AirGun Zeta
 
ATTENZIONE !
AirGun Zeta World
su Facebook
E' UNA TRUFFA!!!
Airgun Zeta World non ha pagine Facebook. Airgun Zeta World, il sito originale www.airgunz.it non ha alcun legame con l'omonima "Airgun Zeta World" pagina Facebook di una improbabile "agenzia viaggi", che si spaccia per noi, utilizzando senza permesso il nome, il logo, le fotografie e i testi, del nostro sito. Non sappiano chi sono e soprattutto non sappiamo cosa fanno. Fate attenzione alle eventuali truffe. Grazie
ATTENZIONE !
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCHEDE
 
 
 

WEIHRAUCH HW977

Una descrizione completa e dettagliata di quella che viene definita, e non a torto, come "la Regina della Springer". La Weihrauch HW 977, HW 97K per il resto del mondo, è di sicuro la carabina springer a canna fissa più venduta e più presente sui campi di gara. Il punto di arrivo per molti appassionati di armi a molla e pistone. Un vero e proprio oggetto di culto. Vediamo perché.
La Weihrauch, casa tedesca produttrice di armi ad aria compressa sportive e per il tempo libero, sta rapidamente entrando nel cuore degli appassionati. Merito senz'altro di una gamma di prodotti realizzati in maniera solida e robusta, del rispetto della tradizione che non vuole parti in plastica nelle armi, e di tolleranze di lavorazione strette, per aumentare le prestazioni e la precisione. Il tutto unito ad un prezzo che spesso è inferiore a quello della diretta concorrenza, lasciando perdere ovviamente, i prodotti cinesi. Ecco che quindi, la Weihrauch, sta lentamente perdendo la sua collocazione tipicamente di nicchia, e sta diventando una dei marchi più noti. Il modello di punta del catalogo springer della Weihrauch è sicuramente la HW 97K, la cui versione “depo”, in Italia, è ufficialmente importata con il nome commerciale di “HW 977 Bignami”.
Confezione Weihrauch HW 977
E' la più prestigiosa carabina della Weihrauch, ciò non toglie che venga venduta confezionata all'interno della solita scatolaccia di cartone.
Per una stranezza tutta italica, Il modello HW 97K, con canna corta, viene importato solo in versione depotenziata di libera vendita, mentre il modello 97, con canna lunga, viene importato solo in versione a piena potenza. Entrambi i modelli assumono la denominazione HW 977, una volta giunti nel nostro paese.
Confezione Weihrauch HW 977
All'interno della confezione l'arma è avvolta da un sacchetto di plastica, che la protegge dall'umidità. All'interno del sacchetto trovano posto anche le istruzioni, giustamente dettagliate, e in italiano.
Una volta estratta dalla confezione, una misera scatola di cartone, ci si rende conto che la carabina è si pesante, ma anche ben bilanciata. Si imbraccia molto naturalmente, e non si fa affatto fatica a puntarla in varie direzioni. Per utilizzarla però, occorre montare un'ottica di puntamento, che potrebbe incidere sul bilanciamento, oltre a farne levitare il peso.
Weihrauch HW 977
Ed ecco la carabina in tutto il suo splendore. Il cartellino della Weihrauch è ancora attaccato al ponticello.
Il legno, in faggio con finitura noce, sembra di ottima fattura; le zigrinature, almeno sul mio esemplare, sono ottime. So che qualcuno si è lamentato di aver trovato macchie di mordente e zigrinature parzialmente rovinate, a me non è successo, per fortuna. Il calcio presente una fine zigrinatura non solo sull'impugnatura a pistola, ma, anche sull'astina. Personalmente trovo piacevole l'astina zigrinata quando sparo all'imbracciata. Il calcio presenta un montecarlo alto, che permette al tiratore una migliore acquisizione della mira attraverso l'ottica di puntamento. Completa il tutto un ottimo calciolo in gomma di colore marroncino. Il calciolo in gomma consente di migliorare il comfort durante il tiro, e di assorbire il rinculo dell'arma. In una carabina AC depotenziata, la funzione di assorbimento del rinculo è del tutto marginale. La finitura superficiale è buona, ma non perfetta, in quanto sono presenti alcuni segni di troppo sull'astina di caricamento, e un paio di macchie sulla brunitura della canna in prossimità del contrappeso di volata.
Calcio Weihrauch HW 977
Il calcio è dotato di montecarlo alto per meglio traguardare la lente dell'ottica.
La carabina è tutta realizzata in metallo e legno. Non è presente alcuna parte in plastica, materiale che, pur essendo decisamente funzionale, risulta ancora poco gradito agli appassionati. Anche le parti di secondaria importanza, quindi sono in metallo, come ad esempio ponticello e grilletto. Il ponticello è ottenuto per fusione, e lascia intravedere i segni degli stampi. Molti storcono un po' il naso alla vista di questi particolari, che in passato sembra fossero maggiormente curati. A parte questo, il ponticello è bello tondo, zigrinato sul fondo, dotato di un foro che permette la regolazione dello scatto. Il particolare non è realizzato in acciaio brunito, ma, in lega di metallo verniciato. La sua finitura esterna è meno resistente, ma, anche meno sensibile alle ditate. Evitate quindi di strofinarlo ripetutamente con il panno unto di olio, quando pulite l'arma, se non volete vedere la vernice venire via in breve tempo. La zama (lega di Zinco Alluminio e MAgnasio) a secondo della sua composizione può essere affetta da un invecchiamento precoce; diventa importante, quindi preservare al meglio la verniuciatura superficiale. Il foro che permette la regolazione della scatto è piuttosto piccolo. Per regolare la vite del peso dell'azione, è in ogni caso preferibile rimuovere la guardia, svitando le due viti poste alle sue estremità. Rimosso il ponticello è possibile anche accedere alla piccola vite nascosta, che permette di regolare la sensibilità del grilletto, o meglio, la corsa del secondo tempo. Grilletto e vite di regolazione sono laminati con un sottile strato di doratura, il quale dona alla carabina un aspetto decisamente prezioso. Grilletto e vite di regolazione sono realizzati in metallo tenero, presumibilmente alluminio, cosa da tenere in debito conto nel momento in cui si decida di tarare lo scatto.
Grilletto Weihrauch HW 977
Il grilletto e la vite di regolazione del peso dello scatto sono stati dorati. Si tratta di una semplice laminatura superficiale, applicata al solito pacchetto di scatto “Rekord”, che equipaggia praticamente tutte le springer Weihrauch. L'effetto finale, però, risulta gradevole e dona alla carabina un aspetto prezioso.
Scatto Rekord
Il pacchetto di scatto Rekord è concepito come una scatola un lamiera che contiene tutti i meccanismi. E' lo stesso per tutti i modelli di springer Weihrauch.
Schema scatto Rekord
Lo schema di funzionamento della scatto “Rekord” La vite di regolazione a vista, regola la tensione di una piccola molla, determinando la pesantezza dello scatto. Avvitando la vite, la molla viene compressa e lo scatto diventa più duro; svitandola otterremo uno scatto più morbido. La vite più piccola a sinistra, determina il punto di scatto; avvitandola si solleva la leva 3b (rossa), facendo abbassare il suo lato opposto, determinando così una minore escursione necessaria a far partire il colpo. L'escursione necessaria alla partenza del colpo, è determinata dalla superficie di ingaggio tra la leva 2 e la leva 3b. In figura è stata evidenziata con un cerchio. Per ridurre la corsa del primo tempo, invece, occorre piegare lo scontro in lamiera presente davanti al grilletto. La vite anteriore, quella che regola il secondo tempo, contrariamente a quanto si vede in figura, è di tipo "Torx numero 8". La vite posteriore, nella realtà, ha dimensioni maggiori.
Regolazione scatto Rekord
La regolazione dello scatto Rekord, avviene tramite un normale cacciavite a lama per quanto riguarda il peso, e un cacciavite Torx numero 8 per la sensibilità.
La canna della 977 depotenziata è lunga solamente 30 cm, che è quasi una dimensione da pistola. Contrariamente a quanto qualcuno potrebbe pensare, non è necessariamente vero che una canna lunga sia da preferire ad una corta., soprattutto per una carabina depotenziata. Evidentemente alla Weihrauch devono aver pensato che una canna corta fosse da preferire, nella pratica del Field Target, disciplina per la quale è nata quest'arma. In volata è presente un compensatore, che ha la funzione di smorzare il suono e di limitare le turbolenze che l'aria forma dopo l'uscita del pallino dalla bocca dell'arma. Questo ha ovviamente anche effetti benefici sulla stabilità del pallino in uscita dalla bocca dell'arma. Un simile accessorio, è presente solo nella versione depotenziata, che ormai non è più da considerarsi un'arma, mentre nella versione a piena potenza è sostituito da un tubo ricavato dal pieno. La legge italiana, infatti, vieta di montare qualunque tipo di silenziatore sulle armi comuni.
Volata Weihrauch HW 977
Il contrappeso di volata, è un tromboncino che nasconde all'interno la canna, che, seguendo le moderne tendenze, è molto corta. Il suo compito è quello di smorzare le turbolenze provocate dall'aria che segue il pallino, sopprimendo buona parte del suono e stabilizzando il pallino in uscita. Sotto di esso è presente l'aggancio della leva di armamento.
Leva di caricamento  Weihrauch HW 977
La leva di armamento si sgancia premendo il pulsante posizionato sotto il vivo di volata. Il contatto tra la leva d'armamento e la volata è ammortizzato da una comune guarnizione oring.
La leva di armamento scorre in maniera molto molto fluida e decisa, priva di impuntamenti. Lo sforzo necessario al caricamento della molla è piuttosto contenuto, in quanto la leva è sufficientemente lunga e comoda da azionare. L'aggancio della coda del pistone sul sistema di scatto avviene in maniera netta e precisa; il rumore è piacevole e da l'idea della cura con cui è stata assemblata l'arma. Le tolleranze sono strettissime, e di questo ce ne rendiamo conto non appena andiamo a movimentare la parte meccanica dell'arma.
Leva di caricamento  Weihrauch HW 977
La leva di caricamento completamente aperta. Quando la leva raggiunge questa posizione, avviene l'aggancio tra la coda del pistone e il gruppo di scatto.
Bascula  Weihrauch HW 977
Il cilindro scorre solidale alla leva di armamento, per permettere l'inserimento del pallino in canna. La parte finale del cilindro è visibile attraverso la finestra di inserimento del pallino. Il cilindro è in acciaio lucidato, non inox, quindi occorre evitare che si possa ossidare, pulendolo applicandogli spesso un sottile velo di olio.
Il pallino si inserisce in canna molto comodamente; lo spazio della finestra è decisamente ampio. Nel caso la finestra fosse coperta parzialmente o totalmente dall'ottica, è consigliabile effettuare il caricamento con la mano che spara, nel mio caso, ad esempio, la mano destra. In questa maniera, potremmo anche controllare visivamente l'operazione di inserimento del pallino. L'imboccatura della canna presenta una svasatura appena accennata, per evitare che uno svaso più largo crei trafilature di aria. L'inserimento del pallino risulta sempre molto comodo e preciso.
Cilindro Weihrauch HW 977
L'imboccatura della canna, dove si inserisce il pallino. Notate l'inizio della rigatura, e la svasatura appena accennata.
Inserimento pallino Weihrauch HW 977
Il pallino inserito in canna. Siccome la guarnizione è posizionata attorno al transfer port, l'operazione di caricamento del diabolo risulta piuttosto comoda e veloce.
Rispetto alle carabine break barrel, la guarnizione di tenuta dell'aria compressa, non è presente dalla parte dell'imboccatura, ma, bensì, dalla parte del transfer port. Questo è ricavato all'interno di un recesso circolare del pistone. L'imbocco della canna va ad inserirsi all'interno di questo recesso, garantendo una perfetta tenute dell'aria. Inoltre, l'assenza della guarnizione sull'imboccatura dove va inserito il pallino, consente una maggiore comodità e precisione di caricamento del diabolo.
Transfer port  Weihrauch HW 977
Il transfer port, con la sua guarnizione.
Culatta Weihrauch HW 977
La culatta, dove sono riportati i marchi e i punzoni che certificano che si tratta di un'arma con energia cinetica non superiore a 7,5 Joule.
Culatta  Weihrauch HW 977
Il lato sinistro della culatta. Anche qui sono presenti alcuni marchi.
Il tubolare esterno, in acciaio brunito ha la sola funzione di telaio, all'interno del quale scorre o è fissata la meccanica. Nella parte finale del telaio è posizionata la sicura automatica, sotto forma di un piccolo perno passante, che si attiva quando carichiamo l'arma. Una estremità della sicura è colorata di rosso, mentre l'altra estremità, ha la funzione di pulsante di sgancio. A mio avviso, la sicura è la parte meno riuscita dell'intero progetto: questa, infatti, può essere disimpegnata anche quando la leva di armamento è ancora aperta. Inoltre, la sicura, una volta disinserita, non può essere riattivata, se non movimentando a vuoto la leva di armamento, fino a fondo corsa. Questo particolare è comune a tutte le carabina Weihrauch che adottano il pacchetto di scatto Rekord. La presenza di un'ulteriore sicura, nascosta all'interno della calciatura, non visibile dall'esterno, impedisce comunque lo scatto, se non a leva di armamento perfettamente chiusa.
Sicura  Weihrauch HW 977
Il lato sinistro del tubo, dove è presente il pulsante della sicura, e sono incise le scritte di avvertimento.
Sulla parte superiore del telaio, come da tradizione, è presente la scina da 11 mm adatta al montaggio di un'ottica di puntamento. La presenza della scina, in questo modello, è quantomai necessaria, in quanto manca totalmente di qualsiasi sistema di mira. Questo fatto è da tenere in debita considerazione al momento dell'acquisto; senza il montaggio di un'ottica, infatti, l'arma risulta completamente inutilizzabile. In mezzo ai due binari che formano la scina, in posizione arretrata, sono presenti tre fori circolari, che hanno lo scopo di permettere il bloccaggio dell'ottica, e di impedirne quindi l'eventuale scivolamento causato dalle reazioni dello sparo. Immediatamente prima dei tre fori, si può notare una sottile riga, che divide il tubolare in due parti. L'ultima parte del tubo, infatti, non è altro che una sorta di tappo, che si avvita al resto della struttura. In caso di smontaggio, occorre svitare questa parte terminale del tubo, per liberare molla e pistone. Nei modelli a piena potenza, per eseguire questa operazione in tutta sicurezza, è necessario aiutarsi con un compressore. L'uso del compressore è inutile, per smontare la versione depotenziata, perché all'interno del tubolare, la molla non è affatto compressa.
Scina Weihrauch HW 977
Il lato destro del tubo, dove si nota la parte sporgente, colorata di rosso, della sicura. I tre fori superiori, al centro della scina da 11 mm, servono ad impedire lo scivolamento dell'ottica. La differente colorazione del metallo, è dovuta al fatto, che il tubo è fatto di due elementi che si avvitano tra di loro.
Attacchi ottica Accushot
Il solo attacco posteriore è dotato di un grano a brugola che s inserisce nei fori presenti sul tubo della carabina.

A questo punto, non rimane che sparare, per vedere come si comporta la “Regina” alla prova sul campo. Prima, però, occorre montare l'ottica. Ma di questo parleremo la prossima volta.

Alessandro (2009)


Non si tratta di un sito commerciale
di vendite on-line.

Nessuno degli oggetti descritti è messo
in vendita su questo sito.

Sito amatoriale a solo carattere
divulgativo e informativo.
Tutti i diritti dei marchi presenti
all'interno del sito appartengono
ai legittimi proprietari.
Non si intende infrangere
alcun diritto d'autore.
L'autore si impegna a rimuovere nel più breve tempo possibile, tutte le fotografie, disegni e grafici, che siano stati presi dalla rete, qualora i legittimi proprietari ne facciano esplicita richiesta.
 
Images Gallery
 
Argomenti di interesse
Ricarica con Kit Lee Turret Press
Baikal IZH-61
La regolazione del trigger stop
KonusPro 6-24x44
 
STI Spartan calibro .45 ACP
 
 
Cliccate sul titolo dell'articolo, oppure cliccate sulla fotografia per aprire la pagina che contiene una breve spiegazione sul contenuto degli articoli. Una volta aperto il link, è sufficiente cliccare sul riquadro “Scarica con il Browser”, e alla fine del download troverete il file nella cartella “Download” di Windows o nella cartella predefinita del vostro sistema operativo.
Buona lettura.
 
 
 
 
 


 
 
Raccolta di
termini tecnici, definizioni e curiosità
del mondo delle armi
0...9 - A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
 
F
 
G
 
H
 
I
 
J - K - L
 
M
 
N - O
 
P - Q
 
R
 
S
 
T
 
U-V-W-X-Y-Z