AirGun Zeta
 
ATTENZIONE !
AirGun Zeta World
su Facebook
E' UNA TRUFFA!!!
Airgun Zeta World non ha pagine Facebook. Airgun Zeta World, il sito originale www.airgunz.it non ha alcun legame con l'omonima "Airgun Zeta World" pagina Facebook di una improbabile "agenzia viaggi", che si spaccia per noi, utilizzando senza permesso il nome, il logo, le fotografie e i testi, del nostro sito. Non sappiano chi sono e soprattutto non sappiamo cosa fanno. Fate attenzione alle eventuali truffe. Grazie
ATTENZIONE !
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCHEDE
 
 
 
Stoeger X5

STOEGER X5

Compatta, leggera, dalla linea grintosa ed accattivante. Sia che la si scelga con il calcio in legno, o completamente nera, la Stoeger X5 sa affascinare. Una carabina a molla a canna basculante di libera vendita dalla linea originale che ha saputo portare una ventata di novità in un settore che ultimamente era un po' fermo. Una cinese costruta con standard occidentali; d'altro canto dietro alla cinesina c'é nientemeno che il gruppo Beretta.
Sono sempre rimasto colpito dall'estetica di questa piccola carabinetta cinese, prodotta su standard occidentali per il gruppo Beretta. La carabina è costruita in Cina dalla BAM, e questo viene confermato dalla scritta riportata sulla bascula, che recita appunto, “BAM mod. STOEGER X5”. Si tratta di una piccola arma a molla, destinata soprattutto ai più giovani e alle donne, ma che nella versione depotenziata si presta perfettamente ad essere utilizzata anche come “prima arma” anche per un adulto. E' disponibile in due versioni, quella classica, con un bel calcio in faggio, decisamente molto curato per essere un prodotto economico cinese, e la versione in polimero nero, oggetto di questa descrizione. In ogni caso ho potuto provare entrambi i modelli dal solito GB Verrina in quel di Voltri. La versione in legno è probabilmente quella che meglio si presta ad utilizzo da parte di un tiratore adulto, con un bel calcio che dà una buona sensazione di calore e consistenza. Il calcio in legno, oltre ad essere un po' più spesso come dimensione, trasmette un suono dello sparo più pieno e rotondo, mentre la versione in polimero ha un suono molto secco con una nota metallica alla fine.
Stoeger X5
La carabina all'interno della confezione.
Si tratta di una robusta scatola di cartone che protegge bene l'arma. In origine, la carabina è contenuta in un sacco di plastica trasparente.
Il libretto di istruzioni multilingue (c'è anche l'italiano) è ben fatto e curato.
L'ideale sarebbe prendere la carabina, smontarla, lucidare i piani di scatto, fare una camiciatura al pistone, e un bel relube per rendere un po' più soft il ciclo di sparo. Tutte cose che prima o poi farò, e che all'incirca sono nelle possibilità di chiunque, in quanto non necessitano di apparecchiature specifiche o costose. I più bravi, con a disposizione un tornio, sicuramente potranno ricostruire il guidamolla, ed aggiungere un top-hat su misura, ed utilizzare l'arma come base per future elaborazioni. Al momento però mi preme sapere come funziona la carabina rigorosamente di serie, mettendomi nei panni del classico tiratore principiante al suo primo acquisto di una carabina depotenziata, che desidera solo toglierla dalla scatola e inizia a sparare, senza smontare e toccare nulla. E' a coloro che si rivolge la piccola Stoeger; va detto infatti che una volta che ci siamo fatti il palato fino, difficilmente potremmo trovare interesse per una carabina come questa, se non a causa del prezzo. Il paragone con la Weihrauch HW 30S, carabina della stessa categoria, anche se praticamente costa il doppio, è improponibile, in virtù della qualità dello scatto, dell'elasticità dello sparo e della qualità delle lavorazioni in generale. Eccetto che per dimensioni e forma del calcio, la Stoeger X5 è decisamente un prodotto di fascia inferiore. Però va detto che la Stoeger, così come è, una volta che si fa l'abitudine al tremendo scatto si rivela tutto sommato precisa, e molto divertente
Stoeger X5
Ecco la carabina dal lato sinistro, con accanto la scatola chiusa e il libretto di istruzioni.
Tolta dalla scatola la carabina si presenta solida, ma con prevalenza di parti in plastica. Oltre al calcio, che possiamo però scegliere in legno, sono di plastica anche il grande terminale di volata, il ponticello e la leva della sicura. Questi elementi sono in un gradevole nero satinato. Le parti in metallo, ovvero la canna, in grilletto e il cilindro esterno, hanno superfici non troppo curate, sulle quelli si vedono le tracce dell'utensile. Queste tracce però sono molto costanti, diciamo che i pezzi non sono stati lucidati, ma non presentano sbavature o graffi indesiderati. Alla fine, la brunitura opaca da un gradevole effetto “satinato”.
Stoeger X5
Il lato destro della carabina.
Anche in questo caso il paragone con la HW 30S è d'obbligo, ed ancora una volta la cinesina soccombe senza possibilità di appello. Niente a che vedere con le superfici perfettamente levigate e brunite a regola d'arte della piccola HW 30S. Di contro, la Stoegerina ha un design decisamente più moderno: il bel terminale di volata, unito ad un calcio lungo ed avvolgente, lasciano poco scoperta la canna, dando l'idea di una carabina compatta con la canna molto corta, come vuole la moda attuale.
Stoeger X5
Sul lato destro della bascula è stampigliata la scritta “BAM mod. Stoeger X5” a voler confermare la paternità cinese della carabina.
Stoeger X5
Il lato sinistro riporta i dati previsti dalla normativa italiana: “Cal. 4,5 mm C.N. 267 < 7,5J”. Sulla canna è riportato il numero di serie dell'arma preceduto da “STG”. Seguendo la moda attuale, le scritte non sono punzonate, ma riprodotte sulla superficie del metallo. Col tempo potrebbero diventare illeggibili.
In realtà la canna non è poi molto corta, come si può vedere armando la molla. In totale, la Stoeger X5 è lunga 1030 mm, più o meno quanto una Weihrauch HW 977, di cui 420 mm sono di canna rigata. Una delle prime operazioni da fare prima di usare la carabina è sicuramente quella di pulire bene l’anima della canna. Si, lo so che ho specificato che non volevo fare alcun intervento prima di provare la carabina, ma questo, credetemi, è davvero necessario. Ho utilizzato feltrini imbevuti di alcool spinti in canna, e non sparati. L'operazione è stata lunga. I feltrini hanno continuato ad uscire completamente marroni per lungo tempo. Alla fine ho passato un feltrino con una goccia di olio e poi ho asciugato passando con un paio di feltrini asciutti. Mi sono fatto l'idea che la sporcizia in realtà sia dovuta alla presenza di olio di scarsa qualità, che si trasforma in resina marrone. Consiglio di pulire con alcool e carta-casa assorbente tutta la carabina; vedrete che la carta diventerà marrone. Appena uscita dalla scatola, per caricare la carabina occorrerà piazzare il classico colpo di Karatè sulla canna, per riuscire ad aprire la bascula, da tanto è dura. Dopo un rodaggio minimo di 100-200 colpi diventerà molto più facile aprirla.
Stoeger X5
La carabina con la canna basculata.
La chiusura avviene tramite la solita biglia in acciaio comandata da una molla. Mlto particolare la culatta, che ha un taglio trasversale, quindi l'imbocco dove si inserisce il pallino risulta essere inclinato. La gonna di alcuni diabolo spunta leggermente fuori da un lato quando lo inseriamo. L'imbocco è comunque piuttosto abbondante, tanto che il pallino entra facilmente, e tanto facilmente potrebbe uscirne quando chiudiamo la canna con la carabina rivolta in alto. Bisogna stare attenti, perché mi è capitato diverse volte di tranciare la gonna del diabolo chiudendo la canna. La guarnizione di culatta è nel solito materiale sintetico trasparente. L'aspetto non è dei migliori, ed è piuttosto incassata all'interno dell'incavo che la ospita. Da valutare l'idea di sostituirla con una di maggiore spessore e qualità.
Stoeger X5
La culatta dell'arma
Il mirino della carabina è tutt’uno con il terminale di volata, ed è realizzato in materiale plastico. E’ dotato di inserto di plastica trasparente colorata in rosso, quella che generalmente viene definita come fibra ottica. E’ protetto da un tunnel di tipo aperto a scheletro, per l’ovvio motivo di permettere il passaggio della luce per illuminare l’inserto.
Stoeger X5
Il mirino. Il tunnel non è di tipo chiuso, perché è necessario che la luce passi per illuminare la fibra ottica.
Il terminale di volata è in plastica piena. Il vivo di volata arriva quasi alla fine del tubo. Si tratta di un particolare ben riuscito, quello che rende grintosa e moderna la carabina. Sebbene la plastica abbia in effetti decisamente meno fascino del freddo acciaio, in questo caso, il grosso manicotto inserito sopra la canna ha l’indubbio vantaggio di garantire un sicura presa per la mano che carica l’arma, e allo stesso tempo evita che rimangano le impronte stampate sulla canna. In effetti, utilizzando questa carabina il tiratore potrebbe fare una intera sessione di tiro senza mai mettere le mani sulle parti in acciaio brunito, e al limite potrebbe anche evitare di pulire con olio la carabina dopo ogni utilizzo. Il terminale è fissato alla canna tramite un grano a brugola avvitato sotto di esso. Rimosso questo grano, però, non è possibile sfilare il compensatore con facilità. Pare che questo non sia incollato, ma solo inserito in pressione. Non ho avuto modo di verificarlo, ma mi pare inutile toglierlo.
Stoeger X5
Il vistoso terminale di volata è la parte più appariscente della Stoeger X5.
Sulla bascula è posizionata, come da tradizione la tacca di mira. Anche questa, al pari del mirino anteriore, è dotata di riferimenti ad alta visibilità, ma in questo caso, di colore verde. Questi sono più piccoli in diametro, in modo che allineandosi al riferimento anteriore, a causa della differente distanza dell'occhio dal mirino e dalla tacca di mira, il tiratore veda tre pallini di eguali dimensioni. Personalmente non amo molto questo tipo di inserti colorati, che oggi sembrano andare per la maggiore. Si tratta di organi di mira adatti per lo più ad un tiro istintivo, che mal si adattano ad una carabina monocolpo. Nell'uso si sono dimostrati abbastanza precisi. La tacca di mira ha il corpo in metallo brunito, ad è tenuta in sede da due viti con intaglio a croce. L'apertura vera e propria e le rotelle di regolazione sono in plastica. E' regolabile sia in alzo che in deriva, e i click sono piuttosto definiti, anche se il movimento ha la pastosità tipica dei meccanismi di plastica.
Stoeger X5
Stoeger X5
La tacca di mira montata sopra la bascula.
Il calcio della carabina è in polimero nero, con finitura satinata, di un bel disegno ergonomico. Presenta un'impugnatura sufficientemente larga e non eccessivamente inclinata, tanto da rendere la carabina piacevole da utilizzare anche da un adulto. Sono riportate zigrinature antiscivolo nei punti di presa, assenti nella versione in legno. La guancia è appena rialzata, ma anche questa è gradevole sia alla vista che in appoggio. Il calciolo in gomma si raccorda perfettamente al disegno della pala; nel suo centro è stampato il marchio della Stoeger. Lo stesso marchio è impresso sul fondo dell'impugnatura a pistola. La sensazione è quella di una discreta cura dei particolari. Il ponticello di disegno squadrato, è tutt'uno con il calcio. Davanti a questo è presente la prima delle tre viti con intaglio a croce che bloccano la meccanica al calcio. Le altre due sono in posizione classica, all'altezza della bascula.
Stoeger X5
Stoeger X5
Stoeger X5
Il calcio in polimero ha un aspetto grintoso e curato.
  Seguente

Non si tratta di un sito commerciale
di vendite on-line.

Nessuno degli oggetti descritti è messo
in vendita su questo sito.

Sito amatoriale a solo carattere
divulgativo e informativo.
Tutti i diritti dei marchi presenti
all'interno del sito appartengono
ai legittimi proprietari.
Non si intende infrangere
alcun diritto d'autore.
L'autore si impegna a rimuovere nel più breve tempo possibile, tutte le fotografie, disegni e grafici, che siano stati presi dalla rete, qualora i legittimi proprietari ne facciano esplicita richiesta.
 
Images Gallery
 
Argomenti di interesse
1911 Consigli e Divieti
Chairgun
Colt Competition Pistol
HAWKE VARMINT 6-24x44 SF (Side Focus)
 
STI Spartan calibro .45 ACP
 
COMMENTI
Non si trattano argomenti riguardanti la caccia, neppure la caccia ai nocivi con armi ad aria compressa. Per questi argomenti esistono siti appositi, che li trattano in maniera seria e competente.
Non si trattano argmenti riguardo il potenziamento illegale di armi di libera vendita. Per cortesia non lasciate messaggi su questi argomenti o su altre pratiche illegali in Italia.
I messaggi riguardanti argomenti illegali o non graditi, verranno rimossi senza dare alcuna spiegazione.
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.

Commenti

Daniele
15 Gen 2015, 16:31
Ok ti ringrazio...
deduco anche che la seconda domanda non ha avuto ririsposta perché è vietato anche portarla a 7 joule +o-
Alessandro
15 Gen 2015, 10:32
Una pulizia generale, controllo guarnizioni e sostituzione della molletta dello scatto. Direi che sono cose alla portata di tutti.
Daniele
15 Gen 2015, 10:13
Innanzitutto grazie mille per la risposta...
poi se dovessi smontare l'arma cosa mi consigli di fare?

Altra domanda
Premetto che ho letto il regolamento e so che è vietato fare domande su come si modificano le carabine....
Io ho una domanda sulla questione ma non riguarda la modifica per superare il limite consentito dalla legge ma di avvicinarmi il più possibile....
e lo stesso vietato o si può fare?

Alessandro
14 Gen 2015, 13:08
L'esploso lo trovi anche su questo sito alla voce "esplosi" in alto a destra.

Oltre a pulire un po' la canna direi che non puoi fare nulla, a meno di non smontare tutta la carabina.

Ciao
Alessandro
Daniele
14 Gen 2015, 01:48
Ciao Alessandro
Oggi ho comprato la piccola x5 è davvero divertente...
volevo chiederti se sai dove trovare lo spaccato o esploso della carabina...
poi oltre alla pulizia della canna ci sono altri interventi che consigli prima di utilizzarla?
Grazi mille
Alessandro
03 Giu 2013, 19:31
Benelli Armi s.p.a. Via della Stazione, 50 61029 Urbino (PU) - Italy - www.benelli.it/Azienda

oppure in armeria dove hai comprato la carabina.

ciao
giorgio cardinale
02 Giu 2013, 19:41
nella mia carabina stoeger x5 si e rotto il mirino anteriore ma non la bacchettina rossa infibra ma ben si il suo allogio.vorrei sapere dove trovare il pezzo nuovo grazie.

Lino
28 Set 2012, 23:13
Grazie alessandro per la dritta, nessun negoziante mi aveva proposto la diana, sei davvero professionale nelle risposte e non puoi capire quanto valgono le informazioni che rendi disponibili su airgunz

grazie di nuovo
Alessandro
28 Set 2012, 06:25
Compra una Diana F21 Panther, all'incirca costa la stessa cifra, intorno ai 130-140 euro, ed è molto meglio come meccanica, precisione e affidabilità.

ciao
Lino
27 Set 2012, 23:28
Ciao Alessandro
Dovrei comprare la mia prima carabina, e considerando il budget limitato, sono indeciso fra la deltafox gamo e la x5 tu che mi consigli? l'uso che ne dovrei fare per il momento è di divertirmi con i miei figli al tiro.

grazie e ciao
giovanni
08 Ago 2012, 06:49
si ma e comunque più grande della diana
Alessandro
07 Ago 2012, 21:41
Però non la X5, avrai preso un altro modello, perché la X5 è molto piccola e costa decisamente meno (120 € la sintetica, 140 la legno) della Diana.
giovanni
07 Ago 2012, 09:27
grazie alessando alla fine ho scelto la stoeger il prezzo era uguala alla diana ma la stoeger mi soddisfa di più della diana. la diana e molto piccola e per quanto ri guarda la pecisione la stoeger al poligono e risultata meglio della diana di mio cugino grazie.
Alessandro
06 Ago 2012, 18:30
Si tratta di due prodotti completamente differenti. La Diana è tedesca, buone finiture e bruniture, ottimi materiali, scatto relativamente leggero, regolabile e ben sfruttabile, anche se meno sofisticato di quello montato sulle Diana più grandi, buono il montaggio e componenti interne precise. Un prodotto robusto, preciso ed affidabile.

La Stoeger X5 è cinese, il che significa che costa poco, anche se alla fine vista l'economicità di entrambe le armi si risparmiano giusto una cinquantina di euro rispetto alla Diana. Finiture metalliche e bruniture gorssolane, montaggio interno approssimativo e pieno di bave e residui di lavorazione. In generale si tratta di un progetto molto rozzo e spartano. La differenza sostanziale la fa lo scatto, che nella X5 è molto duro, a presa diretta formato da lamiere saldate. Solo lo scatto della Diana vale molto più della differenza di prezzo tra le due armi.

L'unica cosa piacevole è il calcio, sia quello in plastica che quello in legno.

Io ne ho avuta una e riuscivo ad essere relativamente preciso fino a 15 metri al massimo, mentre con una Diana si riesce a sparare con molta precisione fino a 25 metri. Oltretutto la precisione diminuiva un po' montando un'ottica di tiro, il che mi fa pensare che la bascula non chiudesse in maniera costante. Le Stoeger sono tutto sommato discrete carabine, come tutte la cinesi in genere, ma necessitano di qualche ritocco e qualche miglioria interna. Mentre per quanto riguarda le altre cinesi spesso il risparmio è notevole (si pensi alla B36, a canna fissa, che costa molto meno di una canna pieghevole tedesca), nel caso della Stoeger X5, non so se effettivamente il gioco possa valere la cosiddetta candela. Meglio la Diana.
giovanni
06 Ago 2012, 17:20
tra la x5 e la diana f21 cosa cambia e quale è la migliore?
giovanni
05 Ago 2012, 13:49
in poche parole questa carabina
e prodotta dai migliori produttori cinesi con desaing beretta ma marcato benelli
Alessandro
03 Ago 2012, 06:31
Benelli è l'importatore, e proprietario del marchio Stoeger (Americano). Il produttore è BAM, il più noto produttore cinese di armi ad aria compressa. Il marchio BAM compare anche sulla bascula.

La scheda di conformità, CN 267 comparsa nella Gazzetta Ufficiale numero 166 del 17-7-2008 conferma ufficialmente che l'arma è stata prodotta in Cina e importata direttamente dalla Cina.

Anche la Crosman, storico marchio americano di armi ad aria compressa, si fa fare le armi in Cina.

ciao
Alessandro
giovanni
02 Ago 2012, 23:28
non e affatto cinese quello che ho io e stata prodotta dalla benelli in italia con il gruppo beretta
Mick
13 Mag 2011, 23:34
aaah ecco svelato il motivo, hanno le stesse caratteristiche..
La busta della molla appena arrivata l'ho messa da parte apposta infatti . . purtroppo non ho un cronografo per misurare i joule anche perchè lo userei poco e un combro usato non l'ho trovato da nessuna parte in internet.
Comunque grazie tante per la delucidazione sei un punto di riferimento.
Grazie ancora!
Alessandro
13 Mag 2011, 17:23
La X10 e la X20 hanno le stesse caratteristiche. Da qualche parte, all'interno di una qualche Gazzetta Ufficiale ci deve essere una nota del tipo "il modello può essere denominato anche ...". Non sono riuscito a trovare questa nota, ma di sicuro da qualche parte c'é.
Le spire che fanno parte dell'intestatura vanno contate. A volte le molle vengono tagliate in base alla loro lunghezza, e non in base al numero di spire, con buona pace dei dati riportati sul catalogo nazionale. Di sicuro non ho mai ben capito a cosa possa servire avere un catalogo nazionale di "non armi" (o meglio, lo capisco benissimo, capisciammè), visto che i dati riportati non sono vincolanti (le case produttrici possono modificare i modelli senza dover rifare la catalogazione) e spesso sono anche errati e nessuno si prende la briga di correggerli.
Quello che conta è la presenza dei punzoni di legge e che l'energia cinetica misurata alla bocca non superari i 7,5 Joule.

La molla della X10/X20 è di 32,5 spire. Ovvio che la molla nuova sia più lunga, perché quella che c'era si è accorciata con l'uso.

Se la molla è un ricambio originale, e non supera il numero di spire riportato nel catalogo è in regola. Se dovessi notare che c'é mezza o una spira in più, al limite conserva la busta con l'etichetta riportante la marca e il modello dell'arma a cui si riferisce il ricambio, se c'é. Oppure contatta il venditore e chiedigli di sostituirtela con una molla a norma.

ciao
MIck
13 Mag 2011, 15:33
Ciao Alessandro! come sai posseggo una stoeger x20, ultimamente ho un pensiero fisso.. ho notato che nella mia stoeger il numero segnato su CN è 268, ma nel catalogo al numero 268 risulta la X10 come mai?
Hanno forse lo stessa sistema ?
poi un'altra cosa.. mi è successo che mi si era rotta la molla stoeger.. l'ho ordinata e mi è arrivata .. ma la molla risulta essere a 32 spire.. piu le spire piatte alle estremità, cioè quelle piegate.. potrebbe quindi contarsi come 32,5 come hai scritto tu nella descrizione della x10.
Il fatto che mi stranizza è che la molla che c'era dentro quando l'ho comprata nuova.. era a spire 31,5 ... come mai?
Eppure la nuova molla mi è arrivata in armeria dalla stoeger.. cioè Franchi che ne è il distributore..
risulta con una spira in piu e piu lunga..
devo preoccuparmi? come mai questa stranezza..? ma nel catalogo nazionale c'è scritto di quante spire deve essere ma molla per ogni modello?
0.o
Help!
Giovanni
05 Gen 2011, 23:00
Capisco, grazie mille Alessandro e complimenti per il blog completo e fatto bene
Alessandro
04 Gen 2011, 07:27
Il registro di carico e scarico rimane in armeria e non avviene nessuna segnalazione o denuncia alle forze dell'ordine. In caso venga ritrovata una di queste armi in maniera "sospetta", dalla matricola si può risalire all'armeria e quindi al solo primo acquirente, in quale eventualmente dovrà fornire i dati del secondo proprietario e così via. Non so quanta validità possa a vere ai fini pratici un tale sistema di registrazione.
Giovanni
03 Gen 2011, 22:34
Salve volevo chiedere una cosa che mi lascia un dubbio,le carabine a quanto ho al momento dell'acquisto vengono inserite in un elenco, ma i nominativi vengono poi mandati in polizia ogni mese come per le armi comuni da sparo o no? e poi, possono effettuare controlli a casa avendo la carabina ad aria compressa?
grazie
Massimo
25 Dic 2010, 20:37
Salve, mi scusi nel messaggio che le ho inviato poc'anzi le ho nascosto il mio indirizzo e - mail.
*Nome:
Email:
Notifica di nuovi commenti a questo articolo
Nascondi la mia email
*Commento:
 
 
Powered by Scriptsmill Comments Script
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.
 
 
 
 
 
 
 
 


 
 
Raccolta di
termini tecnici, definizioni e curiosità
del mondo delle armi
0...9 - A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
 
F
 
G
 
H
 
I
 
J - K - L
 
M
 
N - O
 
P - Q
 
R
 
S
 
T
 
U-V-W-X-Y-Z