AZ Gun
 
ATTENZIONE !
AirGun Zeta World
su Facebook
E' UNA TRUFFA!!!
Airgun Zeta World non ha pagine Facebook. Airgun Zeta World, il sito originale www.airgunz.it non ha alcun legame con l'omonima "Airgun Zeta World" pagina Facebook di una improbabile "agenzia viaggi", che si spaccia per noi, utilizzando senza permesso il nome, il logo, le fotografie e i testi, del nostro sito. Non sappiano chi sono e soprattutto non sappiamo cosa fanno. Fate attenzione alle eventuali truffe. Grazie
ATTENZIONE !
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCHEDE
 
 
 

AZGUNPEDIA P (PALLA ... PUNTATORE LASER)

L'AZGunPedia è l'enciclopedia delle armi da fuoco e ad aria compressa. Lettera P, con un sacco di definizioni, tutte piuttosto brevi. Si va dalla definizione di pallino a quella di PCA e PCP, le armi ad aria precompressa, a pompa o serbatoio, a Parabellum, termine che forse non tutti sanno che era riferito al nome commerciale della Luger, utilizzato anche per definire la cartuccia che la pistola sparava.
PALLA
Con il termine “palla” si intende un qualunque proiettile di qualunque forma esso sia. Deriva probabilmente dal nome che veniva dato al proiettile sparato dai cannoni, che erano appunto di forma sferica, sia che fossero fatti di pietra o di metallo. Attualmente le palle per cartucce metalliche possono avere varie forme e costruite con differenti materiali. Sulle confezioni, le caratteristiche del proiettile sono identificate da sigle di abbreviazione. Ecco di seguito le abbreviazioni più comuni:
L = Lead (palla in lega ternaria, piombo)
GLV = Copperplated (ramata, palla in piombo o lega ricoperta con uno strato
ottenuto per galvanizzazione)
FMJ = Full Metal Jacket (blindata)
RN = Round nose (punta arrotondata)
TC = Truncated Cone (tronco conica)
SP = Soft Point (punta soffice)
FP = Flat Point (punta tenera piatta, espansivi)
HP = Hollow Point (punta cava, espansivi)
WC = Wad Cutter (a testa piatta)
BT = Boat Tail (coda rastremata)
PALLOTTOLA
Si definisce così il proiettile, di piccole dimensioni, destinato alle armi portatili, con base di forma cilindrica e con la parte anteriore di varie forme, ad esempio, appuntite, arrotondate ad ogiva o a punta.
PALLINO
Con il termine generico di “pallino” si identifica il proiettile delle armi ad aria compressa, sia esso di forma sferica che di tipo a forma di “diabolo” (vedi).
vari tipi di Diabolo
Una serie di pallini a forma di diabolo, in calibro 4,5 mm, per armi ad aria compressa.
PASSO
Il “passo” misura la lunghezza della rigatura dell’anima della canna. Si definisce come la distanza lineare che deve compiere la rigatura per compiere un intero giro completo di 360 gradi, sul proprio asse. Il passo della rigatura influenza la velocità di rotazione del proiettile sul proprio asse.
PARABELLUM
Nome commerciale della semiautomatica ideata dell'inventore tedesco George Luger. Vedi “Luger”.
PARABELLUM
l nome che viene comunemente dato alle cartucce per pistola ideate da George Luger per essere utilizzate nelle proprie pistole Borchardt Luger Parabellum. I calibri sono 7,65 mm e 9 mm. Il nome deriva appunto dalla pistola che in origine le sparava. Il calibro 9mm Parabellum, definito anche 9mm Luger, dal nome dell'inventore, 9mm Nato per il fatto che si tratta della cartuccia adottata dalle forze Nato, o semplicemente 9x19 mm dalla misura del bossolo, fu sviluppato da Luger, su richiesta dell'esercito tedesco, che reputava troppo piccolo il precedente calibro 7,65. Il 9 mm fu ottenuto semplicemente allargando il collo della cartuccia da 7,65 mm, che in questa maniera poteva ospitare una palla di maggiori dimensioni, perdendo quindi la caratteristica forma a bottiglia che caratterizzava la precedente cartuccia.
PARALLAX
Parallasse (vedi "errore di parallasse")
PARCHERIZZAZIONE
O "Parkerizzazione", vedi Fosfatazione.
PARKERIZED
Vedi Fosfatazione.
PCA
E' l'acronimo di Pre Charged Air. Un'arma PCA sfrutta come propellente l'aria caricata all'interno di un piccolo serbatoio cilindrico, attraverso una piccola pompa manuale solidale all'arma stessa. Il sistema di compressione dell'aria è realizzato tramite un pistone che scorre all'interno di un cilindro. La tenuta tra i due elementi è garantita da una guarnizione di tipo oring. L'azione sul cilindro è generalmente ottenuta aprendo l'arma a compasso e poi richiudendola, oppure tramite la classica pompa posizionata sull'astina, tipico dei fucili a pompa. Durante l'apertura l'aria viene aspirata all'interno del cilindro, mentre quando si richiude l'arma l'aria precedentemente aspirata viene fortemente compressa. Lo sforzo è generalmente notevole e deve essere ripetuto ogni volta che si spara. Alcune armi permettono di comprimere l'aria attraverso ripetute "pompate", ripartendo quindi lo sforzo in più azioni di ricarica, aumentando la potenza espressa e diminuendo lo sforzo richiesto per la carica.
Weihrauche HW 75
La Weihrauch HW 75 (in Italia HW 750) una moderna pistola PCA
PCP
E' l'acronimo di Pre Charged Pneumatic e sta ad indicare un'arma ad aria compressa che utilizza come propellente l'aria in pressione contenuta all'interno di un serbatoio, precedentemente caricato. In questa maniera il tiratore non è costretto a ricaricare di aria l'arma ad ogni colpo. Per la legge italiana il serbatoio non può essere caricato a più di 200 bar. L'autonomia varia a seconda dei modelli e delle prestazioni, ma una carica generalmente permette di sparare ben più di 100 colpi. Possono essere ricaricate tramite una classica pompa a mano o con l'ausilio di una bombola da sub.
Feinwerkbau 700 Alu
La Feinwerkbau 700 Alu, una modernissima carabina PCP con calciatura modulare in alluminio. Il serbatoio dell'aria compressa è quel cilindro posizionato sotto la canna. Il sistema PCP è utilizzato soprattutto per produrre armi da gara, dal costo porporzionale ai risultati che ermettono di raggiungere. Questa carabina, ad esempio, costa più di 2000 euro.
PEEP SIGHT
Diottra (vedi).
PELLETS
Pallino per armi ad aria compressa. Vedi “pallino” o “diabolo”.
PEPPERBOX
Letteralmente “pepiera”, è il termine con cui si indicano le “rivoltine”, piccole pistole da difesa molto usate nel secolo scorso. La loro caratteristica principale è quella di avere una serie di canne disposte a cilindro, necessarie per poter sparare più di un colpo senza dover ricaricare. Il funzionamento era tipicamente ad avancarica, ma, non mancavano i modelli più sofisticati nei quali le canne si potevano svitare per poter essere caricate dalla culatta.
rivoltina pepperbox
Una rivoltina “pepperbox” Allen & Thurber del 1845.
rivoltina pepperbox in scatola
Una pepperbox di Alexander Thomson completa di scatola e accessori.
PERCUSSIONE
Con “percussione” si intende il sistema di accensione della carica di lancio che utilizza una piccola capsula fulminante. Introdotto a partire dal 1820 circa, ha soppiantato il sistema di acciarino e pietra focaia. In questo sistema, il cane perquote la capsula fulminante, posizionata su un “luminello”, attraverso il quale, la scintilla viene propagata alla carica di lancio, incendiandola. Nelle moderne armi a retrocarica, la capsula fulminante è inserita o è parte integrante del bossolo, e la percussione avviene tramite il percussore.
PERCUSSORE
E’ l’elemento meccanico deputato a fare da tramite tra in cane e l’innesco delle cartucce di un’arma a retrocarica. Generalmente è formato da una barretta di acciaio appuntita a sezione tonda, che viene colpita dal cane e che a sua volta percuote l'innesco. In alcuni revolver il percussore diventa parte integrante del cane stesso. In altre pistole, come ad esempio la celeberrima Glock, il percussore è di tipo "lanciato". Un percussore di questo tipo non necessita dell'azione del cane per effettuare la percussione, ma viene lanciato contro l'innesco dalla compressione di una molla solidale allo stesso. Sempre nelle pistole Glock il percussore ha una sezione squadrata, e lascia quindi un segno inconfondibile sulla capsula di innesco del proiettile. In inglese il percussore è chiamato "firing pin" (vedi "Hammer").
percussore Glock 17
Il percussore di una Glock 17 è di tipo lanciato, ovvero funziona spinto da una molla, e non è colpito dal cane.
Nelle armi ad aria compressa di tipo PCP, PCA o CO2, l'equivalente del percussore è un perno sulla valvola d'apertura del gas (firing valve). La massa battente, anziché percuotere il cane colpisce il piccolo perno che fuoriesce dalla valvola provocandone l'apertura e la conseguente fuoriuscita di gas.
PERFEKT
Si tratta del meccanismo di scatto che equipaggia i modelli più piccoli di carabine a molla della Weihrauch. Lo scatto Perfekt è uno scatto a presa diretta non regolabile, decisamente più rozzo rispetto al “Rekord”, a due tempi regolabile e molto quotato. Attualmente il Perfekt equipaggia i modelli HW 25, HW 30 e HW 50. Vedere anche "Rekord"
Scatto Perfekt
Il pacchetto di scatto denominato "Perfekt" che equipaggia le piccole carabine di casa Weihrauch. A dispetto del nome, questo meccanismo di scatto è considerato tutt'altro che buono.
PFC MODEL GUN (PLUG FIRE CARTRIDGE MODEL GUN)
Vedi “Cap Firing Gun”.
PIASTRA
Nelle armi ad avancarica, il termine “piastra” è sinonimo di “acciarino”. Più propriamente la “piastra” è la parte che fa da supporto a tutti i meccanismi necessari all’accensione, quali cane, molle ecc.
PIN
Termine inglese per indicare la cosiddetta "spina". La spina è un organo meccanico di forma cilindrica lunga e sottile che serve per accoppiare due elementi distinti. Si inserisce a forza in appositi fori ricavati sugli stessi elementi che devono essere accoppiati. Può servire per effettuare semplice accoppiamento che necessiti un allineamento molto preciso tra i due elementi, oppure come perno che permetta la rotazione, di una delle due parti accoppiate rispetto all'altra. E' spina stessa, in quest'ultimo caso, che fa da asse di rotazione. Può essere di tipo in acciaio liscio, detta "spina Dowel" o a tubo aperto realizzata in acciaio armonico temprato, detta "spina elastica". Il termine "pin" è utilizzato anche indicare piccole sottili e lunghe parti meccaniche come ad esempio il percussore, chiamato appunto "firing pin" o il perno su cui ruota la piccola leva di rinvio del sistema di caricamente di una springer, che è detta "cocking link pin".
PIOMBINO
Pallino per armi ad aria compressa. Vedi “pallino” o “diabolo”.
PISTOLA
Indica un’arma corta, da pugno, che può essere utilizzata da una sola mano. L’origine del termine “pistola” è sconosciuta. Per la loro natura, di arma facilmente occultabile, le prime pistole comparvero nel secondo decennio del 1500, assieme ai primi acciarini a ruota. Esistono molte pistole giapponesi, e qualcuna europea, funzionanti a miccia, apparse in precedenza, ma, ovviamente queste armi non si possono considerare veramente pistole, sia per il fatto che, per la necessità di accendere la miccia, occorrono entrambe le mani per farle funzionare, e perché queste non possono essere occultate ed utilizzate immediatamente. La caratteristica fondamentale della pistola, è quella di essere, una volta caricata, utilizzabile in maniera automatica e immediata, mediante la sola pressione del grilletto. Al giorno d’oggi la pistola è relegata al solo ruolo di difesa personale, o, come ultima risorsa nell’utilizzo militare, ma, in passato, proprio per la sua caratteristica di poter essere usata con una mano sola, era l’arma fondamentale per i reparti di cavalleria. La prima rivoltella di successo fu la Colt Walker, mentre alla Borchardt del 1893 spetta il primato di essere stata la prima vera pistola automatica.
Glock 26
Una moderna pistola Glock 26.
PISTOLA MITRAGLIATRICE
Progettata alla soglie del secondo conflitto mondiale, la pistola mitragliatrice è un’arma dotata di fuoco automatico a raffica, camerata per sparare le cartucce da pistola. Gli anglosassoni utilizzano il termine “Sub Machine Gun” o il suo acronimo “SMG”.
Beretta S12
Una pistola mitragliatrice Beretta S12 dotata di silenziatore.
Heckler & Koch MP5K
Un Heckler & Koch MP5K una delle più famose pistole mitragliatrici moderne.
PISTONE
Elemento fondamentale delle armi ad aria compressa funzionanti a molla, le cosiddette "springer". Il pistone è quella parte che scorre all’interno del cilindro e che ha lo scopo di comprimere l’aria necessaria allo sparo, quando viene lanciato con forza dal rilascio della molla precedentemente compressa. Per comprimere efficacemente l’aria, che poi spingerà il pallino fuori dalla canna, il pistone deve garantire la perfetta tenuta dell’aria. A questo scopo il pistone è dotato in testa di una guarnizione di tenuta in materiale sintetico. In passato la guarnizione di testa era realizzata in cuoio.
Pistone HW 950
Il pistone di una Weihrauch HW 950. Tutto quel grasso sulla faccia del pistone non dovrebbe esserci.
PLINKING
Tiro ludico informale che consiste nel colpire piccoli oggetti di varia natura, perlopiù bottiblie, barattoli o monete. Il termine prende il nome dal rumore che fa il proiettile quando colpisce un oggetto metallico.
POINTED
Proiettile a testa appuntita. Per la loro conformazione i diaboli di tipo pointed non hanno buone doti di aerodinamicità e sono quindi adeguati solo per l'uso su distanze brevi.
POLVERE DA SPARO
E’ una sostanza esplosiva dotata di combustione lenta e controllabile, in modo da poter essere utilizzata in un’arma da fuoco per il lancio del proiettile. E’ formata da due componenti; il combustibile, ossia la sostanza che brucia, e il “comburente”, ovvero una sostanza in grado di cedere al combustibile l’ossigeno necessario alla combustione, in quanto questa dovrà necessariamente avvenire in una ambiente sigillato, senza che ci sia quindi la possibilità di utilizzare l’ossigeno presente nell’aria.
PONTICELLO
Con il nome di ponticello si indica generalmente la “guardia” o “guardamano” (vedi), ovvero quel “ponte” di metallo che protegge il grilletto da pressioni accidentali. In realtà con questo termine si possono indicare tutti i “ponti” metallici presenti nell’arma; ad esempio la chiusura superiore del castello di un revolver sopra al tamburo, viene spesso indicata con il termine “ponticello”.
Ponticello Colt 1911-A1
Il ponticello di una Colt 1911-A1. Ha una forma arrotondata e liscia.
Ponticello Beretta 96 Elite II
Negli anni ’80 andavano di moda i ponticelli squadrati e zigrinati, per favorire la presa con l’indice della mano debole. Questo è il ponticello di una Beretta 96.
Ponticello Heckler & Koch 45
Recentemente la moda dei ponticelli squadrati o a forma di gancio è scomparsa e si punta molto di più all’ergonomia. Il ponticello di questa H&K 45 è grande per permettere l’uso di guanti, zigrinato per favorire la presa del dito indice della mano debole, ma non uncinato, per impedire che si possa impigliare nella fondina o negli abiti durante l’estrazione.
Ponticello Beretta Px4 Storm
Con la Px4 Storm, l’ultima nata in casa Beretta, c’è un vero e proprio ritorno alle origini; il ponticello è di nuovo tondo e privo di qualunque zigrinatura.
PRECAMERA
Vedi “Regolatore di Pressione”.
PRESA DI GAS
Il sistema di funzionamento “a presa di gas” delle armi a caricamento automatico, consiste nell’utilizzare parte dei gas sprigionati dall’esplosione del colpo, per aprire l’otturatore, o, in alcuni casi per ritardarne l’apertura. Tecnicamente si realizza tramite un piccolo tubicino che preleva il gas dalla canna per portarlo all’otturatore. La pressione del gas in questione viene usata per muovere i meccanismi che tengono chiuso l’otturatore, oppure per opporsi alla sua corsa retrograda. Nel primo caso i gas vengono prelevati dalla parte finale della canna, mentre nel secondo caso, la presa dei gas avviene immediatamente dopo la camera di cartuccia. Il fucile d’assalto M-16 e la pistola automatica Desert Eagle funzionano utilizzando il primo metodo di presa di gas, mentre la pistola automatica Heckler&Koch P7 M13 funziona utilizzando il secondo sistema.
PROIETTILE
Un proiettile è un oggetto, di qualunque forma, lanciato con forza, o meglio “proiettato” all’esterno, da un’arma, un meccanismo o anche solo dalla forza delle braccia. Nelle armi da sparo, il proiettile è identificato dalla “palla” o dal “pallino” nel caso di armi ad aria compressa. Nel linguaggio comune si identifica come “proiettile”, non solo la parte proiettata, ma, l’intera cartuccia, formata da palla, bossolo, polvere e innesco.
Proiettili calibro .45 ACP
Proiettili in calibro .45 ACP.
PUNTATORE LASER
Meccanismo collegabile all’arma, di solito corta, che proietta un sottile raggio laser invisibile, che quando colpisce un oggetto diventa visibile sotto forma in un piccolo puntino rosso. Va da se, che tale dispositivo, se applicato alla volata dell’arma, con direzione in asse con la canna, diventa un efficace sistema di puntamento per l’arma, in quanto permette di identificare, direttamente sul bersaglio, il punto di impatto del proiettile. I puntatori laser sono perciò dotati di attacco, che può essere specifico per l’arma utilizzata, oppure standard, se l’arma è dotata di scina per ottica, di un sistema che ne permetta il comodo azionamento, nonché di viti di regolazione per determinare l’alzo e la deriva, esattamente come se si trattasse di un cannocchiale. Vista la natura del puntatore, questo si rivela efficace utilizzato per brevi distanze, o in ambienti particolarmente bui. Per questo motivo viene montato prevalentemente su armi corte.
Torcia e laser Glock
Un accessorio dotato di puntatore laser e torcia con attacco per pistole Glock.
puntatore laser per revolver
Un puntatore laser montato su un revolver.
puntatore laser a luce verde
Un puntatore laser a luce verde, completo di attacco e comando a distanza per poter essere azionato direttamente dall’impugnatura dell’arma. La ghiera a sinistra è il pulsante di comando manuale che va avvitato al posto del comando con il filo, esattamente come se si trattasse di una torcia.
 

Non si tratta di un sito commerciale
di vendite on-line.

Nessuno degli oggetti descritti è messo
in vendita su questo sito.

Sito amatoriale a solo carattere
divulgativo e informativo.
Tutti i diritti dei marchi presenti
all'interno del sito appartengono
ai legittimi proprietari.
Non si intende infrangere
alcun diritto d'autore.
L'autore si impegna a rimuovere nel più breve tempo possibile, tutte le fotografie, disegni e grafici, che siano stati presi dalla rete, qualora i legittimi proprietari ne facciano esplicita richiesta.
 
Images Gallery
 
Argomenti di interesse
Montaggio Remngton 1911 R1
Anics Skif-A3000
Aggiustiamo la mira
Mercury Air 25 Super Charger Tactical
 
STI Spartan calibro .45 ACP
 
COMMENTI
Non si trattano argomenti riguardanti la caccia, neppure la caccia ai nocivi con armi ad aria compressa. Per questi argomenti esistono siti appositi, che li trattano in maniera seria e competente.
Non si trattano argmenti riguardo il potenziamento illegale di armi di libera vendita. Per cortesia non lasciate messaggi su questi argomenti o su altre pratiche illegali in Italia.
I messaggi riguardanti argomenti illegali o non graditi, verranno rimossi senza dare alcuna spiegazione.
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.

Commenti

Alessandro
31 Gen 2013, 20:37
Non credo esistano pallini interamente construiti in plastica o gomma, almeno io non ne ho mai visti. Se esistessero, magari vecchie confezioni per armi giocattolo in calibro 4,5 mm, distruggerebbero in poco tempo la molla di una carabina potente come la Diana 50 e sarebbero altamente imprecise a causa del loro peso troppo ridotto. Esistono munizioni in acciaio rivestite di plastica per non rovinare la canna, e sono ad alto potere penetrande. Non credo però che sia questa l'intenzione della domanda. In ogni caso sporcano la canna con la plastica che si sfilaccia dentro le rigature, la rovinano, perché costringono al'uso di scovoli metallici per rimuovere i residui, e anche queste sono molto imprecisi.

saluti
Alessandro
Lino
30 Gen 2013, 18:54
Volevo chiedervi gentilmente se una carabina ad aria compressa modello diana 50 può usare munizioni di gomma/plastica e se si potete dirmi quale tipo/modello ringraziandovi porgo distinti saluti Lino
*Nome:
Email:
Notifica di nuovi commenti a questo articolo
Nascondi la mia email
*Commento:
 
 
Powered by Scriptsmill Comments Script
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.
 
 
 
 
 
 
 
 


 
 
Raccolta di
termini tecnici, definizioni e curiosità
del mondo delle armi
0...9 - A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
 
F
 
G
 
H
 
I
 
J - K - L
 
M
 
N - O
 
P - Q
 
R
 
S
 
T
 
U-V-W-X-Y-Z