AirGun Zeta
 
ATTENZIONE !
AirGun Zeta World
su Facebook
E' UNA TRUFFA!!!
Airgun Zeta World non ha pagine Facebook. Airgun Zeta World, il sito originale www.airgunz.it non ha alcun legame con l'omonima "Airgun Zeta World" pagina Facebook di una improbabile "agenzia viaggi", che si spaccia per noi, utilizzando senza permesso il nome, il logo, le fotografie e i testi, del nostro sito. Non sappiano chi sono e soprattutto non sappiamo cosa fanno. Fate attenzione alle eventuali truffe. Grazie
ATTENZIONE !
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCHEDE
 
 
 
Weihrauch HW 977

NIKKO STIRLING NIGHTEATER 6-24x44

Un'ottica decisamente performante, con buoni ingrandimenti ma peso e dimensioni relativamente ridotte. Il Nikko Stirling Nighteater 6-24x44 sembra il cannocchiale di puntamento ideale da montare su un peso massimo come la Weihrauch HW 977.
Dopo quasi un anno ho deciso di ritornare ad occuparmi un po' della mia HW 977. Ultimamente dopo aver ripreso ad usare la carabina ho incontrato diverse difficoltà. Abituato alla Air Arms S400, la Weihrauch mi sembrava un vero macigno. Così ho provato a "rubare" la Nikko Stirling Gold Crown 4-12x44 dalla HW 30S e mi sono reso conto che era tutta un'altra cosa. Quello che soprattutto mal sopportavo era l'eccessivo appruamento della carabina sparando in posizione libera, che mi costringeva ad assumere posizioni troppo scomode. Evidentemente col tempo devo aver variato un po' la posizione di tiro, visto che in precedenza non mi ero mai accorto del problema. Inoltre le poche volte che mi veniva la fregola di sparare all'imbracciata con la HW977 erano veramente dolori. Con un'ottica più piccola la carabina diventa decisamente più gestibile e divertente. Non mi restava che procurarmi un'ottica più leggera e possibilmente di discreta qualità; la Nikko 4-12 doveva tassativamente tornare sulla HW 30S (trovo il connubio decisamente perfetto), e in ogni caso non mi sarebbe neppure dispiaciuto un ingrandimento superiore. Ingrandimento 6-24x con campana da 40 o 44, per limitare il peso al minimo indispensabile. Con questi parametri la scelta diventa praticamente obbligata: Nikko Stirling Nighteater 6-24x44 oppure BSA SWF sempre 6-24x44. Il prezzo va dai 150 ai 160 €, o anche più, a seconda dell'armeria. In particolare possiedo già una BSA di quel tipo, montata sulla AA S400. Il cannocchiale inglese (che poi è costruito comunque in Cina) è sicuramente un ottimo prodotto; la visione è nitida e la messa a fuoco molto precisa. Di contro trovo difficoltoso riuscire ad inquadrare il bersaglio al massimo ingrandimento perché la distanza ottimale dell'occhio è praticamente obbligata e non permette molta tolleranza. Il minimo movimento fa perdere completamente la visione, tanto che risulta impossibile utilizzare l'ottica se non è montata sulla carabina, in quanto il solo inevitabile movimento delle mani impedisce di tenerla a distanza precisa dall'occhio. La stessa cosa capita anche in particolari condizioni di luce; se c'è troppo sole si vede tutto nero. Gli unici rimedi sono quelli di sparare sempre all'ombra, o se questo non è possibile, di utilizzare un ingrandimento minore. Alla fine giudico la BSA uno strumento preciso, ma difficile ed affaticante. Di contro il Nikko Stirling presenta torrette basse e mal graduate. In ogni caso ho optato per il Nikko, perché avevo già in mente un rimedio per le torrette.
Nikko Stirling Nighteater 6-24x44
L'ottica che ho montato sulla HW 977; una Nikko Stirling Nighteater 6-24x44.
Nella confezione, la solita scatola di cartone colorata, troviamo oltre all'ottica, un tubo prolunga parasole filettato e due tappi per gli oculari di tipo flip flop. In particolare i tappi, che solitamente mal sopporto sembrano invece fatti molto bene. La loro chiusura è forte e stabile, e rimangono aperti tramite un meccanismo a molla. Quello dell'oculare si incastra sulla ghiera di regolazione della diottre e ne permette la rotazione. Quello della campana sembra molto solido e robusto, e si infila semplicemente a pressione. Purtroppo montandolo si perde la forma inclinata della campana, ed è in ogni caso troppo grande per essere messo sulla prolunga parasole. siccome ho montato un attacco monopezzo molto basso, ho deciso di lascia perdere il tappo anteriore, ma ho tenuto quello posteriore. La prolunga parasole in alluminio si avvita semplicemente all'interno della campana. L'aspetto è quello di uno strumento professionale.
Nikko Stirling Nighteater 6-24x44
L'ottica montata sulla HW 977 tramite una basetta monopezzo.
Dal punto di vista ottico niente da eccepire; l'immagine è nitida e ben definita, il bersaglio si legge perfettamente, senza sfocature. La messa a fuoco tramite parallasse è veramente molto sensibile, avendo una bassa profondità di campo, la messa a fuoco deve necessariamente essere precisa, e questo va a tutto vantaggio della facilità di valutazione delle distanze. Unico limite in questo senso è la torretta di regolazione veramente troppo piccola. C'è un leggerissimo "effetto nebbia" all'ingrandimento più alto, ma si nota solo sparando controluce. Non è affatto paragonabile all'opacità tipica delle ottiche molto economiche, ed è quindi ben sopportabile, soprattutto in virtù della facilità di acquisizione del bersaglio. A differenza della BSA, di pari caratteristiche ottiche, non ho avuto difficoltà a guardare attraverso il cannocchiale, anche al massimo ingrandimento e tenendolo semplicemente con le mani. In pari condizioni la BSA regala una visione completamente nera; se lo scotto da pagare per la semplicità d'uso è il dover sopportare un leggerissimo velo opaco, allora direi che ci si può fare tranquillamente l'abitudine.
Nikko Stirling Nighteater 6-24x44
Una vista d'insieme della carabina con l'ottica.
Nikko Stirling Nighteater 6-24x44
Il tubo paraluce innestato.
Nikko Stirling Nighteater 6-24x44
Un'altra visuale del cannocchiale.
Nikko Stirling Nighteater 6-24x44
Come potete vedere ho mantenuto il tappo posteriore, che si incastra perfettamente alla ghiera di regolazione delle diottre.
L'ottica è leggera, pesa circa 400 grammi in meno rispetto alla precedente. Anche se possono sembrare pochi, vi assicuro che fanno la differenza. La visione dall'oculare è chiara e nitida, ma soprattutto è molto facile anche in condizioni di luce intensa. Di contro non è luminosissima e all'imbrunire si fa un po' di fatica. Stupisce la facilità di inquadramento del bersaglio, soprattutto in virtù del forte fattore di ingrandimento. Punto debole sono le torrette. Come già accennato la torretta del parallasse è piccola, e quindi permette regolazioni mal valutabili. La scala è in yarde, ed in ogni caso occorre rifarla utilizzando misurazioni fatte sul campo. Ho quindi stampato una nuova scala su un foglio adesivo e l'ho impermeabilizzata con del nastro adesivo trasparente, raggiungendo un risultato esteticamente molto gradevole. La ghiera di regolazione del fattore di ingrandimento risulta dura e scivolosa. Probabilmente dovrò ricoprirla con del nastro un po' più grippante; stavo pensando a del nastro adesivo "Tesa", di colore giallo o rosso.
Nikko Stirling Nighteater 6-24x44
Le torrette sono piccole e difficili da manovrare. Ma si può rimediare facilmente.
Lasciano un po' sconcertati le torrette di regolazione per alzo e deriva, alle quali si accede svitando gli appositi tappi di protezione. Le torrette sono piccole e difficili da manovrare, ma hanno una escursione decisamente ampia; ben 7 giri completi. La regolazione è a 1/8 MOA, ma la scala riportata sopra le torrette è completamente fasulla. Le manopole hanno una definizione di 60 clik ogni giro, mentre la scala graduata riportata, non numerata tranne che per lo "zero", riporta ben 72 tacche!!! Per foruna scanner, PC e stampante vengono in aiuto. Ho realizzato degli adesivi da applicare sopra le torrette e ai lati, riportanti la giusta scala graduata da 60 tacche, divise di 4 in 4 con una numerazione che va da 0 a 15. Lo stesso tipo di scala che equipaggia le ruote di tutte le altre ottiche. Spero di fare cosa gradita a tutti i possessori di questa ottica pubblicando il file da stampare. Una volta stampato su carta adesiva, va impermeabilizzato usando del nastro adesivo trasparente. L'ideale è lo spesso nastro adesivo trasparente da pacchi, acquistabile da qualunque ferramenta. Quindi le etichette vanno ritagliate e applicate con precisione. Fate attenzione soprattutto agli adesivi laterali, in quanto le torrette hanno i lati ondulati. Nel disegno sono riportati due etichette per ogni tipo, giusto per prevenire gli sbagli.
Nikko Stirling Nighteater 6-24x44
Per stampare il file occorre prima scaricarlo. Siccome il formato GIF non mantiene i parametri di stampa, li ho riportati sullo stesso disegno per facilitarvi il compito. La risoluzione di 730 dpi è strana, ma è stata necessaria a far venire giuste le divisioni della scala graduata. Le strisce per la torretta del parallasse sono riferite alla mia particolare ottica e potrebbero non andare bene per la vostra.
Nikko Stirling Nighteater 6-24x44
Ecco il risultato; decisamente più leggibile rispetto all'originale, non trovate? Un puntino di vernice bianca fa da riferimento per la scala graduata adesiva. In questa maniera posso farmi la tabella con gli azzeramenti a tutte le distanze, e avere dei riferimenti precisi per variare l'alzo a seconda della distanza di tiro. Ho fatto lo stesso trattamento anche sulla torretta della deriva, anche se in questo caso è decisamente meno importante. I più intraprendenti possono prendere spunto e creare un adesivo con riportati i vari azzeramenti dell'ottica, da appiccicare direttamente sulla torretta di qualunque tipo di ottica.
Nikko Stirling Nighteater 6-24x44
Così invece è come si presentavano le torrette originali. La scala ha 72 tacche, mentre in realtà i click sono solo 60. Inutile dire che una scala priva di riferimenti come questa risulta essere completamente inutile. La parallasse originale va da 10 a 500 yarde, ma si tratta di riferimenti molto approssimativi. Io mi sono limitato a segnare da 8 a 60 metri, ma in qeusto caso i riferimenti sono invece piuttosto precisi, perché misurati direttamente sul campo.
Nikko Stirling Nighteater 6-24x44
Un particolare del tappo coprilente, veramente ben fatto. Nella foto vediamo la ghiera di regolazione del fattore di ingrandimento. Dovrò trovare un sistema per aumentarne il grip, perché al momento è difficile da utilizzare..
Nikko Stirling Nighteater 6-24x44
Questo particolare mostra la giunzione dell'adesivo sulla torretta dell'alzo. Non proprio perfetta, ma tutto sommato non incide sulla leggibilità della scala.
Spero di essere stato utile a tutti coloro che possiedono questa particolare ottica, che ha caratteristiche di rilievo, ma anche qualche difetto, per fortuna risolvibile con poca fatica. Tutto sommato mi reputo abbastanza soddisfatto del nuovo acquisto. Più avanti probabilmente aggiungerò altre impressioni.

Alessandro (2010)

Rosata Weihrauch HW 977
Questa rosata è stata ottenuta dopo aver montato l'ottica nuova. In effetti l'ottica più leggera, ma anche decisamente migliore dal punto di vista della nitidezza, permette una migliore gestione della carabina. Risultati così sono però l'eccezione, almeno per me, ma di tanto in tanto riescono. A riuscire a contarli ci sono ben 5 colpi dentro a quel buchetto.
Rosata Weihrauch HW 977
Questo invece è un risultato più normale. Secondo me a 30 metri, con una depotenziata e all'aperto, in presenza di vento anche se debole questi risultati sono abbastanza buoni.

Non si tratta di un sito commerciale
di vendite on-line.

Nessuno degli oggetti descritti è messo
in vendita su questo sito.

Sito amatoriale a solo carattere
divulgativo e informativo.
Tutti i diritti dei marchi presenti
all'interno del sito appartengono
ai legittimi proprietari.
Non si intende infrangere
alcun diritto d'autore.
L'autore si impegna a rimuovere nel più breve tempo possibile, tutte le fotografie, disegni e grafici, che siano stati presi dalla rete, qualora i legittimi proprietari ne facciano esplicita richiesta.
 
Images Gallery
 
Argomenti di interesse
Glock 17 Gen 4
Baikal IZH-61
Smontaggio Tanfoglio Limited Custom
WEIHRAUCH HW30S
 
STI Spartan calibro .45 ACP
 
COMMENTI
Non si trattano argomenti riguardanti la caccia, neppure la caccia ai nocivi con armi ad aria compressa. Per questi argomenti esistono siti appositi, che li trattano in maniera seria e competente.
Non si trattano argmenti riguardo il potenziamento illegale di armi di libera vendita. Per cortesia non lasciate messaggi su questi argomenti o su altre pratiche illegali in Italia.
I messaggi riguardanti argomenti illegali o non graditi, verranno rimossi senza dare alcuna spiegazione.
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.

Commenti

Ivano
22 Set 2014, 00:16
Ciao Alessandro, sto valutando l'acquisto di un' ottica 6-24, ho visto la Leapers accushot. Non ho trovato in rete delle recensioni tu la conosci? Cosa ne pensi? Grazie per l'attenzione ciao.
PS la devo mettere su una hw 977
Alessandro
01 Mar 2014, 12:18
La recensione (e di conseguenza anche l'adesivo in questione) si riferisce alla Nikko Stirling Nighteater 6-24x44, e non alla Nikko Stirling 8-32x60.

Anzi si riferisce ad una Nikko Stirling Nighteater 6-24x44 acquistata usata nel 2010 (presumibilmente acquistata nuova nel 2008) Sono passati almeno 5 o 6 anni da allora, la casa madre potebbe aver modificato il prodotto, ed in ogni caso l'articolo tratta comunque di un prodotto differente. La data sotto gli articoli la metto proprio per questo motivo.

Per il resto le tue valutazioni sono giuste, ma vale anche il contrario. Non si possono usare riferimenti da 60 click 1/4 MOA su un'ottica da 72 click 1/8 di MOA, perché si commette un errore, ma alla stessa maniera non si possono usare riferimenti da 72 click 1/8 di MOA su un'ottica da 60 click e 1/4 di MOA. Si commette lo stesso errore, solo di verso opposto. E' questo il motivo per cui ho fatto l'adesivo, nell'articolo è spiegato.

ciao
Alessandro
Nicola
01 Mar 2014, 01:08
Volevo aggiungere un'altra cosa... Siccome ribadisco che il tuo lavoro sia molto certosino e l'intento senza dubbio era nobile, posso consiglianti di riprogrammare le tue stampe di adesivi (che gialle sono anche molto belle) con la scala graduata da 72 click; in effetti ammetto che nel caso di questo modello di nikko le torrette siano "bruttine" e un pó scomode alla lettura dalla non presenza di numeri se non lo zero.
Nicola
01 Mar 2014, 01:02
Salve a tutti,

ho acquista una nighteater 8-32x60 e la uso su rem 700 in .308! Io penso, e ho potuto riscontrare anche, che i 72 click di regolazione di un "giro fisico" della torretta siano molto precisi. Secondo me la modifica con gli adesivi, pur essendo un lavoro certosino, distorce in realtà le tue misurazioni e i tuoi tiri di 1,5 MOA ogni 9 MOA.
Ora: su distanze fino a 100 m con una carabina ad aria compressa magari neanche ti accorgi della differenza, in effetti il tiro devierebbe su questa distanza solo di 4,26 cm. ma ti posso assicurare che su distanze più lunghe la cosa si fa sentire molto negativamente. Non starò a fare conti qui ma il risultato è che a 600m il colpo mancherebbe il punto teorizzato di 26,2 cm. arrotondati... Per dimostrarti la mia scetticità degli adesivi come "salvatori dell'imprecisione delle torrette nikko" vorrei esporti le conclusioni: la torretta ha una regolazione da 1/8 di MOA per ogni click, 8 click per avere un MOA completo moltiplicati per 9 MOA per ogni "giro fisico" della torretta fa 72 click...appunto 9 MOA. Su questo sei d'accordo? Ora tu modificando gli adesivi in 60 click visivi sulla torretta ma in realtà 72 fisicamente regolabili andrai a trattare il reale click da 1/8 come click da 1/10 avrai ogni 9 MOA una differenza negativa, che si andrà a perdere, di 12 click quindi 1,5 MOA appunto.
Spero di essere stato abbastanza chiaro nella spiegazione.
mirko
22 Dic 2011, 22:10
grazie alessandro sei stato gentilissimo ora sicuramente potro applicare anche io le etichett in giusta scala sulla torretta...ti faccio i miei migliori auguri per queste festività grazie ancora
Alessandro
22 Dic 2011, 17:28
Ho preparato un PDF che si può stampare facilmente.

http://airgunz.altervista.org/HW977/Torrette_Nikko_Nighteater_6-24x44.pdf

Ora dovrebbe essere facile stampare il file in dimensione corretta.

ciao e Auguri di Buone Feste
mirko
21 Dic 2011, 21:36
Ciao Alessandro trovo questo sito molto interessante e ricco di consigli per chi come te è appassionato di aria compressa.
Io sono possessore come te di un'ottica nikko nighteater 6 -24x44 e vorrei eseguire la modifica che hai apportato alle torrete di alzo e deriva applicando le figure in scala da te create al pc, non ho capito come poter ridurre le immagini nella scala giusta, in modo da poterle applicare successivamente sulle torrette.
Gentilmente se mi puoi spiegare come fare e se esiste un programma al pc che mi puo venire in aiuto, ho provato a farlo ma non sono riuscito a definire quei parametri di stampa che hai indicato, grazie e spero in una tua cortese risposta.
Alessandro
31 Mag 2011, 17:59
Credo che ci sia la possibiltà di ottenere un nulla osta dal prefetto, con il quale saresti in regola. Ci sono i moduli sul sito dell'armeria Caspani.

http://store.armeriacaspani.it/nulla_osta_spedizione_armi.php

Senza, invece di rischia una denuncia e una pena detentiva più multa. Non sono un avvocato, ma diciamo che facendo riferimento al testo della sintesi del dirittodelle armi del Dott. E.Mori

http://www.earmi.it/diritto/faq/Sintesi_dicembre_2009_a5.pdf

Potresti rischiare questo:

Acquisto per corrispondenza Art. 17 L. 110 Recl.1-6 m. + multa

e la multa sarebbe questa, credo:

Armi liberalizzate, altri illeciti L. 422/2000 Sanz. amm. 516-3.098 €

ma probabilmente solo il secondo, perché alla fine decide il Giudice. Poi dovresti pagarti anche l'avvocato.

Il rischio, di per se è che ti becchino. Se ti beccano, siccome sono sempre armi, ti denunciano di sicuro senza neppure pensarci, con tutte le conseguenze che può avere un procedimento penale. Poi magari ti danno anche ragione, ma se ci sono delle armi di mezzo ...

ciao
stefano
31 Mag 2011, 13:51
Scusate se invio un messaggio non inerente alla discussione, ma siccome dopo aver letto tutte le recensioni sulla HW 977 mi è venuta voglia di comprarne una, vorrei sapere cosa rischio acquistandola per corrispondenza(ad un prezzo veramente interessante).
Giulio
15 Mar 2011, 18:52
Si infatti lo posseggo.. solo che se metto il freno non posso basculare la canna perchè l'ottica è piuttosto voluminosa... Vabbè, tanto presto tornerà sulla hw 977. Grazie
Alessandro
15 Mar 2011, 18:06
L'ottica è stata montata e rimontata più volte prima di trovare la distanza ottimale, e alla fine mi pare di aver utilizzato i fori. In ogni caso se l'attacco e montato bene, e sgrassato prima del montaggio, l'ottica non si muove, almeno non se è montata su una Weihrauch depotenziata che ha reazioni molto modeste. Diciamo che se posso utilizzo quei fori giusto come riferimento, per rimettere l'ottica nella stessa posizione ogni volta che ho necessità di toglierla. Spesso però non li uso per niente.

Per le Gamo esiste un piccolo fermo da montare dietro l'ottica, che dovrebbe costare intorno ai 5 €.

http://www.ferraioli.com/catalogo/453-paracolpi-per-ottica.asp

In questo caso, dato che le Gamo sono molto violente nel funzionamento, è necessario mettercelo. In alcuni modelli mi pare fosse fornito di serie.

ciao
Giulio
15 Mar 2011, 14:37
Ciao alessandro, scusa la domanda, ma dalle foto mi sembra che tu abbia montato l'ottica senza utilizzare i fori presenti sul cilindro della carabina per frenarla. Questo non ti crea il fastidioso problema dell'ottica che si sposta all'indietro ad ogni sparo? Ho montato una nikko con lo stesso attacco su una vecchia gamo che possiedo e ad ogni sparo l'ottica si sposta di circa tre o quattro millimetri..
Alessandro
26 Feb 2011, 12:24
La Nikko Nighteater è comunque un'ottica corta, ripetto alle altre, tanto che ultimamente l'ho passata sulla HW 30S. Vedere l'ottica che copre la finestra di caricamento penso sia normale sui campi di Field Target. L'ottica in questione può montare il ruotone, anzi forse è possibile comprarla con il ruotone già di serie. A me piace perché è leggera, ma temo sia poco adatta al field target, a meno di non fare qualche modifica. Le torrette sono prive di qualunque riferimento credibile, e bisogna fare da se. Penso che il modello minimo più indicato sia il 6-24x56. Molti si trovano benone con la BSA 6-24x44, e qualcuno gareggia con cloni BSA acquistati ad Hong Kong (80-90 € su ebai). Mil-dot va benissimo. L'ideale sarebbe di fare un giro sui campi di field target e farsi consigliare da chi pratica questo sport.

ciao
Domenico
26 Feb 2011, 10:26
Salve, Sig. Alessandro, da poco sono anch’io un possessore della mitica “Regina” e volevo chiederle alcuni consigli riguardo l’acquisto di una nuova ottica.
Al momento ho montato la Nikko Stirling Gold Crown 4-12x44 AO Mil Dot con parallasse sulla ghiera dell’ottica anteriore. Devo dire che mi trovo abbastanza bene per il tiro domenicale, ma volendo avvicinarmi al mondo del Field Target stavo pensando di acquistare un’ottica con la regolazione della parallasse sulla terza torretta e relativo Ruotone spendendo circa 200/2500 euro.
Leggendo questo articolo mi stavo interessando a questa Nikko 6-24x44 e dalle foto noto che è abbastanza lunga tanto da coprire lo spazio dove si inserisce il pallino.
1 - La sua lunghezza rende difficoltoso e fastidioso il caricamento del pallino?
2 - E’ possibile montarci il ruotane?
3 - Farei bene ad acquistare quest’ottica, oppure con un budget di 200/250 euro me ne consiglierebbe un’altra, anche di altre marche dello stesso livello?
4 - Penso bene di scegliere un’ottica con il mirino Mil Dot per il Field target oppure di solito si usa un altro tipo di mirino?

La ringrazio anticipatamente di cuore per la sua disponibilità ed esperienza che mette sempre a disposizione di noi lettori.
Alessandro
11 Feb 2011, 07:15
E' l'acronimo di Adjustable Objective, come hai immaginato.

Quelli che non hanno la messa a fuoco, sono tarati per la caccia, di solito a 100 Yarde. In ogni caso visto che hanno un ingrandimento basso, di solito hanno una grande profondità di campo e vanno benone. Un po' si riesce a regolare la messa a fuoco agendo sull'oculare, che ha la regolazione delle diottrie.
Carlo
10 Feb 2011, 14:11
Salve, ho letto molte cose interessanti sul suo sito e ti faccio i complimenti.
Volevo togliermi un dubbio, credo che tu possa aiutarmi, cosa vuol dire la sigla AO nei cannocchiali? si regola il fuoco a mano in base alla distanza? e nei cannocchiali senza AO l'ottica è autofuocante?
Ti ringrazio
Mick
05 Feb 2011, 13:56
Grazie mille per le dritte sei gentilissimo!
Alessandro
02 Feb 2011, 07:01
La HW 977 depotenziata ha reazioni molto blande e lineari se rapportate ad un'arma a molla a piena potenza. Gli attacchi ammortizzati sono necessari solo per le carabine potenti.
Mick
01 Feb 2011, 21:28
Ciao Alessandro! alla fine ho ordinato la hw 977 deotenziata e ho scelto un cannocchiale economico Nikko Stirling mountmaster 4-12x50 AO.. com'è secondo te questo cannocchiale? mi consigli di mettere un ammortizzatore per questa ottica?
Ho letto in altri tue recenzioni di " rotture " se non si usa l'ammortizzatore.. che intendevi dire, si puo rovinare la lente interna??
Grazie in anticipo
Freddy
22 Nov 2010, 00:16
ho capito, grazie mille !
Alessandro
21 Nov 2010, 09:44
Il buonsenso direbbe che è così. Ma il buonsenso direbbe anche che aziende e cittadini debbano ricevere eguale e giusto trattamento. La legge però non lo dice. Poi io non sono un avvocato e non ho studiato legge, ma immagino che in mancanza di una direttiva precisa da parte della legge spetti al Giudice decidere, anche in base alle precedenti sentenze, ma non sono sicuro.

Oltretutto nella sentenza che ti ho fatto leggere non ho capito bene se l'imputato aveva modificato l'arma o no. L'accusa era solo di possesso di un'arma illegale, non di costruzione o cose del genere. Mi pare di aver capito che spetti al Giudice decidere se l'arma è conforme al tipo catalogato, e che quindi l'arma presentasse delle manomissioni. Inutile dire che anche solo una pulizia approfondita, o un uso intenso e rude potrebbe far pensare che l'arma sia stata manomessa. Meglio non pensarci e stare lontano dai guai.

Starei abbastanza tranquillo, non è che ti denunciano perché hai una carabina, e nessuno ne misurerà l'energia prima di sequestrartela. E se te la sequastrano o ti hanno già denunciato o comunque sei già nei guai. Insomma, un motivo in più per fare i bravi.

Basta non mettersi mai in condizione di farsi sequestrare una carabina depotenziata, cosa saggia a prescindere, e se è possibile accertarsi di essere sempre sotto i 7J. Si ho scritto 7J e non 7,5. Attualmente la mia HW977 esprime 6,8 J misurati "quasi" in casa, con i JSB Exact ovviamente, ad una temperatura intorno ai 18-20 gradi. Portata all'esterno, in questo periodo di freddo e brutto tempo arriva a 7,3J. Tanto dal punto di vista balistico 6,5J o 7,5J cambia ben poco, sono una decina di m/s di differenza.
Freddy
20 Nov 2010, 23:00
quindi a quanto ho capito se la mia carabina in determinate condizioni atmosferiche e con determinati pallini supera i 7,5 joule non posso essere denunciato dall'arma se io non l'ho modificata e l'ho lasciata intatta come la casa produttrice l'ha costruita?
Freddy
20 Nov 2010, 22:47
grazie alessandro!
Alessandro
18 Nov 2010, 18:38
La legge del 2001 non lo vieta esplicitamente, ne consegue che è permesso.
Detto questo, dico anche che potrebbe essere molto pericoloso. I 7,5 J vanno valutati nelle condizioni più sfavorevoli possibile, il che significa che quando si mette mano su una carabina depotenziata, è meglio depotenziarla ancora di più, e non potenziarla. La misura della'energia cinetica è fortemente influenzata da fattori quali temperatura e umidità, moa soprattutto dal tipo di pallino utilizzato. La mia HW 977 erogava, quanto era rigorosamente di serie, utilizando i JSB Exact, famosi per la loro esuberanza, alemno 8 J, arrivando anche a 9 e più in determinate condizioni. Puoi leggere le prove che ho fatto. Adesso, dopo le modifiche, nelle peggiori condizioni non arriva a 7 Juole, il che significa 6 scarsi in condizioni normali. Vedi, il problema è proprio questo; la legge del 2001 pone il limite dei 7,5 J, ma non dice in che condizioni. Siccome la legge non entra nei dettagli tecnici, e probabilmente il legislatore non ne sarebbe in grado, viene demandato alla misura dell'energia cinetica un soggatto esperto, affidabile ed equo, il Banco Nazionale. La legge del 2001 dice che produttori o distributori che intendano far catalogare le proprie armi devono portare la certificazione della misura eseguita al Banco Nazionale. Ma non dice che anche i tribunali debbano farlo. Va da se, che nel momento in cui un'arma per essere commercializzata, viene provata da un soggetto istituzionale ed esperto, un soggetto che conosce le variabili in gioco e come applicarle con equità, in modo che tutti i soggetti ricevano stesso trattamento e che questo trattamento sia costante nel tempo. Ma lo stesso trattamento, per legge, non deve essere riconosciuto anche eventualmente ad un imputato in un processo. La legge non ne parla, quindi un'arma sequestrata non deve obbligatoriamente essere spedita al BN per la prova. In partica la legge aimpone alle aziende di rispettare i 7,5 J come li intende il BN, organismo autorevole in materia, mentre al cittadino di attenersi ai 7,5 J.
Non sono un'avvocato, quindi mi scuso se ho probabilmente interpretato male la legge, ma mi sono riferito in particolare a questa sentenza:

http://www.giurcost.org/decisioni/2003/0347o-03.html

Va detto che in caso di pistole o carabine a molla di piccola cilindrata, la possibilità di superare il limite sono veramente minime. Sto pensando ad esempio alla HW30S o ad una carabina equivalente in dimensioni, la cui energia si attesta sempre intorno ai 5 o 6 Joule.
freddy
18 Nov 2010, 12:57
ciao alessandro volevo chiederti una cosa ma è possibile modificare una carabina ad aria compressa in modo che aumenti la sua potenza di qualche joule ma che stia comunque sotto i 7,5 come per legge? in quel modo non si superano i joule consentiti pero l'arma è stata comunque modificata, si puo fare o si rischia ?
MIck
18 Nov 2010, 12:50
..adesso mi sono chiare tante cose, Grazie mille Alessandro :)
Francesco
15 Nov 2010, 20:13
Complimenti per il blog, la qualita' dei tuoi articoli e' impressionante.
Un saluto
Francesco
Alessandro
09 Nov 2010, 17:55
Anche meno di 50 metri. 50 metri sono per un plinking un po' impegnativo, ma per avere dei risultati degni di nota il tiro utile si riduce di parecchio. Per il Field Target, ad esempio la distanza massima per le depotenziate è di 30 metri. Paradossalmente l'aria compressa vuole cannocchiali con molto ingrandimento, mentre ad esempio per la caccia con la canna rigata basta un 4x per sparare da 50 a 200 metri. Si tratta di problematiche diverse, la discriminante principale è la dimensione del bersaglio, ma ce ne sono altre, tra cui la presenza o meno di correttore di parallasse. Se spari a 30 metri ad una lattina, il 4x basta e avanza, come ingrandimento. Se spari ad una moneta, un 12x è al limite, se non addirittura poco. La stragrande maggioranza degli armieri Italiani, viene dal mondo della caccia, e sorride beffardo quando un cliente chiede una mega ottica da montare su una carabina depotenziata. I pochi armieri preparati, e si contano sulle dita di una mano, hanno smesso di sorridere da tempo, e si sono messi a vendere ottiche a forti ingrandimenti on-line, rubando clienti ai loro colleghi più ottusi.

Il vantaggio di avere forti ingrandimenti con l'aria compressa è duplice.

In primo luogo si può sfruttare la scarsa profondità di campo tipica degli ingrandimenti maggiori per valutare la distanza del bersaglio, semplicemente mettendolo a fuoco, e andando poi a leggere la distanza sulla ghiera della messa a fuoco. E' a questo che sevono ad esempio le grosse ruote che si montano sui cannocchiali. Se con un ingrandimento da 12x posso valutare una distanza con uno scarto di parecchi metri (il 12x sembra sempre a fuoco), già a 24 si può valutare la distanza con uno scarto di meno di un metro. Il 32x garantisce un'accuratezza ancora maggore e via dicendo. Nella pratica del Field Target, dove il bersaglio è posizionato ad una distanza non nota, avere un'ottica con molti ingrandimenti è fondamentale. Una carabina depotenziata ha una caduta di traiettoria molto accentuata, quindi bisogna sapere esattamente la distanza di tiro. Se si vuole colpire il bersaglio bisogna variare l'alzo, in base alla distanza, anche di parecchio.

Il secondo vantaggio è quello di vedere i fori dei proiettili, quando si spara al cartoncino, sia che si spari in appoggio su di un bancone, sia che si spari in posizione libera. Il piccolo proiettile fa un foro piccolo, quindi, sparando da 30 metri, avere almeno un 24x è d'obbligo, mentre per distanze superiori, magari usando una carabina a piena potenza, è preferibile addirittura un 32x o anche superiore.

Venendo ai JSB Exact. Se fossero ritenuti irregolari, ne dovrebbero vietare la vendita o perlomeno mettere un avviso sulla confezione e vietarne esplicitamente l'uso con le armi depotenziate. La legge non dice quali pallini commerciali sparare con le armia adi libera vendita, da cui si può ritenere che si possano utilizzare tutti i diabolo di calibro adeguato presenti in commercio. Io però. per stare tranquillo ho aperto la carabina e ho tirato giù più di 1 Joule, in da farla stare sotto ai 7,5 Joule anche con i JSB Exact. La stessa cosa, anche se utilizzando un metodo differente l'ho fatta con la AA S400. Non si sa mai, la legge è veramente troppo vaga.
Mick
09 Nov 2010, 10:15
Ciao, innanzitutto complimenti per l'impegno che ci metti a portare avanti questo blog, tutto è ben chiaro e molto utile per chi si avvicina al mondo delle aria compressa. Leggendola recenzione sulla weihrauch hw977 con cannokkiale nikko 6-24x44 mi è sorto un dubbio..
Ma se è una depotenziata con tiro utile di massimo 50 metri perchè usare un cannocchiale così potente?
Ho letto su internet che gia un cannocchiale a 4 ingradimenti si usa per distanze da 50 a 200 metri, che utilità puo avere un cannocchiale a 26 ingrandimenti per un tiro massimo di 50 metri o poco piu?
Chiedo perchè sono intenzionato a comprare la weihrauch e quindi un eventuale cannocchiale...
Poi un'ultimo dubbio:
I piombini JSB exact 4,51 sono regolamentari sulla weihrauch visto che superano il calibro 4,5 e i joule previsti? o si va fuorilegge?
GRazie in anticipo
Alessandro
11 Set 2010, 07:49
Il suggerimento era rivolto a tutti, visto che leggono in molti, e parecchi lamentano difficoltà di caricamento. Se hai pazienza di studiarti un sistema di ricarica senza toccare nulla è meglio.

In alternativa, se proprio non si riesce a caricare, si possono usare attacchi più alti. L'attacco alto risolve definitivamente il problema. Io personalmente la trovo una pessima soluzione. L'ottica che avevo prima aveva attacchi alti, e mi costringeva a sparare quasi senza appoggio della guancia. Adesso, con l'ottica montata bassa, posso appoggiare bene la guancia, e la carabina sembra che pesi la metà. Secondo me è meglio tenere l'attacco basso e costringersi a caricare passando la mano da dietro in modo da vedere bene tutta le finestra.

Per quanto riguarda i tappi, so che molti non li hanno trovati dentro la confezione, da cui deduco che sia normale. Quando ho comperato questa, on-line, ero convinto che non ci fossero.
giuseppe
10 Set 2010, 22:15
Ringraziando per il suggerimento(per altro già messo in atto)confermo piccole difficolta nell'inserire il pallino. E' da tenere presente che sono alle prime armi pur essendo possessore di un HW30 e HW977 depo.Mi meraviglia che la nikko faccia confezioni diverse non avendo trovato riscontro sul suo sito,allora sono i cmmercianti che le modificano? Cordiali saluti al sito.Ottima l'idea della bolla che personalmente ho modificato portandola sul tubo dell'ottica(per non dare fastidio quando si conserva l'arma) modificando un normale attacco da sciina alto.
Alessandro
10 Set 2010, 18:03
Praticamente tutte le ottiche adatte all'uso del field target coprono la finestra di caricamento del pallino, ma la carabina si carica tranquillamente, basta imparare a farlo correttamente. A costo di sembrare pedante vorrei ribadire un concetto che ho già espresso altre volte.

Se si esegue l'esatta procedura di caricamento descritta dal manuale d'uso che accompagna l'arma, l'unica che permette di caricare la carabina in COMPLETA SICUREZZA, non ci sono affatto problemi a caricare il pallino in culatta nonostante lo spazio angusto e la presenza della campana dell'ottica. I problemi si hanno quando si utilizza la mano sinistra (destra per i mancini) per caricare l'arma, senza tenere la leva di caricamento mentre si inserisce il pallino in culatta. In questa maniera la nostra visuale è coperta, oltre che dall'ottica, anche dalla nostra stessa mano. Tale procedura di caricamente però, oltre che scorretta è anche PERICOLOSA. Ricordo che quando si inseriscono le dita dentro la culatta, il pistone pronto a scattare. Un cedimento meccanico, uno scorretto aggancio del pistone, e addio dita!

La corretta procedura descritta anche dal manuale di istruzioni è la seguente. alzare la carabina tenendo l'astina con la mano destra, e calcare il calciolo in gomma sull'anca. Con la mano SINISTRA (destra per i mancini), sboloccare la leva di armamento e abbassarla fino a fine corsa. A questo punto, sempre tenendo la leva d'armamento con la mano sinistra che l'ha abbassata, togliere la mano destra dall'astina, prendere un diabolo e infilarlo in canna con il POLLICE della MANO DESTRA. Quindi riafferrare l'astina con la mano destra e risollevare la leva fino a chiuderla. Agendo in questa maniera la finestra d'armamento rimane completamente sgombra durante la fase di inserimento del pallino e si può vedere bene cosa si sta facendo. Se si trova difficile compiere questa operazione rimanendo in piedi, si può appoggiare il calciolo in gomma al terreno e caraicare la carabina rimanendo in ginocchio (diventa più comodo se poggiamo i pallini a terra). Inoltre, tenendo la leva d'armamento con la mano sinstra, si ESCLUDONO del tutto spiacevoli INCIDENTI. In questo caso la robustezza tipica della carabina tedesca rende l'eventualità di un incidente veramente molto remota. L'incidente, per quanto remoto va sempre considerato possibile e quindi de essere prevenuto sempre, in ogni caso. All'inizio può sembrare complicato, ma la trecnica si impara in breve tempo, e poi diventa del tutto naturale.

Se fai in questa maniera vedrai che non ci saranno più problemi a caricare la HW 977 e tutte le carabine che adottano un sistema simile.

Le confezioni dei cannocchiali Nikko non sono tutte uguali. So per certo che alcune non hanno i tappi, altre non hanno il paraluce e alcune hanno già il ruotone del parallasse di serie.
giuseppe
10 Set 2010, 10:25
P.S. Nel caso si aggiungesse il paraluce,risulterebbe impossibile il caricamento. Informo inoltre che l'ottica indicata,recentemente comprata non è fornita di tappi.
giuseppe
10 Set 2010, 10:17
Mi sembra che nella posizione attuale dell'ottica ci siano delle difficotà ad inserire il diabolo. Sono fortunato possessore di tale abbinamento che ritengo più che valido, ma ho alcuni piccoli problemi pur avendo sistemato l'ottica lasciando libero un solo foro sulla scina. Che soluzione proponi? Come fedele lettore invio cari saluti
*Nome:
Email:
Notifica di nuovi commenti a questo articolo
Nascondi la mia email
*Commento:
 
 
Powered by Scriptsmill Comments Script
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.
 
 
Cliccate sul titolo dell'articolo, oppure cliccate sulla fotografia per aprire la pagina che contiene una breve spiegazione sul contenuto degli articoli. Una volta aperto il link, è sufficiente cliccare sul riquadro “Scarica con il Browser”, e alla fine del download troverete il file nella cartella “Download” di Windows o nella cartella predefinita del vostro sistema operativo.
Buona lettura.
 
 
 
 
 


 
 
Raccolta di
termini tecnici, definizioni e curiosità
del mondo delle armi
0...9 - A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
 
F
 
G
 
H
 
I
 
J - K - L
 
M
 
N - O
 
P - Q
 
R
 
S
 
T
 
U-V-W-X-Y-Z