AirGun Zeta
 
ATTENZIONE !
AirGun Zeta World
su Facebook
E' UNA TRUFFA!!!
Airgun Zeta World non ha pagine Facebook. Airgun Zeta World, il sito originale www.airgunz.it non ha alcun legame con l'omonima "Airgun Zeta World" pagina Facebook di una improbabile "agenzia viaggi", che si spaccia per noi, utilizzando senza permesso il nome, il logo, le fotografie e i testi, del nostro sito. Non sappiano chi sono e soprattutto non sappiamo cosa fanno. Fate attenzione alle eventuali truffe. Grazie
ATTENZIONE !
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCHEDE
 
 
 

AIR ARMS TX200 LA RECENSIONE COMPLETA

E' l'oggetto del desiderio per migliaia di appassionati di armi ad aria compressa springer. La Air Arms TX200 è quanto di meglio, e quanto di più costoso, ci sia in questo campo. Vediamo come è fatta e perché è così speciale rispetto alle altre.
Analizziamo ora nel dettaglio la Air Arms TX200, carabina inglese a molla, a canna fissa con caricamento a leva posizionata sotto la canna. Si tratta del modello di libera vendita per il mercato italiano, che per legge deve erogare non più di 7,5 Joule misurati alla bocca.
Air Arms TX200
La carabina viene venduta all'interno di una scatola di cartone robusta e ben realizzata.
Air Arms TX200
L'arma risulta ben ferma e protetta all'interno dell'involucro.
Air Arms TX200
Dentro alla confezione, oltre alla carabina troviamo il libretto di istruzioni e un bustina con due chiavi a brugola utili alla regolazione dello scatto.
Una volta tolta dalla scatola di cartone, la carabina ha un aspetto piuttosto compatto. Presa in mano, ci si rende conto che l'arma non è affatto minuta; la canna, di sezione veramente notevole rende le proporzioni molto piacevoli e armoniose, ingannando la vista riguardo alle reali dimensioni dell'arma, che in realtà risulta essere lunga e pesante. Il peso consistente si sente anche imbracciandola a vuoto. L'arma è priva di mire tradizionali e questo lascia presagire che una volta montata l'ottica, la carabina potrebbe diventare difficile da gestire. Il mio dubbio, prima dell'acquisto, era proprio legato a questo fattore, ovvero alla possibilità di acquistare l'ennesima carabina troppo pesante e complicata. Stranamente, una volta montato lo strumento di mira, il peso rimane contenuto, e all'imbracciata diventa ancora più neutra e bilanciata. L'arma diventa sorprendentemente facile e divertente da gestire.
Air Arms TX200
Il lato sinistro della carabina. L'influenza della Weihrauch HW 77 / 97 è evidente. La finestra di accesso alla culatta non si vede.
La carabina è di una bellezza che è solo possibile intuire attraverso le fotografie. Le bruniture sono nerissime e profonde, talmente lucide da sembrare più adatte ad un revolver americano anni '70, piuttosto che ad una springer del 2011. Il calcio è aggraziato e sinuoso, realizzato in una essenza non pregiata, si tratta di comune faggio verniciato, ma realizzato con cura. Gli zigrini antiscivolo, sono profondamente incisi e regolari. Ovviamente si tratta di un prodotto industriale realizzato in serie, ma ha sicuramente una marcia in più, e si vede. In una parola sola, emozionante! Non mi sono mai emozionato tanto nel maneggiare una carabina ad aria compressa.
Air Arms TX200
Sul lato sinistro dell'arma si notano meglio la prime differenze rispetto alla rivale tedesca: è presente un grosso pulsante allungato dietro la finestra della culatta, e si nota che il calcio non è ambidestro.
La carabina si carica tramite una lunga leva che si aggancia sotto la canna. Azionando questa leva si arretra tutto il complesso dell'azione, formata da cilindro, pistone e molla, lasciando libera la culatta per l'inserimento del pallino. In prossimità della culatta è presente una finestra di caricamento, da cui si intravede la superficie del cilindro, lasciato nel suo colore naturale. La finestra è visibile dal solo lato destro dell'arma, così come il grosso pulsante del dispositivo di sicurezza che blocca la corsa del cilindro. Sempre sul lato destro sono presenti le scritte, la marca e il modello dell'arma e la dicitura “made in England”. Le scritte sono incise, non verniciate al laser come vuole la discutibile moda attuale. Il lato sinistro, quello che solitamente si espone con orgoglio, risulta completamente liscio e privo di meccanismi o sporgenze.
Air Arms TX200
Vista dall'alto si notano la scina con i tre fori di ritegno dell'ottica e la sicura automatica. La finestra di accesso alla culatta è asimmetrica, tutta spostata a destra, per agevolare l'inserimento del pallino in canna.
Air Arms TX200
Le scritte risultano nette, leggibili ben incise e perfettamente brunite. Il carattere è classico, un po' retrò senza tanti fronzoli.
Come già accennato, la canna presenta un sezione impressionante per un'arma ad aria compressa. In realtà quella che si vede non è la canna vera e propria, ma un copricanna in acciaio brunito. La canna è una Lothar Walther a 12 rigature, la stessa che montano le armi da gara, intubata all'interno del copricanna. Termina a circa 6 cm prima del vivo di volata, e lo spazio rimanente è stato sfruttato per incorporare dentro alla canna un moderatore di suono molto efficiente. All'atto dello sparo, soprattutto se si opera all'aperto, si sentono in pratica solo i rumori meccanici di pistone e molla. Chi è abituato a sentire il botto, inizialmente non potrebbe non apprezzare.
Air Arms TX200
La sezione della canna esterna è impressionante. La leva di caricamento è chiusa.
Parallelo alla canna, nella sua parte sottostante, corre un altro tubo. Si tratta della leva d'armamento, basculante, incernierata sotto al calcio, e bloccata, in prossimità della volata, contro un blocchetto metallico dotato di diverse scanalature. La chiusura avviene tramite un classica biglia comandata da una molla, entrambe contenute all'interno del blocchetto. Rispetto la sistema adottato dalla Weihrauch, per le sue HW 77 / 97, il sistema Air Arms risulta essere decisamente più comodo da azionare, anche se probabilmente un po' più delicato.
Air Arms TX200
La leva di armamento aperta. Il blocco avviene tramite la classica biglia d'acciaio.
Air Arms TX200
Sotto il copricanna è presente una bolla di gomma a protezione della brunitura, contro chiusure un po' troppo “maschie”. Facile presagire la sua breve durata, meglio mettere 2 oring nelle gole presenti sul terminale della leva di armamento
La leva di armamento ha una corsa breve, e offre una maggiore resistenza rispetto alle concorrenti a corsa più lunga, perché, lo ricordo, all'interno della carabina è presente la stessa molla che equipaggia la versione libera inglese, da 12 piedi per libbra, poco più di 16 Joule. Nella versione a piena potenza la corsa di questa leva è bloccata in ben tre punti, corrispondenti ad altrettanti recessi nel cilindro, che gli donano il caratteristico aspetto da branchia di squalo, che identifica immediatamente l'arma. Nella versione a 7,5 Joule questo particolare si perde, ma ugualmente la leva di armamento blocca il cilindro in due posizioni di sicurezza; una intermedia, dalla quale è possibile vedere il fondo del cilindro e ispezionare la guarnizione di culatta, e quella a fine corsa. In totale, per armare la carabina occorre ascoltare ben tre scatti, dovuti all'ingaggio dei due denti di ritegno del cilindro, e l'ultimo causato dall'aggancio dello scatto e della sicura passante. In particolare, quando l'arma è nuova occorre molta forza per riuscire ad agganciare il pistone, ma in seguito ad un minimo di rodaggio, l'operazione si può effettuare con un unico movimento deciso ma piacevole, per nulla affaticante.
Air Arms TX200
La leva di armamento completamente armata. Nella versione 7,5 Joule per il mercato italiano la corsa è molto breve.
Una volta esposta la culatta, è possibile inserire un pallino, operazione resa più agevole dalla asimmetria della finestra di caricamento, che sporge completamente a destra. In questa maniera non dovremmo preoccuparci troppo di coprire la finestra di armamento con la campana dell'ottica. Con un poco di pratica il pallino si inserisce anche ad occhi chiusi.
Air Arms TX200
La culatta esposta per l'inserimento del pallino.
In ogni caso è bene ricordare di effettuare ogni operazione all'interno della finestra di armamento aperta, come camerare il pallino o la pulizia, mantenendo ben salda la presa con la mano sinistra, mentre si opera con la destra. La prudenza non è mai troppa, e va sempre ricordato che dietro alla culatta esposta c'è una molla carica pronta a scattare.
Air Arms TX200
Con la leva in posizione intermedia è possibile ispezionare la guarnizione di culatta. In fotografia non risulta visibile, in quanto la base del cilindro è completamente di colore nero.
Siccome la prudenza non è mai troppa, alla Air Arms hanno pensato anche a questo. Oltre alla sicura passante, che agisce interrompendo la catena di scatto bloccando in maniera sicura il codolo del pistone, il cilindro scorrevole rimane rigidamente bloccato in due posizioni di sicurezza, come già accennato. Per sbloccarlo, e permettere così di richiudere la culatta agendo a ritroso sulla leva di carica, occorre premere l'estremità anteriore della grossa leva che si trova immediatamente dopo la finestra di armamento. Tale dispositivo è detto “anti bear trap”, è facile immaginare perché, come è facile capire che, sicura o non sicura, è sempre meglio tenere la leva di armamento ben salda quando carichiamo il pallino in canna.
Air Arms TX200
La grossa leva che affianca la camera di armamento del pallino è un dispositivo di sicurezza detto “anti bear trap”.
Il calcio, come si conviene per un'arma di questo tipo, è in semplice legno di faggio, finito con colorazione di un caldo noce medio, e protetto da vernice trasparente. Si tratta in ogni caso di un calcio molto curato; le zigrinature antiscivolo, che ricoprono l'impugnatura a pistola e i lati dell'astina, sono realizzate con un particolare disegno detto “skin fish” ovvero a squame, contornate da motivi floreali. La realizzazione è ovviamente eseguita a macchina, ma le incisioni sono molto nette e precise. Inoltre lo zigrino a squame, oltre ad essere bello da vedere, garantisce un'ottima presa senza essere fastidioso al tatto.
Air Arms TX200
L'impugnatura a pistola; molto curato lo zigrino a scaglie contornato dal motivo floreale. Sulla base c'è una coccia di legno più scuro.
Air Arms TX200
Lo stesso motivo è riportato ai lati dell'astina. La parte sottostante è giustamente lasciata liscia per permettere alla carabina di scivolare sul punto di appoggio.
L'impugnatura presenta un'elsa molto pronunciata, con un bell'incavo per l'appoggio del palmo della mano. L'inclinazione è a mio avviso molto buona, anche se ovviamente non raggiunge il livello di un'impugnatura anatomica diritta. Personalmente trovo l'ergonomia molto buona, decisamente superiore a quella della Air Arms S400 (modello 2009 dx), che monta una calciatura molto simile nell'aspetto, ma con impugnatura più tozza e spessa. Il fondo dell'impugnatura è impreziosito con una coccia di legno di essenza differente, un ulteriore tocco di classe che distingue questa carabina dalle altre.
Air Arms TX200
L'elsa dell'impugnatura ha un profilo decisamente anatomico e viene fasciata egregiamente dal palmo della mano.
Air Arms TX200
Quello che fa la differenza è il profondo incavo che permette l'appoggio perfetto del palmo della mano. Di contro, l'impugnatura non è ambidestra.
  Seguente

Non si tratta di un sito commerciale
di vendite on-line.

Nessuno degli oggetti descritti è messo
in vendita su questo sito.

Sito amatoriale a solo carattere
divulgativo e informativo.
Tutti i diritti dei marchi presenti
all'interno del sito appartengono
ai legittimi proprietari.
Non si intende infrangere
alcun diritto d'autore.
L'autore si impegna a rimuovere nel più breve tempo possibile, tutte le fotografie, disegni e grafici, che siano stati presi dalla rete, qualora i legittimi proprietari ne facciano esplicita richiesta.
 
Images Gallery
 
Argomenti di interesse
Colt Combat Elite
Arms S400 Classic Prima impressioni
1911 IERI E OGGI
Cybergun KWC Sig Sauer P226 X-Five
 
STI Spartan calibro .45 ACP
 
COMMENTI
Non si trattano argomenti riguardanti la caccia, neppure la caccia ai nocivi con armi ad aria compressa. Per questi argomenti esistono siti appositi, che li trattano in maniera seria e competente.
Non si trattano argmenti riguardo il potenziamento illegale di armi di libera vendita. Per cortesia non lasciate messaggi su questi argomenti o su altre pratiche illegali in Italia.
I messaggi riguardanti argomenti illegali o non graditi, verranno rimossi senza dare alcuna spiegazione.
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.

Commenti

ivan
13 Mag 2015, 23:39
Ciao!ho deciso di vendere le due carabine
Air arme s410 classico e la Bsa scorpionS T10 come nove a un preso multo buono.
3297081919

Alessandro
24 Ago 2014, 20:14
Le prestazioni dovrebbero essere del tutto sovrapponibili. Anche a me piace di più la versione a canna corta, ma depotenziata non c'era, e come full ho preferito la Pro Sport, anche per non avere un doppione.

Se ti piace di più quella con la canna lunga, non vedo perché dovresti prendere l'altra. In ogni caso penso che la versione da 16 joule abbia una caricamento docile, per cui la lunghezza Io ho convertito a 16 joule la Pro Sport, anche se alla fine i joule sono solo 13, e si carica che è una bellezza. E secondo me è anche più precisa che non con 20 joule.

ciao
Alessandro
Giancarlo
24 Ago 2014, 14:36
Ciao Alessandro avrei bisogno di un tuo autorevole parere
Ho deciso di acquistare una tx 200 16j da utilizzare al poligono ai 50 mt sono però indeciso fra la HC (canna corta) e la MKIII (come la tua) che, con il copricanna leggermente più lungo, a me piace di più e, come dici nella recensione, avendo la leva di caricamento più lunga sia anche più facile da caricare.
Tutti gli amici mi suggeriscono la HC
Dal punto di vista prestazionale dovrebbero essere identiche tu che ne dici?
Alessandro
05 Set 2013, 07:06
La carabina è la più costosa in assoluto tra qulle a molla, è abbastanza normale che le armerie non la tengano. Generalmente va ordinata.

ciao
Alessandro
Gabriele
04 Set 2013, 18:50
Ma questa carabina la vendo in italia o pure no.

Ho telefonato a 6 armerie a Torino e nessuno vende air arms tx 200

Se sapete dove acquistare il modello depo a Torino fatemi un fischio.
Alessandro
11 Mar 2013, 07:33
Certo che no.

A parte il fatto che la legge italiana vieta espressamente la compravendita per corrispondenza, le armerie spagnole di certo non vendono carabine a ridotta capacità offensiva che rispondono alla legge italiana! Compreresti un'arma comune da sparo, che poi andrebbe denunciata (oppure detenuta clandestinamente). Il gioco non vale la candela.

ciao
Alessandro
MASSIMILIANO
10 Mar 2013, 18:06
Ciao Alessandro,
vorrei fare un acquisto dal sito CARABINAS y PISTOLAS , ritieni sia possibile per la legge italiana??
Ho visto vari siti che non vendono online, perchè loro invece vendono?? i prezzi sono molto vantaggiosi e molti articoli fanno gola! grazie!!

Massi
giorgio
04 Lug 2012, 18:56
ciao
grazie per tutti i consigli.
non ho cambiato niente e uso regolarmnte dei pacchi di sali per assorbire l'umidita, lavoro per una grande multinazionale nel campo meccanico e di metodi e rimedi per eliminare umidità sono esperto. per eliminare la ruggine faccio quest'ultimo tentativo con la carta delle sigarette e poi ti faccio sapere.
saluti e grazie
Alessandro
03 Lug 2012, 18:19
Accidenti, non avevo capito che era un problema di ruggine. Prima di far ribrunire la carabina sarebbe il caso di individuare il problema, sicuramente dovuto ad un eccesso di umidità. Dove tieni la carabina? Usi delle bustine di Silica Gel nei dintorni della carabina per assorbire l'umidità? La tieni dentro ad un fodero o ad una custodia? Hai cambiato il modo di conservare l'arma rispetto a quando avevi la HW 977? Hai cambiato stanza, custodia per il trasporto, o disposizione dell'arma quando la riponi?

Per eliminare i puntini di ruggine dicono di provare a strofinare con la carta stagnola dei pacchetti delle sigarette, appollottolata e bagnata di olio. Una volta tolta la ruggine occorre pulire bene la superficie con diluente nitro, e passara la cera per auto, di vecchio tipo, quella nel barattolo (Arexon Mirage per auto metalizzate) e toglierla quando diventa bianca. Con la cera, che penetra nei pori del metallo, la ruggine non si riforma, però devi togliere la carabina dalla fonte di umidità.

Puoi sicuramente provare a telefonare a Domino, anche se dubito fortemente che la garanzia copra probelmi di ruggine, ma perlomeno sentire cosa di dicono e come ti consigliano di intervenire.
giorgio
03 Lug 2012, 15:33
ciao
il problema è che la ruggine a puntini parte dalla punta della canna per arrivare fino alla sicura vicino al calcio, tanti piccoli fiorellini.
anche strofinando la brunitura non va via, ma l'effetto di quei fiorellini, e sono tanti, è orribile e bruttissimi da vedere su una carabina così blasonata.
se esiste un ufficio reclami a domino posso provare a contattarli prima di far ribrunire il tutto.
grazie
Alessandro
02 Lug 2012, 21:17
Non so, probabilmente la tua è nata con la brunitura sbagliata.

Io ho il sudore molto acido, tanto da corrodere gli orologi. D'estate li devo togliere perché li ritrovo "scheletri". Siccome ho sparato tantissimo con la TX 200, nel punto dove tiravo la leva ho notato che la brunitura si era un po' rovinata. Ha perso diciamo un puntino di forse un paio di mm quadrati, anche meno, che è diventato grigio, e si vedevano un po' di righe tutte intorno. Ma il "danno", se così si può chiamare, si vedeva solo esclusivamente sparando all'esterno con la luce del sole, in casa, duranta la pulizia e il normale maneggio non me ne ero mai accorto! Però una volta notato il piccolo danno, ho deciso di proteggere la leva con il termorestringente, ma ti assicuro è stata una vera pignoleria. Poi la leva gommata mi è piaciuta e l'ho lasciata così.

E' anche vero che la brunitura delle Weihrauch, eseendo meno spessa e profonda fa notare meno piccoli graffi e difetti, ma ti assicuro che la brunitura della TX200, anche se l'ho molto usata, è decisamente più nuova e lucida di quella della HW 30S che ho tutt'ora e di quella della mia vecchia HW 977 che ho dato via. La bella brunitura della TX 200 è uno dei motivi principali per cui ho in seguito acquistato anche la Pro Sport.

Di sicuro se la bunitura si è così rovinata non è affatto normale.

In ogni caso dici di di aver dato "olio di gomito" In realtà le bruniture andrebbero solo "tamponate", con un po' di olio, e poi una leggera passatina con un panno per togliere l'olio in eccesso. Mai non strofinate con forza, ma solo leggere passate. Mi pare ovvio che più bella e liscia è la superficie brunita, e tanto più si noteranno piccoli segni, causati da delle eventuali strofinate troppo vigorose.
Io addirittura non uso l'olio, ma la cera per auto, per cui dopo ogni sessione gli dò una passata "a secco", che in teoria è più "pericolosa" di una passata con l'olio, ma la brunitura è ancora integra e bella lucida.

Ho voluto specificare quest'ultima raccomandazione più che altro per dare un consiglio a tutti coloro che puliscono spesso le proprie armi. Credo però che il problema tuo sia dovuto ad un difetto di brunitura, più che ad un eccesso di pulizia. Hai provato a contattare Domino per sentire che ne pensano?
giorgio
02 Lug 2012, 20:16
ciao alessandro, circa 6 mesi fa ho deciso di farmi un regalino e la recensione fatta da te mi ha convinto in pieno. dò via la super collaudata e precisissima hw977 e prendo una tx200. perfetta, precisa, bilanciata ma sono rimasto veramente scontento della brunitura che già dal primo mese mi ha iniziato a dare problemi. premetto son maniaco e la cura che riponevo con la 977 l'ho trasversalizzata su questo nuovo giocattolo. adesso non so più che fare al punto che ho coperto canna e leva di armamento con della guaina termorestringente per il resto olio di gomito. l'armiere asserisce che non è un problema di fabbrica, portandomi alla triste conclusione di far rimbrunire la canna.
ho 5 carabine differenti collezionate in vari anni ma questa è la prima volta che mi capita una cosa del genere.
che mi consigli di fare?
cosa mi consiglidi fare
Giulio
22 Set 2011, 12:59
Ritirata tre ore fa. Semplicemente perfetta; non ho fatto alcuna fatica a caricarla grazie alla tua guida, il suono dello sparo e rotondo e soffocato. La precisione è impressionante, soprattutto con gli express. Grazie ancora
Giulio
21 Set 2011, 19:38
Si, ho letto e riletto i tuoi articoli centinaia di volte prima di ordinarla, li so praticamente a memoria, e così i pareri degli amici di Airgunsitaly. Ora domani la proverò dall'armiere come al solito. Il punto è che mi farà usare quei piombinacci gamo. I masterpoint sicuramente, che sporcano la canna e basta. Mi sa mi porto una scatoletta di JSB Exact Express appresso....
Grazie comunque di tutto. E' stato grazie ai tuoi articoli che mi sono convinto definitivamente.
Buona serata
Alessandro
21 Set 2011, 17:03
Si, costa parecchio, ma secondo me ne vale la pena. E' veramente un oggetto meraviglioso. La prima volta avrai di sicuro qualche problema a caricarla, ma non ti scoraggiare, una volta capito il trucco è molto facile. Complimenti per l'acquisto.
Giulio
21 Set 2011, 12:40
Arrivata oggi. Domani mattina andrò a ritirarla. Hanno fatto presto per fortuna. Good save the queen.....
PS, il prezzo rispetto a quando l'hai comprata tu mi sa che è salito un pò.......
Sergio1949
17 Set 2011, 20:30
Ciao ho incominciato a documentarmi, la carabina è nell'armadio e sino a Lunedì o Martedì non posso usarla.
così studio, anche perchè con la tua non è che ci avessi capito molto.
Spero di riuscire, altrimenti ricorrerò alla tua preziosa consulenza.
Ciao Sergio
Giulio
12 Set 2011, 18:14
Allora, stando a quello che ha detto il manager della domino al mio armiere (ero presente durante la telefonata) a loro dovrebbero arrivare dall'Inghilterra entro questa settimana (aggiungo un lo spero). Quindi penso ci vorranno altri cinque sei giorni per mandarla da settimo milanese a qua (sto in Sardegna). Insomma, una quindicina di giorni in totale (stando a quanto dicono loro). Non vedo l'ora di imbracciarla.
Alessandro
12 Set 2011, 17:08
Complimenti per l'acquisto, è veramente una carabina unica nel suo genere. A me è arrivata in meno di una settimana.
Giulio
12 Set 2011, 11:48
L'ho ordinata venerdì. Spero che arrivi entro tempi ragionevoli, per la Weihrauch ci sono voluti tre mesi....
Alessandro
06 Lug 2011, 22:50
Non te ne pentirai, è un capolavoro.
Giulio
05 Lug 2011, 19:04
Si, io ho qualche problema con l'impugnatura della 977 tant'è che stavo pensando di dotarla di calcio Ginb, magari il modello FT1 come quello della tua air arms che mi piace molto. L'impugnatura della TX200 l'ho vista solo nelle tue foto e in quelle di qualche socio di Airguns Italy che la possiede e mi sembra decisamente più comoda, soprattutto combinata alla lama del grilletto, visibilmente più arcuata rispetto alla rivale tedesca (peccato che non sia dorata come quest'ultima o quella della prosport). Ok, grazie, penso di avere le idee molto più chiare ora. Salvo ripensamenti in extremissimo penso che prenderò questa. Grazie.
Alessandro
05 Lug 2011, 15:40
Anche io avevo paura di andare a comprare un "clone" della carabina che avevo già. In realtà il comportamento allo sparo della TX200 è completamene differente. Il ciclo di sparo è più rapido e immediato, sebbene la Hw 977 con il kit C5 sia già molto più rapida di quella originale. Le due carabine alla fine si somigliano solo come peso, e vagamente come forma. Anche se l'impugnatura e la forma/distanza dal grilletto sono differenti, secondo me a favore della TX200. Io non sono affatto pentito di averle entrambe, sono diverse ed entrambe molto belle. Devo dire però che con la 977 non ho mai avuto un grosso feeling a sparare in appoggio, mi trovo bene solo in posizione FT, mentre con la TX200 sparare appoggiato sulle sacche è decisamente più facile e sto iniziando ad ottenere risultati discreti.
Giulio
05 Lug 2011, 09:19
Ispirare mi ispira di più la TX200... forse perché io in genere mal sopporto pompe di ricarica, serbatoi, capsule di Co2, bombolette di Green Gas eccetera anche se la 400 classic mi piace abbastanza.. Mah... Penso che opterò per la TX200, i pallini non sono un problema, tanto uso esclusivamente JSB e rare volte HN finale match. Ah, dato che possiedo una HW977 con kit Carlo5 si nota molto la differenza tra questa e la TX200?
Alessandro
05 Lug 2011, 09:05
Mamma mia, non saprei cosa dirti. Personalmente preferisco la TX200, perché la giudico perfetta o quasi, quel "quasi" è dovuto al fatto che necessita di pallini JSB o Air Arms, quasi obbligatoriamente per funzionare alla perfezione. Per il resto è stupenda, da guardare, imbracciare, toccare , ma soprattutto da usare. La brunitura sembra quella di un revolver anni '70. Rincula molto piacevolmente, tanto che il rinculo sembra quasi posticcio, messo lì apposta per farti divertire. Non stanca per nulla, è un po' pesante ma è piacevole anche all'imbracciata. Insomma, secondo me vale la spesa, eccome, è il meglio del meglio in fatto di springer.

Dall'altra perte una PCP è un oggetto completamente differente: senza rinculo e più precisa, anche se la TX200 non sfigura quanto a precisione. In ogni caso, contrariamente a quanto si creda non è che le PCP sparino da sole, c'é chi fa rosate da 1 cm, 2 cm, e chi infila tutti i colpi nello stesso foro, con spaventosa regolarità. Quindi in ogni caso, andando oltre alle apparenze è comunque divertente e appassionante la PCP, soprattutto se si affronta con un pizzico di curiosità e serietà.

Prendi quella che più ti ispira, in ogni caso sarà un'ottima scelta.
Giulio
05 Lug 2011, 07:26
Ciao Alessandro, stavo pensando di "regalarmi" una nuova carabina, tuttavia sono indeciso tra la Air Arms S400 classic (che è l'unica PCP che mi piace assieme alla sua evoluzione S410) e la Air Arms tx200, con una leggera propensione verso quest'ultima. Tu che le possiedi entrambe, quale mi consiglieresti?
*Nome:
Email:
Notifica di nuovi commenti a questo articolo
Nascondi la mia email
*Commento:
 
 
Powered by Scriptsmill Comments Script
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.
 
 
 
 
 
 
 
 


 
 
Raccolta di
termini tecnici, definizioni e curiosità
del mondo delle armi
0...9 - A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
 
F
 
G
 
H
 
I
 
J - K - L
 
M
 
N - O
 
P - Q
 
R
 
S
 
T
 
U-V-W-X-Y-Z