AZ Gun
 
ATTENZIONE !
AirGun Zeta World
su Facebook
E' UNA TRUFFA!!!
Airgun Zeta World non ha pagine Facebook. Airgun Zeta World, il sito originale www.airgunz.it non ha alcun legame con l'omonima "Airgun Zeta World" pagina Facebook di una improbabile "agenzia viaggi", che si spaccia per noi, utilizzando senza permesso il nome, il logo, le fotografie e i testi, del nostro sito. Non sappiano chi sono e soprattutto non sappiamo cosa fanno. Fate attenzione alle eventuali truffe. Grazie
ATTENZIONE !
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCHEDE
 
 
 

AZGUNPEDIA COLT 1911 LA STORIA

Ha compiuto 100 anni, la 1911 e ancora non li dimostra. E' stata la prima pistola semiautomatica di grosso calibro moderna. Il suo progetto è talmente moderno che assorbe ancora oggi buona parte del mercato delle pistole di grosso calibro. Il suo sistema di funzionamento è alla base della quasi totalità della pistole prodotte oggigiorno. Una lunga pagina dedicata alla sua storia.
COLT 1911: La storia, John Moses Browning e lo sviluppo della prima pistola semiautomatica moderna.
Precedente
Nel 1903 la Colt commercializzò una versione compatta della modello 1902, la modello 1903 Hammer Pocket, e un modello a semplice rinculo, la 1903 Hammerless, in calibro .32 ACP, che altro non era che una versione marchiata Colt della FN modello 1903 blowback.
Colt 1903 Hammer Pocket
Il modello 1903 Hammer Pocket, era una versione compatta del modello militare.
Colt 1903 Hammerless
Il modello 1903 Hammerless Pocket in calibro .32 ACP, era una versione Colt della pistola FN Browning 1903. Questo modello, più piccolo era destinato agli ufficiali. Nel 1908 ne uscì una versione in calibro .380 ACP (9x17 mm, 9mm Browning o 9mm Corto).
Spaccato Colt 1902 / 1903
Uno spaccato d’epoca della pistola modello 1902/1903
A questo punto, la Colt, per soddisfare le esigenze militari, ideò una nuova cartuccia in calibro .45 senza bordo, in modo da poter essere adatta alle pistole automatiche, e trasformò il modello 1902, ingrandendolo opportunamente, in modo che potesse sparare la nuova cartuccia. L’esercito ne acquistò 200 per prova, e la pistola fu introdotta nel mercato civile con la denominazione di “modello 1905”.
Colt 1905
La Colt modello 1905 in calibro 45. La Colt era sicura dell’adozione da parte dell’esercito, ma il governo americano ne acquistò solo 200 esemplari.
Anche se l’esercito americano non volle adottare ufficialmente il modello 1905, perché ritenuto ancora non all’altezza, intravide sufficienti potenzialità nella pistola, tanto da farla diventare un punto di riferimento sul quale iniziare a studiare la sostituzione dei revolver esistenti. Nel 1906 il governo americano indisse un concorso per l’adozione di una pistola automatica, e nel Gennaio del 1097, il consiglio si riunì nell’arsenale di Springfield per esaminare le armi che parteciparono alla gara.
DWM Parabellum calibro .45
La DWM Parabellum in calibro 45 che partecipò alla prove indette dall’esercito degli Stati Uniti. Fu scartata perché non era in grado di garantire una buona sicurezza d’azione.
Le prove furono veloci, la maggior parte dei contendenti fu scartato quasi subito perché non riuscirono neppure ad esplodere un colpo. Tra gli illustri eliminati vi fu anche la tedesca DWM, che partecipò alle prove con una versione in calibro 45 della sua famosa Parabellum. La Luger, non fu in grado di garantire la corretta esplosione dei colpi, in quanto la sua meccanica sofisticata, non era in grado di digerire le pessime cartucce in calibro 45 messe a disposizione dell’esercito americano. In effetti in Europa, la produzione meccanica dell'epoca, di armi e munizioni, era ben più sofisticata rispetto a quella americana. Le cartucce in calibro 9 mm Parabellum erano prodotte con maggiore cura, rispetto alle .45 americane, e le pistole tedesche non avevano grossi problemi a spararle. La Parabellum stava per essere adottata dall’esercito tedesco, e la DWM non si rammaricò più di tanto dell’esclusione.
revolver automatico Webley-Fosbery
Il revolver automatico Webley-Fosbery, che partecipò alle prove, superò brillantemente tutti i test, ma non fu scelto.
Tra gli esclusi c’era anche il noto revolver automatico inglese Webley-Fosbery, che riuscì a superare brillantemente tutte le prove, ma che fu scartato per la sua difficoltà di caricamento da cavallo, e per la mancanza del grilletto in doppia azione, ritenuto indispensabile per un revolver. Anche la pistola italiana Glisenti partecipò alle prove. La pistola aveva un sistema di chiusura geometrica da sempre ritenuto un po’ troppo debole, tanto che nella versione adottata dall’esercito italiano, essa camerava una versione a carica ridotta del 9 mm Luger, chiamato appunto 9 mm Glisenti. L'arma non fece una buona figura, e si guadagnò il poco edificante appellativo di “Luger dei poveri”, per la sua apparente somiglianza con la pistola tedesca . Inutile ricordare che circa 80 anni dopo l'Italia si prese una bella rivincita, quando l'italiana Beretta sbaragliò tutta la concorrenza e fu adottata dall'esercito americano proprio in sostituzione della M1911-A1. Alla fine passarono alla fase successiva solo la Colt, che si presentò con una versione leggermente modificata della 1905, e la pistola Savage, che era un modello a canna rotante, con un periodo di otturazione talmente breve da essere considerata quasi una “delayed blowback”.
Savage .45
La Savage .45 che contese la vittoria per l’adozione da parte dell’esercito degli USA alla Colt.
L’esercito decise quindi l’acquisto di 200 pistole Colt e 200 Savage, per provarle in un utilizzo prolungato, al fine di decidere quale delle due sarebbe stata adottata. La Savage però, non era disposta a produrre solo 200 pistole senza avere precise garanzie in merito a future ordinazioni. Quindi fu chiesto alla DWM di preparare 200 Parabellum in calibro .45, da sottoporre alla prova al posto della Savage. La DWM, in odore di approvazione da parte dell’esercito tedesco declinò l’offerta, e così il governo americano convinse la Savage a produrre le sue 200 pistole. Nei mesi successivi sei squadroni di cavalleria furono dotati delle 400 pistole. Dopo pochi mesi le pistole tornarono indietro, con la richiesta, da parte dei soldati, di disfarsi di quegli inutili marchingegni e di poter tornare ad utilizzare il vecchio revolver.
Colt 1907
La Colt modello 1907 che partecipò alle prove per l’adozione da parte dell’esercito degli Stati Uniti, in contrapposizione con la Savage.
Per soddisfare le continue richieste di armi efficaci da inviare alle truppe impegnate nelle Filippine, l'esercito Americano richiede ed adotta il revolver “Colt New Service M. 1909” in calibro 45 Colt, con la cartuccia caricata con polvere infume anziché nera.
Colt New Service 1909
Il revolver Colt New Service M 1909, a doppia azione in calibro 45 Colt fu adottato per soddisfare le stringenti richieste di un'arma di calibro adeguato, da parte dei soldati americani impegnati nelle Filippine.
Anche se nessuna delle due pistole si rivelò completamente soddisfacente, l’esercito decise che era giunto comunque il momento di passare alle pistole automatiche. I due modelli provati non funzionavano molto bene, soprattutto un condizioni da “campo”, imbrattate e sporche, ma avevano degli indubbi vantaggi rispetto ai vecchi revolver, quale un maggior numero di colpi, una più facile e veloce ricarica ed infine delle dimensioni più compatte che ne favorivano il porto. Gli USA invitarono le fabbriche ad apportare delle modifiche ai progetti, sulla base di una cartuccia più pesante di quella che avevano utilizzato nelle prove. Soprattutto la Colt, che era quella che l’esercito aveva ritenuto più promettente, beneficiò di una attenzione maggiore da parte dell’esercito, che richiese a Browning di apportare delle modifiche molto importanti al progetto iniziale. Dopo le modifiche, iniziò una stretta collaborazione tra la fabbrica di Hartford e gli ufficiali incaricati delle prove e dei collaudi. Gli esemplari delle nuove pistole, i modelli del 1909, che rispetto alle precedenti versioni utilizzavano una sola bielletta invece che due, venivano spediti agli ufficiali per i collaudi, i quali li testavano e li rispedivano indietro, allegando le loro valutazioni. Quindi la fabbrica provvedeva alle riparazioni, alle eventuali modifiche sulla base dei commenti che aveva ricevuto, e li rispediva per nuove prove.
Colt 1909
Il modello del 1909; per la prima volta appare la boccola in volata. Il fusto però, è chiaramente derivato dal modello del 1907, come si può notare dall’inclinazione dell’impugnatura, ancora praticamente verticale.
Disegno Colt 1911
Il disegno del brevetto di Browning della nuova pistola creata nel 1909. Come si può notare, la produzione iniziò nel Febbraio del 1910, e il brevetto registrato il 14 Febbraio 1911.
Disegno Colt 1911
Un altro disegno d’epoca mostra il funzionamento del modello del 1909, meccanicamente identico a quello poi definitivo del 1911. Di questo modello furono prodotti 23 esemplari, dal Febbraio 1910 all’Agosto del 1911.
Nel 1910 si svolse un nuovo test, nel quale la nuova versione della automatica Colt sfidò ancora la Savage 1907, anch'essa migliorata. La prova consisteva nello sparare 6000 colpi, in 60 serie da 100 colpi ciascuna, con un riposo, tra una serie e l’altra di soli 5 minuti, e una pulizia ogni 1000 colpi. Alla prova partecipò anche il revolver M1909, per fornire un termine di paragone. Il revolver ridicolizzò le due pistole, facendo registrare un solo colpo a vuoto, contro i 12 della Colt, e i ben 43 della Savage. Oltre al colpo a vuoto, il revolver ebbe un solo malfunzionamento meccanico, durante l'intero arco della prova, mentre le due pistole caddero letteralmente a pezzi. La prova si era conclusa e il suo verdetto era stato chiaro; per il momento l’esercito degli Stati Uniti non avrebbe abbandonato la rivoltella, per adottare una poco funzionale pistola automatica.
Colt 1910
Il modello 1910, che partecipò alle prove del 1910. A stento si riconosce la vecchia pistola del 1907. L’impugnatura non è più diritta, ma inclinata come sarà nel modello definitivo.
Colt 1910
Un altro esemplare di Colt 1910. Notate che su questa pistola è presente la sicura manuale, assente nella precedente. Di questa pistola intermedia ne furono prodotti solo 12 esemplari dal Luglio 1910 al Settembre 1911. Questi prototipi, venivano spediti ai vari graduati che si occupavano delle prove, i quali dopo averli testati li rispedivano in fabbrica dove venivano sottoposti alle modifiche suggerite, e quindi nuovamente inviati ad altri ufficiali per altre prove. Per questo motivo è possibile trovare modelli con numero di serie più basso, ma dotati di dispositivi meccanici sviluppati successivamente alla loro produzione.
Seguente

Non si tratta di un sito commerciale
di vendite on-line.

Nessuno degli oggetti descritti è messo
in vendita su questo sito.

Sito amatoriale a solo carattere
divulgativo e informativo.
Tutti i diritti dei marchi presenti
all'interno del sito appartengono
ai legittimi proprietari.
Non si intende infrangere
alcun diritto d'autore.
L'autore si impegna a rimuovere nel più breve tempo possibile, tutte le fotografie,
i disegni e i grafici, presi dalla rete,
qualora i legittimi proprietari ne facciano esplicita richiesta.
 
Images Gallery
 
Argomenti di interesse
La storia della Colt 1911
Crosman Benjamin Marauder
Lee Pro Auto-Disk
Mercury Air 25 Super Charger Tactical
 
Colt Series 70
 
COMMENTI
Non si trattano argomenti riguardanti la caccia, neppure la caccia ai nocivi con armi ad aria compressa. Per questi argomenti esistono siti appositi, che li trattano in maniera seria e competente.
Non si trattano argmenti riguardo il potenziamento illegale di armi di libera vendita. Per cortesia non lasciate messaggi su questi argomenti o su altre pratiche illegali in Italia.
I messaggi riguardanti argomenti illegali o non graditi, verranno rimossi senza dare alcuna spiegazione.
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.

Commenti

Nessun commento finora
*Nome:
Email:
Notifica di nuovi commenti a questo articolo
Nascondi la mia email
*Commento:
 
 
Powered by Scriptsmill Comments Script
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.
 
 
 
 
 
 
 
 


 
 
Raccolta di
termini tecnici, definizioni e curiosità
del mondo delle armi
0...9 - A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
 
F
 
G
 
H
 
I
 
J - K - L
 
M
 
N - O
 
P - Q
 
R
 
S
 
T
 
U-V-W-X-Y-Z