AirGun Zeta
 
ATTENZIONE !
AirGun Zeta World
su Facebook
E' UNA TRUFFA!!!
Airgun Zeta World non ha pagine Facebook. Airgun Zeta World, il sito originale www.airgunz.it non ha alcun legame con l'omonima "Airgun Zeta World" pagina Facebook di una improbabile "agenzia viaggi", che si spaccia per noi, utilizzando senza permesso il nome, il logo, le fotografie e i testi, del nostro sito. Non sappiano chi sono e soprattutto non sappiamo cosa fanno. Fate attenzione alle eventuali truffe. Grazie
ATTENZIONE !
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCHEDE
 
 
 
La pulizia e la manutenzione delle armi ad aria compressa.
Pulire e lubrificare le nostre armi è un po' come coccolarle. Si tratta di una cosa piacevole e gratificante. Nessuno sa resistere al fascino di boccette di olio, scovolini, bacchette di pulizia e grassi. Ma le nostre armi ad aria compressa gradiscono? Purtroppo non sempre. A volte il modo più facile di rovinare una pistola o una carabina ad aria compressa è proprio quello di pulirla e lubrificarla in maniera eccessiva o addirittura ossessiva. In questo articolo mi ripropongo di realizzare una piccola guida per la pulizia e la manutenzione della armi ad aria compressa. Si tratta di una guida realizzata seguendo delle considerazioni personali, ricavate dalla mia esperienza. Esperienza che sarà necessariamente limitata, rispetto al vasto panorama dell'argomento che mi ripropongo di descrivere. Il lettore dovrà leggere quanto scrivo, ora e in tutte le altre occasioni, con spirito critico, traendo spunto e idee dalle mie osservazioni, ma verificandone personalmente l'effettiva validità.
Che dice il libretto di istruzioni?
Sembra una banalità, ma la maggior parte di noi non legge affatto il libretto di istruzioni contenuto nella confezione dell'arma. Questo è il primo errore che di solito si commette e che non ci permette di eseguire una corretta manutenzione. Nel libretto delle istruzioni ci sono le indicazioni per eseguire una pulizia e una lubrificazione di massima, più che sufficiente a mantenere le prestazioni dell'arma inalterate nel tempo. Spesso però l'utente medio non è in grado di interpretare in maniera corretta le istruzioni. Può anche capitare che il manuale di istruzioni contenga delle inesattezze dovute ad un difetto di traduzione. Il mio consiglio è quello di leggere più libretti di istruzioni possibile. Su internet se ne trovano molti. Per quanto riguarda le soft-air, l'utilizzo moderato di un buon olio a base di silicone è più che sufficiente. In questa sede ci riferiremo quindi alla manutenzione e alla cura di armi ad aria compressa, quelle che di solito vengono definite con il termine anglosassone di “airguns”. Occorre fare attenzione però; con il termine “airguns”, generalmente vengono definite le cosiddette armi ad aria compressa a molla “springer” o a gas o aria precompressa, PCA, PCP o CO2 in serbatoio. Le armi da divertimento funzionanti tramite bombolette usa e getta, in realtà sono costruite con materiali e tecniche leggermente differenti. Occorre quindi prestare un po' più di attenzione nella pulizia di questi particolari strumenti.
Che materiali ci servono?
Olio per armi, grassi vari, scovoli, bacchette di pulizia, panni, strisce di stoffa, carta-casa, feltrini, capsule di CO2 lubrificanti e altro.
L'olio per armi
Un elemento comune, presente in tutti i manuali, è l'olio per armi. L'idea generale, sicuramente esagerata, è che il comune olio per ami da fuoco possa attaccare la gomma. Generalmente occorre utilizzare un olio per armi privo di resine e non acido. Sono da escludersi gli oli ricavati dalla raffinazione del petrolio e i solventi. La base può essere sia minerale che sintetica. Per la pulizia esterna delle armi in acciaio brunito, è possibile utilizzare anche un olio leggermente acido. Siccome questo tipo di armi contiene all'interno guarnizioni di gomma, è preferibile non usare un olio acido, anche se in maniera blanda, per la lubrificazione interna. Quindi forse è meglio lasciar perdere, e non usarlo neppure per la pulizia esterna. Spesso si confondono gli oli minerali con gli idrocarburi e derivati dal petrolio. Gli oli minerali sono in realtà fluidi creatisi in milioni di anni esattamente come il petrolio, ma che generalmente, a differenza degli idrocarburi, non sono combustibili, se non dopo riscaldamento e vaporizzazione. Come il petrolio vengono estratti e raffinati, ma non frazionati. Come faccio a trovare un olio con le caratteristiche giuste? Semplice, con qualche ricerca su internet. Andiamo adesso ad analizzare gli oli che generalmente gli appassionati utilizzano per la pulizia e la lubrificazione.
Napier Power Airgun Oil
E' uno dei pochi oli specifici per “Airguns”. Dovrebbe essere a base minerale, ma sul sito del produttore non si trovano indicazioni utili. L'olio per armi a fuoco Napier è minerale, quindi suppongo li sia anche il Power. Non danneggia le gomme e le plastiche. E' specifico per la lubrificazione interna. Per la pulizia, la casa madre consiglia il “Napier Super Clean”, ma di solito tutti usano sempre il “Power”. La Napier produce una quantità di prodotti per la lubrificazione, la cura e la conservazione delle armi, tutti basati su un magico ingrediente: il VP-90, un agente anticorrosione dalla caratteristiche eccezionali. Da segnalare anche le bustine di VP-90 da inserire all'interno di custodie e armadi per tenere lontani umidità e agenti aggressivi. Si trova molto difficilmente in armeria, ma è l'olio preferito da chi usa le pistole a CO2.
Napier Power AirGun Oil
Kevler Ballistol
Prodotto storico e addirittura leggendario. Il Ballistol è prodotto dalla tedesca Kevler sin dal 1904 ed è un olio per armi multiuso che più multiuso non si può. Si tratta di un prodotto completamente naturale e biodegradabile, che può addirittura essere usato come disinfettante. E' un olio a base minerale, esente da resina e acido. Protegge metallo, gomma e cuoio. E' ottimo per la cura del legno. Molti armieri lo consigliano per le armi ad aria compressa, proprio perché si tratta di uno dei pochi oli per armi alcalini, che non solo non attaccano la gomma, ma possono essere utilizzati anche per la cura del calcio in legno. Anche la Kevler produce una moltitudine di prodotti adatti alla cura delle armi, e non solo. L'olio multiuso Ballistol si trova facilmente in qualunque armeria e questo è decisamente un punto che depone a suo favore. E' l'olio che solitamente uso io.
Kevler Ballistol
Kentron
Si tratta di un altro olio per armi molto famoso. Protegge e lubrifica, non resinifica e non danneggia polimeri e legno. Molti lo usano per le proprie armi ad aria compressa. Anche il Kentron è molto facile da trovare in armeria. Mi sento di consigliare l'uso di uno dei tre oli che ho appena elencato, per la pulizia delle armi ad aria compressa.
Kentron
Olio Singer
E' il classico olio nel boccettino dosatore. Molti, me compreso, lo usano senza problemi nella cura della proprie armi ad aria compressa. Ha il difetto, secondo alcuni, di attrarre un po' troppo la polvere. Non secca e non crea patine o resine. Può essere utilizzato tranquillamente per la pulizia esterna, anche se personalmente preferirei un olio più specifico, da scegliersi tra quelli presentati in precedenza. Ottimo e insostituibile per lubrificare soprattutto gli scatti. E' facile da usare localmente grazie al boccettino dosatore. Secondo me non deve mancare in casa di un appassionato di armi ad aria compressa, assieme ad uno dei tre oli che ho elencato in precedenza.
Olio Singer
CRC Gun Care
Facile da trovare, si può usare tranquillamente, soprattutto per quanto riguarda la pulizia esterna.
CRC Gun Care
WD-40
Olio spray multiuso. Si tratta di un lubrificante secco che non unge. Ha un potere lubrificante un po' limitato nel tempo, ma è ottimo per togliere ogni traccia di umidità. Va molto di moda soprattutto per pulire l'esterno dell'arma, la canna e i meccanismi interni. Nel caso venga utilizzato per la pulizia interna, deve essere poi accompagnato da un olio lubrificante tipo Singer. E' lievemente acido, quindi si può usare sulle bruniture esterne, ma se utilizzato all'interno dell'arma, occorre prestare attenzione alle guarnizioni. Evitate di utilizzarlo per la pulizia delle pistole a CO2.
WD-40
Altri oli per armi
In armeria si trovano oli che generalmente hanno lo stesso marchio delle armi. Troveremo quindi l'olio Gamo per l'aria compressa, ma anche Beretta, Browning ecc... In linea generale sono tutti adatti, fate solo molta attenzione a non acquistare un olio contenente solventi.
Olio al silicone spray
L'olio al silicone, che spesso viene consigliato da alcuni, non è affatto un olio per armi. Si tratta di un olio dall'altissimo potere protettivo, ma piuttosto poco efficace per la lubrificazione. Ha una altissima viscosità, è molto adesivo, rimane a lungo e non è facilmente dilavabile. Rimane appiccicato e impasta i meccanismi. Inoltre non è adatto per cuscinetti e alti carichi. Quindi non utilizzatelo assolutamente per la lubrificazione della chiusura delle springer break barrel, soprattutto se realizzata tramite la classica biglia d'acciaio. Generalmente, se usato come lubrificante, fa più danno che altro, proprio a causa dell'alto potere adesivo e viscosità. Però è utilissimo per la protezione delle parti in gomma, ed eventualmente in cuoio, delle armi. Io consiglio di usarlo solo localmente, spalmato con un pennellino sulle guarnizioni. In questo modo, sopra al gommino, si crea una patina di silicone, che farà scivolare via qualunque altra sostanza che dovesse finire per sbaglio sulla guarnizione. A questo scopo è meglio usare il grasso. Non spruzzatelo, per evitare che finisca dappertutto. Nei libretti di istruzioni, però non viene mai consigliato. Tenetelo a mente.
Silikon Spray
E' preferibile applicare il silicone spray solo localmente, usando un pennellino. A tale scopo potete utilizzare un tappo di acqua minerale, ben asciutto e spruzzare il prodotto lì dentro. Aspettare che l'eventuale solvente sia evaporato prima di applicare l'olio col pennello.
Olio al Teflon (PTFE)
Al pari del silicone è un polimero, ed è molto indicato per il trattamento di gomma e polimeri in genere. Le analogie con il silicone finiscono qui. Per quanto riguarda le altre caratteristiche, il Teflon può considerarsi l'esatto opposto del silicone. Ha doti di scorrevolezza eccezionali, un coefficiente di attrito bassissimo ed è antiaderente. Con queste caratteristiche dovrebbe essere un lubrificante eccezionale, molto adatto alle armi ad aria compressa. In effetti qualche azienda commercializza olio al PTFE per armi, ma nessuno specificatamente per l'aria compressa. Siccome non aderisce si esaurisce abbastanza in fretta e questo sembra essere un limite. Generalmente è venduto come lubrificante secco spray, che non unge. Anche in questo caso nessun libretto di istruzioni ne consiglia l'uso.
Birchwood Synthetic Gun Oil
Un olio per armi al PTFE.
Il grasso
Se non vi basta l'olio, potete usare il grasso. Utile soprattutto per la lubrificazione interna, e dopo uno smontaggio completo. Ma anche localmente, per tutti quei punti che, secondo voi, necessitano di una lubrificazione duratura. Ancora una volta i manuali non ne fanno accenno, ma a volte possono essere utili.
Grasso al bisolfuro di Molibdeno.
E' il grasso più utilizzato nelle springer. E' generalmente indicato come “moly”. Può essere utilizzato dappertutto, purché in zone inaccessibili e non visibili. E' nero e sporca molto. E' l'unico grasso da utilizzare per la lubrificazione del pistone. Esternamente si può utilizzare per lubrificare i piani di contatto dello scatto, le guide e i meccanismi raggiungibili. Non è particolarmente adesivo. Esistono diversi marchi di grasso al MoS2 specificatamente studiati per l'utilizzo con le armi, ma sono di difficile reperibilità qui in Italia. Spesso è quindi necessario rivolgersi ad un prodotto da banco. In questo caso, gli esperti consigliano di utilizzare solo ed esclusivamente il grasso marchiato CFG, perché non contiene additivi.
CFG grasso al bisolfuro di molibdeno
  Seguente

Non si tratta di un sito commerciale
di vendite on-line.

Nessuno degli oggetti descritti è messo
in vendita su questo sito.

Sito amatoriale a solo carattere
divulgativo e informativo.
Tutti i diritti dei marchi presenti
all'interno del sito appartengono
ai legittimi proprietari.
Non si intende infrangere
alcun diritto d'autore.
L'autore si impegna a rimuovere nel più breve tempo possibile, tutte le fotografie, disegni e grafici, che siano stati presi dalla rete, qualora i legittimi proprietari ne facciano esplicita richiesta.
 
Images Gallery
 
Argomenti di interesse
Montaggio Remngton 1911 R1
Bersagli da stampare
Stars & Stripes
WEIHRAUCH HW 977
 
STI Spartan calibro .45 ACP
 
 
 
 
 
 
 
 
 


 
 
Raccolta di
termini tecnici, definizioni e curiosità
del mondo delle armi
0...9 - A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
 
F
 
G
 
H
 
I
 
J - K - L
 
M
 
N - O
 
P - Q
 
R
 
S
 
T
 
U-V-W-X-Y-Z