancia più il cane.

Quindi armiamo il cane e tratteniamolo con il pollice della mano sinistra. Premiamo il grilletto, e tenendolo premuto, accompagniamo lentamente il cane a riposo. Dovremo assicurarci che il tragitto del cane sia esente da impuntamenti verso la fine, dove in genere si trova la posizione di prima monta. Se sentiamo un impatto che rallenta il cane, occorrerà svitare leggermente il grano.

Glock 17 Gen4
La corretta regolazione si ha quando la corsa del cane è pulita e priva di indecisioni.

Svitiamo, ovvero ruotiamo in senso antiorario, il grano, di 1/4 di giro (90 gradi), e controlliamo nuovamente la pulizia della corsa del cane. Non appena la corsa del cane diventa pulita, la regolazione è perfetta.

Occorre adesso bloccare il grano, utilizzando del frenafiletti di media intensità. Qualcuno potrebbe obbiettare che per bloccare il grano col frenafiletti occorrerebbe prima rimuoverlo, pulire bene le due parti, mettere una goccia di frenafiletti e avvitare. In questa maniera perderemmo la regolazione. Allora prendiamo nuovamente la nostra chiave a “L”, e avvitiamo, ovvero giriamo in senso orario, il grano di ben 2 giri completi. A questo punto dovremmo utilizzare un solvente, tipo diluente nitro, acquaragia o acetone, per sgrassare la parte posteriore del grilletto e il grano. Utilizziamo un cotton fioc, o un piccolo pennello. Lasciamo inserita la chiave a brugola, così saremo sicuri che il grano non ruoterà durante la pulizia. Lasciamo asciugare il solvente, quindi versiamo una goccia di frenafiletti sopra al filetto del grano nella parte posteriore del grilletto. Svitiamo, ovvero ruotiamo in senso antiorario, il grano di 2 giri e proviamo lo scatto e la pulizia della corsa del cane. Ecco fatto, il nostro Trigger-Stop è regolato alla perfezione, non interferisce con la percussione, ed è saldamente bloccato.

Alessandro (2016)

Non si tratta di un sito commerciale
di vendite on-line.

Nessuno degli oggetti descritti è messo
in vendita su questo sito.

Sito amatoriale a solo carattere
divulgativo e informativo.
Tutti i diritti dei marchi presenti
all'interno del sito appartengono
ai legittimi proprietari.
Non si intende infrangere
alcun diritto d'autore.
L'autore si impegna a rimuovere nel più breve tempo possibile, tutte le fotografie, disegni e grafici, che siano stati presi dalla rete, qualora i legittimi proprietari ne facciano esplicita richiesta.
 
Images Gallery
 
Argomenti di interesse
Colt Combat Elite
Baikal IZH-61
Guancette G10 Lok Grips
Stoeger X5
 
STI Spartan calibro .45 ACP
 
COMMENTI
Non si trattano argomenti riguardanti la caccia, neppure la caccia ai nocivi con armi ad aria compressa. Per questi argomenti esistono siti appositi, che li trattano in maniera seria e competente.
Non si trattano argmenti riguardo il potenziamento illegale di armi di libera vendita. Per cortesia non lasciate messaggi su questi argomenti o su altre pratiche illegali in Italia.
I messaggi riguardanti argomenti illegali o non graditi, verranno rimossi senza dare alcuna spiegazione.
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.

Commenti

Nessun commento finora
*Nome:
Email:
Notifica di nuovi commenti a questo articolo
Nascondi la mia email
*Commento:
 
 
Powered by Scriptsmill Comments Script
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.
 
 
 
 
 
 
 


 
 
Raccolta di
termini tecnici, definizioni e curiosità
del mondo delle armi
0...9 - A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
 
F
 
G
 
H
 
I
 
J - K - L
 
M
 
N - O
 
P - Q
 
R
 
S
 
T
 
U-V-W-X-Y-Z