AZ Gun
 
ATTENZIONE !
AirGun Zeta World
su Facebook
E' UNA TRUFFA!!!
Airgun Zeta World non ha pagine Facebook. Airgun Zeta World, il sito originale www.airgunz.it non ha alcun legame con l'omonima "Airgun Zeta World" pagina Facebook di una improbabile "agenzia viaggi", che si spaccia per noi, utilizzando senza permesso il nome, il logo, le fotografie e i testi, del nostro sito. Non sappiano chi sono e soprattutto non sappiamo cosa fanno. Fate attenzione alle eventuali truffe. Grazie
ATTENZIONE !
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCHEDE
 
 
 

Ricarica: la pulizia dei bossoli con gli ultrasuoni

AEG USR 5516 Ultrasonic Cleaner
Una piccola ed economica lavatrice ad ultrasuoni è in grado di risolvere in maniera "brillante" il problema della pulizia dei bossoli da ricaricare.
Subito dopo aver iniziato l'attività di ricarica dei proiettili per pistola, ho sentito la necessità di pulire i bossoli raccolti dopo ogni sessione di tiro. Si tratta sicuramente di un'esigenza estetica, più che pratica. Inserire colpi puliti e luccicanti all'interno del caricatore fa sicuramente più piacere che riempire il serbatoio di cartucce sozze, che sporcano le dita. Ma esiste anche una necessità economica e di sicurezza. E' difficile notare eventuali difetti e fessurazioni sui bossoli se sono troppo sporchi. Se si ricaricano calibri molto diffusi, come il 9x21, non avremo grosse difficoltà a raccogliere spesso bossoli di primo sparo, e sostituire regolarmente i nostri bossoli sporchi e logori. Ma se ricarichiamo calibri poco diffusi e costosi come il .45 ACP, che praticamente non fa tempo a toccare terra prima di venire raccolto, è molto meglio trovare un sistema per pulire i nostri bossoli, e farli durare più a lungo possibile.
AEG USR 5516 Ultrasonic Cleaner
L'immagine della confezione dell'AEG USR 5516 Ultrasonic cleaner
Personalmente ho sempre cercato di pulire i miei bossoli, ma i metodi utilizzati, o erano troppo lenti e faticosi, come ad esempio utilizzare una pezzuola e Sidol o la pagliette di lana d'acciaio per pulirli uno a uno, oppure poco efficaci, come ad esempio metterli in lavatrice assieme al bucato. Questo secondo sistema è in ogni coso veloce, e ha come risultato una pulizia dignitosa dei bossoli. Si prende una calza, o ancora meglio un sacchetto di iuta o comunque a maglie larghe, ci si mettono all'interno i bossoli da lavare, lo si chiude bene utilizzando un laccio da scarpe, e lo si infila in lavatrice assieme al bucato. Il sacchetto occorre chiuderlo bene, perché se si apre durante il lavaggio son dolori. Il lavaggio in lavatrice pulisce i bossoli solo all'esterno; la sede dell'innesco e l'interno rimangono incrostati. A volte anche la gola del fondello resta sporca, così come il corpo del bossolo che può presentare ancora segni di incrostazioni anche dopo il lavaggio. Cicli di lavaggio più energici lasciano la superficie del bossolo piuttosto segnata, e opaca come se fosse stata sottoposta a una sorta di sabbiatura.

Alla fine ho deciso di acquistare in rete un pulitore ad ultrasuoni e provare ad utilizzarlo per la pulizia dei bossoli. Il pulitore ad ultrasuoni propaga onde sonore ad alta frequenza, non udibili dall'orecchio umano, che si propagano attraverso un liquido, solitamente acqua mescolata ad un detergente. Immergendo nel liquido l'oggetto da pulire, le onde sonore muovono il liquido, il quale esegue un velocissimo massaggio dell'intera superficie dell'oggetto da pulire, disgregando anche lo sporco più ostinato. La cosa funziona, e funziona anche bene, direi.

Il pulitore in questione è uno di quelli più economici. Prodotto dalla AEG costa poco più di 30 euro, che diventano una quarantina, aggiungendo le spese di spedizione. E' formato da un corpo tondeggiante bianco, con un coperchio trasparente in cima, dal quale fuoriesce un filo con la presa di corrente. E' semplicissimo; si apre il coperchio per accedere alla vasca, la si riempie di acqua, si aggiunge un detersivo adeguato all'oggetto da pulire, si immerge l'oggetto dentro alla vasca, si chiude il coperchio, ma l’apparecchio funziona anche senza chiudere il coperchio, si collega la presa alla corrente e si preme l'unico tasto. Il ciclo di pulizia dura 3 minuti, e la si può interrompere quando si vuole, oppure la si può ripetere più volte, fino ad ottenere il risultato di pulizia desiderato. L'aggeggio emette un rumore non molto forte, una sorta di sfrigolio, durante il funzionamento. In generale non dovrebbe disturbare nessuno, visto il volume basso, neppure gli animali di casa, che sono notoriamente più sensibili agli ultrasuoni, rispetto all'uomo.

Di recente vengono venduti pulitori ad ultrasuoni espressamente dedicati alla pulizia dei bossoli. Proposti dalle più famose case produttrici di accessori per armi, costano diverse centinaia di euro. Al pari dei cosiddetti Tumbler, i contenitori di graniglia che puliscono i bossoli grazie alle vibrazioni, l’applicazione di un marchio famoso fa levitare i prezzi, ma dubito che all’aumento del prezzo corrisponda una effettiva maggiore qualità del prodotto.

Per provare l'apparecchio ho per prima cosa decapsulato i bossoli raccolti durante l'ultima sessione di tiro al poligono. Si trattava di bossoli sparati da me, recuperati e riutilizzati più volte, e decorosamente puliti ogni volta, oppure bossoli di munizioni commerciali, lasciati a terra dai tiratori che occupavano le postazioni a fianco alla mia. Quindi essenzialmente bossoli di primo sparo. Ho diviso i bossoli in 5 serie di 30 bossoli ciascuna, su ognuna delle quali ho praticato 3 cicli di pulizia d 3 minuti, utilizzando per ogni serie un detergente diverso diluito in acqua. Qualcuno potrebbe obbiettare che ho pulito bossoli che andavano già più che benone così come erano, ma lo scopo di trovare un sistema semplice, economico e soprattutto veloce di pulire i bossoli, è appunto quello di poter effettuare la pulizia sempre, ogni volta che i bossoli vengono utilizzati, e non solamente quando diventano sporchissimi, e quindi anche più difficili da pulire.
AEG USR 5516 Ultrasonic Cleaner
L'apparecchio con il coperchio sollevato e il suo carico di bossoli puliti e luccicanti. Il pulitore è venduto completo di vaschetta e accessori per la pulizia di orologi da polso, e di CD o DVD. L'uso della vaschetta riduce il potere pulente di circa il 30%.
Ecco i risultati delle prove.

Prova 1. Detergente: solo acqua
Una prova di riferimento; cosa succede se uso solo acqua? Gli ultrasuoni, da soli sono sufficienti a pulire il metallo?

Primo ciclo di pulizia di 3 minuti. I bossoli era ancora molto sporchi all'interno, praticamente come li avevo messi. All'esterno erano abbastanza puliti ma opachi. Le sedi degli inneschi ancora molto incrostate. L'acqua nella vasca era ancora abbastanza limpida.

Secondo ciclo. L’esterno dei bossoli era pulito dignitosamente, ma solo 6 bossoli su 30 presentavano la sede dell'innesco sufficientemente pulita. L'interno era ancora nero. L'acqua della vasca ancora abbastanza pulita. In generale erano in ogni caso meglio di come uscivano da un lavaggio in lavatrice.

Terzo ciclo. Abbastanza puliti. 3 bossoli presentavano le sedi di innesco ancora molto incrostate, ma in generale le sedi erano dignitosamente pulite. L'interno ancora molto scuro, con l'acqua della vasca mediamente opaca.

Prova 2. Detergente: aceto bianco (1/2 tazzina da caffè)
E' la ricetta della nonna. Personalmente se avessi dovuto scommettere, avrei puntato tutto sull'aceto, per pulire i bossoli metallici.

Primo ciclo. Bossoli dignitosamente puliti, sia dentro che fuori. Sedi dell'innesco abbastanza pulite. Dopo un solo ciclo di pulizia i bossoli risultavano meglio puliti che dopo 3 cicli utilizzando sola acqua. L'acqua della vaschetta era opaca.

Secondo ciclo. Bossoli molto puliti, quasi perfetti. Solo 8 bossoli presentavano ancora lievi tracce di incrostazioni nella sede del'innesco. L'esterno pulito e lucido. Molti bossoli erano pulitissimi anche all'interno, alcuni erano addirittura lucidi. Nella vaschetta si intravedevano residui neri sul fondo.

Terzo ciclo. Esternamente puliti e lucidi. Perfetti senza alcuna traccia all'esterno e nella sedi dell'innesco. Solo un paio di bossoli presentavano alcune tracce nere all'interno. Alcuni avevano tracce aloni dovuti al calore alla bocca. Acqua sporca, con macchie di residui neri sul fondo.

Prova 3. Detergente: Cillit Bang (1/2 tazzina da caffè)
Dicono che sia in grado di pulire e sgrassare ogni cosa, ma che su alcuni oggetti potrebbe innescare reazioni strane. Ho voluto provare.

Primo ciclo. Sufficientemente puliti, ma sedi dell'innesco ancora incrostate. Molta schiuma nell'acqua.

Secondo ciclo. 4 sedi di innesco ancora piuttosto incrostate. Bossoli molto puliti all'esterno. Ancora neri all'interno. Acqua nella vasca sporca e con macchie di residui neri sul fondo.

Terzo ciclo. Superficie esterna molto pulita e lucida. Leggerissimi punti di incrostazione nelle sedi dell'innesco. Molto scuri all'interno. Acqua molto opaca e con sedimenti di sporco sul fondo della vasca. I bossoli hanno necessitato di un buon risciacquo per togliere la schiuma del detergente.

Prova 4. Detergente: Ajax Gel (1/2 tazzina da caffè)
E' un gel che contiene candeggina ed è adatto alla pulizia dei pavimenti. A volte l'ho lasciato agire su macchie e incrostazioni di calcare, e le ha eliminate senza problemi. Lascia le mani un po' scivolose, forse a causa della candeggina.

Primo ciclo. Dignitosamente puliti. Acqua già molto opaca.

Secondo ciclo. Sedi dell'innesco tutte sufficientemente pulite. Superficie esterna molto pulita e lucida. L'interno ancora sporco e scuro. Acqua della vasca molto opaca con sedimenti di sporco in fondo.

Terzo ciclo. Bossoli molto puliti, ma in generale non molto di più rispetto al secondo ciclo. All'interno ancora sporchi. I Bossoli sono stati risciacquati con cura a causa della schiuma.

Prova 5. Detergente: Cif Crema (1/2 tazzina da caffè)
Avrei voluto provare un prodotto tipo Sidol, che con le sue molecole luccicose fa brillare tutti i metalli. Le cosa non sarebbe stata molto pratica ed economica, rispetto agli altri metodi di pulizia, così ho optato per il Cif. Il Cif è in realtà una polvere, unita ad una crema. L'acqua con il Cif mescolato è diventata opaca, i bossoli non erano visibili dall'esterno attraverso il coperchio trasparente.

Primo ciclo. Pulizia dignitosa, ma i bossoli raccolti erano pieni di polvere bianca all’interno.

Secondo ciclo. Sedi degli inneschi ancora molto incrostate. Esterno pulito, interno ancora nero.

Terzo ciclo. Puliti all'esterno, ma con residui persistenti dentro la sede dell'innesco. L'interno ancora molto sporco. L'acqua sabbiosa ha necessitato di parecchi risciacqui per essere eliminata del tutto. Evidentemente le onde sonore degli ultrasuoni non riescono ad agire sulla polvere. La pulizia è risultata solo leggermente migliore rispetto all’utilizzo della sola acqua.

Conclusioni del test.
Il detergente migliore in assoluto si è rivelato l'aceto. Con mezza tazzina, dopo due sole passate ho ottenuto un risultato migliore rispetto a qualunque altro detergente utilizzato per tre cicli. E' l'unico che è riuscito a pulire i bossoli anche all'interno, e le sedi dell'innesco, che dopo tre cicli erano tutte perfettamente pulite. Con gli altri prodotti, anche se le sedi erano pulite più che sufficientemente, c'erano ancora piccoli residui all'interno. Al secondo posto, con molto distacco, si piazza l'Ajax Gel, che probabilmente grazie alla presenza di candeggina, è quello che ha reso la superficie esterna dei bossoli più chiara e lucida. Una volta asciugati, in ogni caso i bossoli presentavano non solo gli aloni bluastri dovuti al calore della vampa, ma anche alcune macchie dovute a ossidazioni superficiali, che immediatamente dopo il lavaggio, quando i bossoli erano ancora bagnati, non erano visibili. Per eliminare questi segni occorrerebbe lucidare i bossoli uno a uno utilizzando una pezzuola inumidita di Sidol. Sinceramente non ho tutto questo tempo da buttare. Va tenuto presente che in ugni caso l'apparecchio, con tutti i prodotti provati, ha eseguito solo la pulizia, non la lucidatura. Ma esiste la maniera di ottenere di più?
AEG USR 5516 Ultrasonic Cleaner
Il pulitore con il coperchio chiuso. Il lavaggio può avvenire indifferentemente a vaschetta aperta o chiusa. Il contatto con la pelle durante la pulizia non è pericoloso.
Seconda parte dei Test: Mescolare più prodotti.
Mi sono chiesto cosa sarebbe accaduto mescolando due o più prodotti utilizzati nel test. I due più interessanti erano appunto l'aceto, che ha pulito in maniera impressionante, e l'Ajax Gel, che sebbene abbia lasciato i bossoli meno puliti, ha leggermente lucidato i bossoli.

Prova 1. Detergente: Aceto + Ajax Gel
Per prima cosa ho mescolato i due detergenti per assicurarmi che non avvenissero reazioni strane. Una volta assicuratomi che non c'erano pericoli, ho inserito una trentina di bossoli sporchi, di primo o secondo sparo, esattamente come ho fatto nei test precedenti.

Primo ciclo. I bossoli erano puliti e lucidi, qualcuno era anche lucido all’interno. Pochissime incrostazioni nella sede dell’innesco. I bossoli erano molto lucidi, di un giallo chiare intenso.

Secondo ciclo. Dopo due cicli di pulizia il risultato è stato a dir poco strabiliante. I bossoli sono usciti non solo puliti, ma anche lucidissimi. Talmente lucidi che guardarli faceva quasi male agli occhi.

Non ho ritenuto necessario fare altre prove.

Dopo l'asciugatura sotto al sole i bossoli hanno mantenuto la brillantezza, con l’aggiunta di qualche piccola macchiolina di ossidazione, ma ben poco visibile, rispetto alle prove precedenti. Il risultato mi ha soddisfatto oltre ogni ragionevole previsione. Ho lucidato qualche bossolo sporco con un pezzuola e Sidol, per fare un confronto, e i bossoli usciti dalla pulitrice ad ultrasuoni erano decisamente più lucidi e brillanti. Senza contare che i bossoli lucidati a mano, all’interno e nella sede dell’innesco, ovviamente erano ancora sporchi.

Quindi alla fine, la mia personale ricetta per la pulizia dei bossoli consiste in:

- Pulire un numero di bossoli sufficiente a riempire la vaschetta, ma in modo che tutti i bossoli rimangano al di sotto del livello del liquido. Indicativamente pulisco 60-70 bossoli in calibro 9x21 assieme a 40-50 bossoli in calibro .45 ACP alla volta. Si tratta all’incirca dei bossoli che sparo e raccolgo ad ogni sessione di tiro.

- Decapsulo sempre i bossoli prima del lavaggio. E’ importante, perché così si pulisce anche la sede dell’innesco, e anche perché così si asciugano prima e meglio.

- 1/2 tazzina da caffè di aceto bianco.

- Una dose all'incirca equivalente di Ajax Gel.

- Acqua fino ad arrivare al limite massimo indicato nella vaschetta.

- 2 cicli di pulizia da 3 minuti. Al termine del primo ciclo, rimescolo un po’ i bossoli, in modo che cambino posizione all’interno della vasca.

- Asciugo i bossoli al sole, per qualche ora. In inverno conto di metterli sopra al termosifone. In ogni caso li riutilizzo solo dopo una settimana o anche più, in quanto tengo sempre già pronti bossoli puliti da ricaricare immediatamente dopo la sessione di tiro. In questa maniera ho sempre proiettili pronti per una eventuale sessione di tiro, e non dovendo necessariamente ricaricarli subito, i bossoli lavati fanno in tempo ad asciugare bene.

Giudizio finale
L'apparecchio funziona molto bene, al di sopra di ogni mia più rosea previsione. Con un qualunque sapone o detergente mescolato all'acqua è sufficiente un solo ciclo di 3 minuti per ottenere bossoli dignitosamente puliti, anche nelle sedi dell'innesco. Con due cicli il livello minimo di pulizia è più che garantito, e sono abbastanza puliti da fare bella figura. Facendo qualche esperimento sui detergenti da usare, come ho fatto io, si possono ottenere bossoli veramente lucidi e puliti, sia dentro che fuori. Se cercate un sistema economico, efficace e rapido di pulizia dei bossoli consiglio sicuramente gli ultrasuoni. Dopo il lavaggio i bossoli restano ovviamente bagnati, per cui è necessario procedere all'asciugatura. D'estate si possono lasciare al sole, mentre in inverno si possono posare sopra ad un termosifone. Si può anche usare il forno, per almeno 30 minuti, intorno ai 50 gradi con la ventilazione, ma direi che non è veramente necessario. Se avremo avuto l'accortezza di decapsulare i bossoli prima di lavarli, non solo la sede dell’innesco verrà pulita, ma si asciugheranno anche prima e meglio, perché l’acqua non si depositerà all’interno della capsula. Usare il forno elettrico per asciugarli, ovviamente aumenta il costo della pulizia. Per questo motivo è forse più conveniente procurarsi un numero maggiore di bossoli in maniera di poterli asciugare con calma, prima di ricaricarli. Dipende da che calibro ricaricate, per le pistole è sicuramente meglio comprare qualche scatola di cartucce in più, piuttosto che utilizzare tutte le volte il forno elettrico. L'apparecchio assorbe 50 watt, per cui due cicli di pulizia, per un totale di 6 minuti, consumano veramente poco.

Alessandro (2013)

Non si tratta di un sito commerciale
di vendite on-line.

Nessuno degli oggetti descritti è messo
in vendita su questo sito.

Sito amatoriale a solo carattere
divulgativo e informativo.
Tutti i diritti dei marchi presenti
all'interno del sito appartengono
ai legittimi proprietari.
Non si intende infrangere
alcun diritto d'autore.
L'autore si impegna a rimuovere nel più breve tempo possibile, tutte le fotografie, disegni e grafici, che siano stati presi dalla rete, qualora i legittimi proprietari ne facciano esplicita richiesta.
 
Images Gallery
 
Argomenti di interesse
Colt 1911, Beretta 98FS e Glock 17 a confronto
Air Arms TX 200
Impugnare la pistola
WEIHRAUCH HW30S
 
STI Spartan calibro .45 ACP
 
COMMENTI
Non si trattano argomenti riguardanti la caccia, neppure la caccia ai nocivi con armi ad aria compressa. Per questi argomenti esistono siti appositi, che li trattano in maniera seria e competente.
Non si trattano argmenti riguardo il potenziamento illegale di armi di libera vendita. Per cortesia non lasciate messaggi su questi argomenti o su altre pratiche illegali in Italia.
I messaggi riguardanti argomenti illegali o non graditi, verranno rimossi senza dare alcuna spiegazione.
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.

Commenti

Alessandro
11 Giu 2015, 09:22
Dovrebbero starcene anche il doppio. Come detergente attualmente utilizzo un anticalcare, tipo viacal, e sapone per piatti. Mi pare preservino meglio i bossoli rispetto ai saponi che contengono candeggina.

Fai attenzione alla corrosione. Ad un certo punto ho utilizzato una prolunga per separare la vasca dalla parte elettrica, perché l'acqua stava corrodendo le schede.

Ciao
Alessandro
Sergio
11 Giu 2015, 08:59
Ciao ho appena comperato il pulitore a ultrasuoni e aspetto con ansia che arrivi per provarlo.
Ho preso l'AEG indicato da Te, penso che un centinaio di bossoli in 9x21 ci stiano, Tu pensi sia troppo ottimista'.
Ciao e Grazie delle belle cose chee ci fai vedere.
Sergio
Mirco
15 Mag 2014, 19:33
Ho acquistato il pulitore in oggetto ed oggi lo ho provato, rispettando le dosi di aceto e gel indicate in articolo, con 50 bossoli 380 auto contemporaneamente a 50 bossoli 40 S&W.
Due soli cicli da 3 minuti hanno dato risultati spettacolari, mai visti in thumbler rotante!
GRAZIE!
Mirco
Alessandro
28 Feb 2014, 15:10
Puoi usare del normale liquido per piatti, tipo Svelto, unito ad aceto bianco. I bossoli diventano meno lucidi ma si possono riutilizzare più volte.

ciao
Alessandro
renzo
28 Feb 2014, 11:50
Scusa Alessandro, quale ajax gel di preciso? ne ho trovati più di un tipo in giro..
Grazie
Alessandro
24 Nov 2013, 18:50
Anche io adesso uso solo l'aceto. Mescolando i prodotti venivano molto lucidi, forsr troppo. Non so, non sono un esperto di trattamento dei metalli, ma non ero del tutto convinto che quella lucentezza fosse del tutto normale.

Di solito non usao la vaschetta in plastica, perché sulle istruzioni c'é scritto che con la vaschetta il potere pulente degli ultrasuoni diminuoisce del 30%.

ciao
Alessandro
massimiliano
24 Nov 2013, 17:09
Ciao,dop aver letto la tua recensione ho comprato lo stesso apparecchio.
L'ho collaudatooggi con bossoli (45acp) veramente sporchi, ricaricati dalle 5 alle 10 volte e mai puliti!
Ho usato la soluzione con aceto e fatto i tre cicli.
Devo dire che il risultato è più che soddisfacente.
Dopo li ho messi in forno a 100° per 10 minuti e sembrano belli asciutti.
Io li ho messi una scatola (50) per volta e nella vaschetta di plastica, tu come hai fatto?
Ciao e grazie!
*Nome:
Email:
Notifica di nuovi commenti a questo articolo
Nascondi la mia email
*Commento:
 
 
Powered by Scriptsmill Comments Script
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.
 
 
Cliccate sul titolo dell'articolo, oppure cliccate sulla fotografia per aprire la pagina che contiene una breve spiegazione sul contenuto degli articoli. Una volta aperto il link, è sufficiente cliccare sul riquadro “Scarica con il Browser”, e alla fine del download troverete il file nella cartella “Download” di Windows o nella cartella predefinita del vostro sistema operativo.
Buona lettura.
 
 
 
 
 


 
 
Raccolta di
termini tecnici, definizioni e curiosità
del mondo delle armi
0...9 - A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
 
F
 
G
 
H
 
I
 
J - K - L
 
M
 
N - O
 
P - Q
 
R
 
S
 
T
 
U-V-W-X-Y-Z