AZ Gun
 
ATTENZIONE !
AirGun Zeta World
su Facebook
E' UNA TRUFFA!!!
Airgun Zeta World non ha pagine Facebook. Airgun Zeta World, il sito originale www.airgunz.it non ha alcun legame con l'omonima "Airgun Zeta World" pagina Facebook di una improbabile "agenzia viaggi", che si spaccia per noi, utilizzando senza permesso il nome, il logo, le fotografie e i testi, del nostro sito. Non sappiano chi sono e soprattutto non sappiamo cosa fanno. Fate attenzione alle eventuali truffe. Grazie
ATTENZIONE !
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCHEDE
 
 
 
Remington 1911-R1

GUIDA ALLO SMONTAGGIO DELLE PISTOLE 1911

Una delle caratteristiche più apprezzate della 1911, la mitica ex ordinanza dell'esercito degli Stati Uniti, è la possibilità di smontarla pezzo per pezzo, senza difficoltà e senza bisogno di complicate attrezzature.
Prima di accingervi a smontare un'arma, è necessario che ne conosciate il funzionamento alla perfezione. Si suppone che conosciate piuttosto bene la vostra arma, quella con la quale sparate al poligono, ma non lo darei per scontato. Alcune funzioni, specialmente quelle relative ai meccanismi interni, non sono mai utilizzate volontariamente dal tiratore. Esistono dei test di controllo che vi permettono di capire se la vostra arma funziona perfettamente, e di come i principali dispositivi interni agiscono.

Dovete assicurarvi del perfetto funzionamento dell'arma "prima" di ogni smontaggio, e assicurarvi che l'arma funzioni nello stesso identico modo "dopo" averla rimontata. Se lo smontaggio di un'arma è una pratica alla portata di chiunque, o quasi, non è affatto scontato che sia altrettanto facile rimontarla correttamente.

Questo tipo di controllo preliminare, è utile anche nel caso vi accingiate ad acquistare una pistola usata, per assicurarvi che essa funzioni come si deve, o che non sia stata manomessa in alcuna modo. Questo test andrà ripetuto, passo per passo, dopo il rimontaggio, e io direi sempre prima di recarvi al poligono a sparare.
TEST DI CONTROLLO PER LE PISTOLE TIPO 1911.
Questi controlli sono da effettuarsi sempre, sia prima che dopo lo smontaggio, prima di utilizzare l'arma, e ogni qualvolta vi accingete a sparare o smontare un'arma non vostra, o prima di acquistare una pistola usata.

1) Togliere il caricatore e controllate il funzionamento del pulsante di rilascio. Con l'arma in chiusura, anche se scarica, il caricatore deve cadere con forza sul palmo della mano, spinto dalla molla dell'elevatore.

2) Con il dito rigorosamente fuori dalla guardia del grilletto, tirare il carrello all'indietro, e con il pollice sollevate la leva dello slide-stop, in maniera da lasciare il carrello in apertura.

3) Assicuratevi visivamente che la camera di cartuccia sia vuota. Eventualmente inserite il dito mignolo dentro la camera di cartuccia.

4) Ispezionate la camera di cartuccia e la rampa di alimentazione, controllandone lo stato.

5) Controllate lo stato dell'anima della canna, la rigatura, e la corona della bocca.

6) Controllate lo stato della faccia dell'otturatore e del'unghia estrattrice.
Test di Controllo 1911
Prima di maneggiare l'arma controllate che sia scarica, e controllate lo stato interno di canna e componenti visibili.
7) Chiudete il carrello e inserite il caricatore. Il serbatoio dei colpi deve restare saldamente bloccato dal dente del pulsante di rilascio.

8) Tirate indietro il carrello fino a fine corsa e rilasciatelo. Il carrello deve rimanere bloccato in apertura con il caricatore vuoto inserito.

9) Con il carrello aperto premete il pulsante di sgancio del caricatore. Il caricatore vuoto deve cadere sul palmo della mano per gravità, senza impuntamenti o indecisioni.

10) Chiudete il carrello e fate una pressione con il pollice sopra la porzione della culatta visibile attraverso la finestra d'espulsione. La canna deve mantenere la chiusura e non deve muoversi. In questa maniera si controlla lo stato della bielletta. Se la pressione del pollice sblocca la canna facilmente, è probabile che la bielletta sia troppo corta.

11) Controllate la tenuta della boccola di volata con la canna e con il carrello. La boccola deve essere ben ferma.

12) Armate il cane e sollevate la sicura manuale. Premete il grilletto, il cane non deve abbattersi. Portate il cane vicino all'orecchio e tiratelo indietro. Non si deve sentire nessuno scatto. Se si sente lo scatto significa che il perno interno della sicura manuale è troppo corto, e il grilletto riesce ad impegnare il controcane. La sicura ma sostituita.

13) Togliete la sicura. Premete il grilletto senza toccare la sicura dorsale. Il cane non deve abbattersi.
Test di Controllo 1911
La sicura dorsale deve impedire lo sparo accidentale in ogni condizione, escluso quando l'arma è correttamente impugnata.
14) Controllo di sicurezza con la gravità. Ripetete la prova puntando la pistola verso il basso. La sicura dorsale non deve spostarsi da sola per gravità e il cane non deve sganciarsi quando si preme il grilletto.

15) Impugnate la pistola normalmente e premete il grilletto, adesso il cane deve cadere. A cane caduto continuate ad impugnare la pistola e scarrellate. Il cane deve rimanere alzato. Adesso continuando a tenere premuto il grilletto, togliete pressione sulla sicura dorsale. La sicura deve rimanere premuta da sola. Togliete il dito dal grilletto, e sia il grilletto che la sicura dorsale devono scattare.

16) Bloccate il carrello in apertura. Inserite il caricatore con un colpo fittizio (colpo scarico o un salvapercussore), impugnate saldamente e rilasciate il carrello premendo lo slide-stop. Ripetete tenendo premuto il grilletto. In entrambi i casi il cane non deve abbattersi sulla prima monta. Nel caso non si possegga un proiettile fittizio, è possibile eseguire il test anche a vuoto, tenendo ben presente che è sconsigliabile fare scattare abitualmente l'otturatore quando la pistola è scarica, soprattutto su quelle armi con lo scatto preparato da gara.
Test di Controllo 1911
Il cosiddetto "Hammer Follow Through", il cane si abbatte sulla prima monta quando carrello torna in batteria dopo aver premuto la leva dello slide-stop. Potrebbe accadere su armi il cui scatto è stato alleggerito. Richiudere il carrello sulla camera vuota usando lo slide-stop provoca un certo sconquasso alla catena di scatto. Non fatelo mai se l'arma è di tipo match, con il grilletto alleggerito. E' preferibile inserire un caricatore con un colpo scarico o un salvapercussore in maniera da alimentare il colpo durante la chiusura del carrello. Eseguire il test con un colpo fittizio permette di verificare le reali condizioni di utilizzo della pistola.
17) Portate il carrello all'indietro, premete il grilletto e la sicura dorsale, impugnando l'arma normalmente. Rilasciare il carrello. Il cane non deve abbattersi.

18) Portate e tenete il carrello in una posizione intermedia tra l'apertura totale e la chiusura. Premete il grilletto e la sicura dorsale. Rilasciate il carrello. Il cane non deve abbattersi.

19) Portate e tenete il carrello all'indietro di pochi millimetri in una posizione di parziale apertura ma con il cane ancora libero di cadere. Premete grilletto e sicura dorsale. Il cane non deve abbattersi.

20) Adesso togliete il dito dal grilletto e poi premetelo di nuovo. Il cane deve cadere. Le prove 15, 16, 17, 18 e 19 servono per controllare il funzionamento del disconnettore.
Test di Controllo 1911
Se il disconnettore funziona a dovere, il cane deve rimanere armato, subito dopo lo sparo, anche se il grilletto rimane premuto. Se così non fosse, la pistola sparerebbe a raffica. Se al contrario il disconnettore una volta attivato non riuscisse a disattivarsi, ad esempio per mancanza di una adeguata spinta da parte della molla a lamina, la pistola rimarrebbe bloccata con il cane armato.
21) Portate il cane sulla mezza monta e premete il grilletto. Il cane non deve abbattersi sulle pistole precedenti alla serie '80, quelle senza sicura automatica al percussore. Il cane deve abbattersi su pistole della serie 80 e successive, quelle con la sicura automatica al percussore. Nella pistole precedenti alla serie '80, la mezza monta del cane era a forma di gancio, mentre dalla serie '80 in poi la mezza monta è un semplice scalino.

22) Alzate il cane con il pollice, ma fermatevi prima che rimanga armato. Lasciatelo andare senza premere il grilletto. Il cane deve fermarsi sulla prima monta.

23) Controllo del funzionamento della sicura automatica al percussore (solo per i modelli che la prevedono). Armate il cane, e con un cacciaspine premete la testa del percussore. La sua escursione deve risultare bloccata.

24) Impugnate la pistola, premete il grilletto e tenetelo premuto. Sempre con la mano che impugna la pistola, alzate il cane con il pollice e tenetelo alzato, mantenendo al contempo il grilletto premuto. Con il cacciaspine premete la testa del percussore. Ora dovrà essere libero di muoversi all'interno della sua sede.

25) Per finire controllate visivamente lo stato esterno della pistola, e del caricatore. Verificate che i giochi tra canna e carrello non siano eccessivi, e che non siano presenti incrinature e rotture.
Test di Controllo 1911
Assicuratevi del corretto funzionamento della mezza monta del cane.
Eseguite questi test prima e dopo lo smontaggio della pistola, e prima dell'acquisto di una pistola sia nuova che usata. Molte di queste prove possono essere eseguite anche su armi differenti dalla 1911. Il disconnettore, ad esempio deve funzionare allo stesso modo su tutte le pistole semiautomatiche. Alcune di queste prove sono però specifiche per le 1911.
LO SMONTAGGIO DELLA 1911
Per illustrare la sequenza di smontaggio di una 1911 standard, userò la mia Remington 1911-R1, una pistola tipo 1911 che ricalca abbastanza fedelmente una vera Colt 1911-A1 militare. In questo caso, le uniche differenze salienti rispetto ad una pistola militare è l'utilizzo, all'interno della Remington, così come in molte altre 1911 moderne, di parti definite come match. Lo smontaggio da campo di una 1911 inizia generalmente con la rimozione della boccola di volata. Prima di eseguire questa operazione indossate sempre gli occhiali protettivi; la molla di recupero in tensione potrebbe lanciare il tubetto reggispinta come se fosse un proiettile, ed è meglio proteggere gli occhi. Canna e boccola di volata di tipo match sono fissate in maniera molto stretta tra di loro. Per ruotare la boccola di volata, in questo caso, si deve utilizzare una apposita chiave in plastica, consegnata insieme alla pistola. Personalmente preferisco utilizzare una tecnica differente, proprio per evitare di utilizzare la chiave, e segnare troppo vistosamente la volata della canna. La procedura consigliata, anche per motivi di sicurezza è comunque quella che prevede l'utilizzo della chiave (bushing wrench). In altri casi, quando si è in presenza di guida molla lungo è possibile che venga richiesto l'utilizzo di chiavi a brugola, oppure di una comune graffetta da ufficio da inserire all'interno di un forellino del guida molla per bloccarlo, o ancora di rimuovere il bushing solo in un secondo tempo. Alcune 1911 moderne da competizione sono prive di bushing e hanno una canna dal profilo tronco conico che va a bloccare il tubetto reggispinta. Altre hanno un compensatore di volata integrale alla canna. Le pistole Colt Government Series 70 e 80 hanno una speciale boccola a collare elastico, che si fissa alla canna in maniera molto salda. Anche in questo caso è necessaria la chiave di smontaggio. In ogni caso, la procedura di smontaggio da campo è sempre riportata sul manuale in quanto è assolutamente necessario eseguirla per la pulizia ordinaria dell'arma. Una volta finito lo smontaggio da campo, lo smontaggio completo dell'arma è praticamente identico per ogni modello. Le uniche differenze stanno nella presenza o meno della sicura automatica al percussore (series 80 e successive). Le Gold Cup National Match serie 70 e 80 hanno anche una piccola levetta e una molla supplementari, che si inseriscono all'interno del controcane. Quello che segue è un diagramma dell'esploso delle parti, che ho personalmente realizzato grazie ad una serie di copia e incolla, il quale dovrebbe tenere conto di tutte le varianti, almeno per quanto riguarda le pistole di produzione Colt. Alcune armi ispirate alla 1911, ne hanno modificato il progetto. Mi riferisco a modifiche nel funzionamento, non a semplici aggiornamenti, tipo l'adozione di sicure dorsali maggiorate o mire regolabili. Alcune montano una canna con rampa di alimentazione integrale allo zoccolo inferiore, invece che ricavata sul fusto. Altre montano estrattori esterni. Alcune altre montano sicure automatiche al percussore azionate dalla sicura dorsale piuttosto che dal grilletto (sicura automatica tipo Swartz). Per non parlare di alcune vecchie pistole, tipo la Ballester-Molina, che pur mantenendo l'aspetto di una 1911, ne avevano semplificato la struttura interna. Mi pare ovvio che tutte queste varianti possano avere procedure di smontaggio leggermente differenti rispetto a quella che descriverò di seguito.
Colt 1911 e varianti- esploso
L'esploso delle parti.
L'immagine è visualizzata con una risoluzione inferiore all'originale
e potrebbe risultare non sufficientemente chiara.
Per una corretta visualizzazione cliccare sull'immagine.
Ballester-Molina
Una Ballester-Molina, pistola adottata dall'esercito Argentino a partire dal 1938. L'Argentina, già aveva adottato pistole system Colt, sia vendute dalla Colt che prodotte autonomamente su licenza. Questa è una copia semplificata e più economica della M1911A1. Per esplicita richiesta dell'esercito canna e caricatore dovevano essere intercambiabili con quelle delle "vere" System colt Modelo 1916 e 1927 già in dotazione all'esercito Argentino. Si tratta di uno dei tanti "quasi cloni" della 1911.
Sig Sauer GSR
La Sig Sauer GSR è una 1911-A1 che monta un carrello dalle linee molto fritzeggianti. L'estrattore è esterno, come si può vedere. La filiale americana della casa tedesca attualmente produce anche versioni più classiche della 1911. Il carrello squadrato non è compatibile con le fondine e alcuni altri accessori adatti alla 1911 e non piace molto ai potenziali clienti americani.
SMONTIAMO E ANALIZZIAMO LA REMINGTON 1911-R1
Iniziamo adesso lo smontaggio completo della 1911. Occorrono alcuni materiali per lavorare sulla pistola. Oltre agli obbligatori occhiali protettivi, consiglio di procurarvi una vaschetta all'interno della quale andrete a riporre tutti i pezzi man mano che li separerete dal corpo della pistola. Altrettanto consigliabile è l'utilizzo di un tappetino antiscivolo pulito. Uno di quei tappetino forati che vendono sulle bancarelle dei mercati andrà benissimo. Infine un blocchettino di legno dove appoggeremo la pistola quando dovrete rimuovere la spina del dorsalino porta molla del cane.
Remington 1911-R1
La brunitura della 1911-R1 si è rivelata una vera e propria delusione. A parte le macchie marroni sul carrello, che sono rinvenute dopo pochissimi giorni dall'acquisto, ho trovato la sicura dorsale, e il dorsalino porta molla quasi completamente sbiancati dopo soli 300 colpi sparati. E' incredibile pensare la mia Weihrauch HW 30S, dopo anni di uso e migliaia di caricamenti piegando la canna con la mano, ha la brunitura praticamente intatta. Inoltre è già piena di piccoli segni e graffi dovuti al maneggio, che si sono formati nonostante tutte le mie precauzioni.
Come strumenti procuratevi un buon cacciavite ad inserti intercambiabili. Una bussola a lama tra le più grandi dovrebbe essere della giusta misura per svitare le viti delle guancette senza rovinarne gli intagli. Un cacciavite a lama più piccolo sarà utile per rimuovere il pulsante di rilascio del caricatore dal fusto. Servirà anche un cacciaspine, ma io preferisco utilizzare il manico spezzato di un pennello di legno, così non rovino nulla. Sempre il manico di un pennello e lo spazzolino che di solito si utilizza per la pulizia saranno utili per smontare il caricatore. Per rimontare la pistola serve una lamina abbastanza lunga e piatta, per rimontare la leva della sicura. In questo caso per non rovinare nulla, io utilizzo una lamella di plastica, ricavata da una custodia porta DVD. In questo articolo non parlo del rimontaggio, ma mi sembrava comunque giusto avvisarvi, se vi accingete a smontare l'arma per la prima volta, che nel rimontarla incontrerete questa criticità. Se possedete una vera Colt militare, in via dl tutto teorica, non serve nulla; gran parte dei pezzi che andremo a rimuovere potranno essere usati come cacciaviti o cacciaspine per rimuovere i pezzi rimanenti.

Dopo il precedente test, che vi consiglio di eseguire sempre, soprattutto prima di smontare un'arma che non conoscete bene, ci troveremo tra le mani una pistola completamente scarica e priva di caricatore. Se non avete intenzione di perdere tempo a controllare il funzionamento dell'arma (ma il tempo perso all'inizio potrebbe evitarvi inutili perdite di tempo in seguito), rimuovete il caricatore, scaricate l'arma e controllate visivamente che la camera di cartuccia sia vuota.

Per prima cosa è preferibile rimuovere le guancette per non rovinarle. Per svitare le grosse viti che le tengono è necessario procurarsi un buon cacciavite ad inserti, con la bussola della giusta misura. Le viti rovinate non sono belle da vedere e sono indice di scarse capacità manuali. Piuttosto adattate un cacciavite al taglio presente sulle viti. Se la vostra è una Colt 1911 o 1911-A1 militare vera, al posto del cacciavite potremo usare il bossolo di un proiettile in calibro .45 ACP. Il bordo dell'orlatura del fondello ha l'esatta dimensione dell'intaglio delle viti. La mia pistola è solo un clone, e il bossolo non entra, per pochissimo devo dire. E' probabile che questa caratteristica della pistola si sia persa, nelle versioni più recenti, ma come ho accennato poc'anzi, la 1911 è stata progettata da John Moses Browning per poter essere completamente smontata sul campo senza utilizzare alcun attrezzo.
Smontaggio Pistole tipo Colt 1911
Per evitare di intaccare le viti delle guance, utilizziamo un cacciavite di misura adeguata.
A questo punto è il caso di indossare gli occhiali protettivi, gli stessi che usate al poligono. Quindi inseriamo la sicura manuale e con il pollice premiamo il tappo del tubetto reggispinta, mentre con le dita dell'altra mano ruotiamo il bushing in senso orario. Attenzione, il tappo è caricato dalla molla di recupero, quindi trattenetelo con forza, quando lo sfilate. Mettiamo da parte il tappo, e lasciamo la molla di recupero al suo posto, in quanto è fissata in maniera abbastanza stretta al guida molla, e non c'é ragione per separare i due elementi. Ho già scritto che per eseguire questa operazione potrebbe essere necessaria una chiave apposita, o altri strumenti.
Smontaggio Pistole tipo Colt 1911
Il bushing va ruotato verso sinistra per svincolare il tappo reggispinta. Io non uso la chiave, ma su questa pistola è necessaria. Chi ha occhio clinico probabilmente ha già capito il trucco.
Arretriamo il carrello fino a quando la fresatura semicircolare sul lato sinistro del carrello non sia allineata al centro del dente della leva dell'hold-open. Quindi premiamo sul perno della leva, che fuoriesce dal lato destro del fusto, ed estraiamola completamente. Anche in questo caso conserviamo la leva in un luogo sicuro.
Smontaggio Pistole tipo Colt 1911
Facciamo forza sul perno che fuoriesce dal fusto dalla parte opposta, per estrarre la leva dello slide-stop.
LA SICURA AUTOMATICA TIPO SWARTZ
Tutte le Kimber di recente produzione, quelle che hanno il nome del modello con il suffisso II (secondo), sono dotate di sicura automatica al percussore di tipo Swartz. Si tratta di un tipo di sicura che non è collegata alla catena di scatto come quella delle serie 80, ma bensì alla sicura dorsale. Impugnando correttamente l'arma, oltre a disinserire la sicura dorsale e sbloccare quindi la trazione del grilletto, viene liberato anche il percussore. Tale sicura prende il nome del tecnico Colt, William L. Swartz, che nel 1937 la mise a punto. A parte qualche sporadico esemplare di National Match, la Colt non la utilizzò, sebbene ne detenesse il brevetto. In queste pistole è assolutamente necessario eseguire lo smontaggio e il rimontaggio da campo, senza tenere premuta la sicura dorsale, pena il malfunzionamento e a lungo andare anche la rottura della bielletta responsabile dell'azionamento della sicura. Se la vostra pistola monta una sicura automatica tipo Swartz non premete la sicura dorsale durante lo smontaggio e il rimontaggio.
A questo punto facciamo avanzare tutto il blocco del carrello e lo separiamo dal fusto.

Rimuoviamo molla e guida molla e mettiamoli da parte.

Ruotiamo il bushing in senso antiorario. Se avete canna e bushing realizzati su specifica match è possibile che non riusciate a ruotare la boccola a mano. Per riuscirci è sufficiente sbloccare la canna, svincolando le alette semilunari dai risalti del carrello, e facendola avanzare di circa mezzo pollice in avanti. Adesso il bushing ruoterà con facilità. Si può usare lo stesso trucco per ruotare il bushing senza l'ausilio della chiave, anche quando l'arma è montata. Basta tirare il carrello leggermente all'indietro per sbloccare la chiusura. Appena il bushing arriva a non ruotare più, tiriamolo semplicemente fuori dal carrello.
Smontaggio Pistole tipo Colt 1911
Canna e boccola match si separano solo facendo avanzare leggermente la canna.
Adesso ruotiamo la biella in avanti, e facciamo passare la canna dal foro anteriore del carrello. Lo smontaggio di campagna è completato.
  Seguente

Non si tratta di un sito commerciale
di vendite on-line.

Nessuno degli oggetti descritti è messo
in vendita su questo sito.

Sito amatoriale a solo carattere
divulgativo e informativo.
Tutti i diritti dei marchi presenti
all'interno del sito appartengono
ai legittimi proprietari.
Non si intende infrangere
alcun diritto d'autore.
L'autore si impegna a rimuovere nel più breve tempo possibile, tutte le fotografie, disegni e grafici, che siano stati presi dalla rete, qualora i legittimi proprietari ne facciano esplicita richiesta.
 
Images Gallery
 
Argomenti di interesse
Beretta M9A3
Arms S400 Classic
Colt Combat Unit
WEIHRAUCH HW30S
 
STI Spartan calibro .45 ACP
 
COMMENTI
Non si trattano argomenti riguardanti la caccia, neppure la caccia ai nocivi con armi ad aria compressa. Per questi argomenti esistono siti appositi, che li trattano in maniera seria e competente.
Non si trattano argmenti riguardo il potenziamento illegale di armi di libera vendita. Per cortesia non lasciate messaggi su questi argomenti o su altre pratiche illegali in Italia.
I messaggi riguardanti argomenti illegali o non graditi, verranno rimossi senza dare alcuna spiegazione.
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.

Commenti

Alessandro
23 Set 2014, 10:48
Di Softair 1911 ce ne sono a bizzeffe, per cui ovviamente non ti posso dare una risposta precisa. Un cilindretto lungo 2 cm sarà sicuramente un perno, e molto probabilmente il perno che tiene il dente di scatto.

Ciao
Alessandro
Giustino
22 Set 2014, 22:23
Salve, volevo farvi una domanda, ho un amico che ha una colt 1911 della WE a gas, lo stupido in questione dopo averla comprata voleva potenziarla, ma giustamente essendo ignorante in materia ci ha provato ma provocando solo danni in quanto il cane non rimane abbassato e poi non so quali altri problemi tipo perdita di gas, avete almeno una soluzione per il cane che non si blocca ? nella scatola è presente un piccolo cilindro che lui non sa da dov'è uscito, io penso sia quello il problema, sapete dirmi doe andrebbe ? è di circa 2 cm largo 2 mm circa ( nero ) .
grazie per la cortese attenzione.
Alessandro
29 Dic 2013, 17:54
Devi portarla in armeria e farla mandare in assistenza.

Questa è una prova che non va fatta per abitudine, perché provoca un certo contraccolpo allo scatto. Però se questa prova fallisce c'é un potenziale problema, che andrebbe risolto.

Prova a ripetere la prova usando una cartuccia finta salva percussore, inserita nel caricatore. Non dovrebbe succedere, perché la cartuccia rallenta il movimento del carrello. Il rischio che durante lo sparo ti possa ritrovare con il cane disarmato dopo il colpo non dovrebbe esserci, nell'immediato, ma in futuro potrebbe presentarsi questo problema.

In gni caso la pistola non spara a raffica, perché il disconnettore fa si che il cane cada sulla prima monta, quindi non è pericoloso, a meno di non voler usare la pistola per difesa.

Lo scatto l'hai pesato? Se la porti in armeria, fallo pesare. Dovrebbe stare intorno alle 4 o 5 libbre (1,9 - 2,4 Kg).

Se l'armiere ti dice che è tutto a posto, prova a contattare l'importatore.

Questi test non li ho inventati io, ma sono riportati sui più importanti manuali per armaioli americani, come ad esempio i manuali di Kuhnhausen, che sono una specie di bibbia per la 1911. Questo perché è facile che l'armiere ti dirà che su internet trovi tutto e il contrario di tutto, ma su questi test qui sono più che sicuro.

ciao
Alessandro
luigi
29 Dic 2013, 14:11
Io ho il problema del punto 16) Bloccate il carrello in apertura e rilasciatelo premendo lo slide-stop, il cane non deve abbattersi sulla prima monta. Non eseguite questo test su armi da competizione con lo scatto alleggerito, potreste rovinarlo.
Io non ho mai alleggerito lo scatto e la pistola è nuova di fabbrica marca KIMBER modello STAINLESS TARGET II.Come si fà a risolvere il problema che chiudendo il carrello si abbatte il cane?
Alessandro
22 Set 2013, 13:11
A parte il fatto che una volta che hai verificato che la camera di cartuccia è vuota, e che la canne è libera da ogni ostruzione puoi tranquillamente accompagnare il cane con il pollice, sparare a vuoto con l'arma una o due volte per ogni sessione, per verificare che l'arma sia effettivamente scarica, non causa problemi. Le pistole sono in acciaio, non si rompe nulla, se la cosa viene fatta sporadicamente. Certo, è bene evitare di, scattare in bianco, così come è preferibile non chiudere mai di scatto l'otturatore su una camera scarica, per abitudine. Per gli allenamenti in bianco bisogna sempre usare un salvapercussore, sia per allenarsi a caricare e scaricare l'arma, sia per allenarsi al tiro.

ciao
Alessandro
Nico
22 Set 2013, 00:52
Gentile Alessandro,
oggi ho completato e superato il corso per ottenere il certificato di maneggio armi al poligono.

Gli istruttori di tiro mi hanno insegnato, al termine della sessione di tiro e prima di riporre l'arma, a togliere il caricatore, controllare che la camera di cartuccia sia vuota, quindi chiudere il carrello e scattare in bianco puntando l'arma verso il bersaglio.

Le armi che usavamo erano in .22 lr (percussione anulare). Ora, dalla poca esperienza e conoscenza che ho di armi fin'ora, so che nelle armi a percussione centrale scattare in bianco senza salvapercussore puó provocare danni proprio al percussore.

Quando in poligono utilizzeró la mia 9x21 saró quindi costretto a scattare in bianco alla fine della sessione, e la cosa non mi lascia tranquillo. Qual'é la tua opinione a riguardo? Tu come fai di solito?
*Nome:
Email:
Notifica di nuovi commenti a questo articolo
Nascondi la mia email
*Commento:
 
 
Powered by Scriptsmill Comments Script
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.
 
 
Cliccate sul titolo dell'articolo, oppure cliccate sulla fotografia per aprire la pagina che contiene una breve spiegazione sul contenuto degli articoli. Una volta aperto il link, è sufficiente cliccare sul riquadro “Scarica con il Browser”, e alla fine del download troverete il file nella cartella “Download” di Windows o nella cartella predefinita del vostro sistema operativo.
Buona lettura.
 
 
 
 
 


 
 
Raccolta di
termini tecnici, definizioni e curiosità
del mondo delle armi
0...9 - A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
 
F
 
G
 
H
 
I
 
J - K - L
 
M
 
N - O
 
P - Q
 
R
 
S
 
T
 
U-V-W-X-Y-Z