AirGun Zeta
 
ATTENZIONE !
AirGun Zeta World
su Facebook
E' UNA TRUFFA!!!
Airgun Zeta World non ha pagine Facebook. Airgun Zeta World, il sito originale www.airgunz.it non ha alcun legame con l'omonima "Airgun Zeta World" pagina Facebook di una improbabile "agenzia viaggi", che si spaccia per noi, utilizzando senza permesso il nome, il logo, le fotografie e i testi, del nostro sito. Non sappiano chi sono e soprattutto non sappiamo cosa fanno. Fate attenzione alle eventuali truffe. Grazie
ATTENZIONE !
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCHEDE
 
 
 

AIR ARMS TX200 LA RECENSIONE COMPLETA

E' l'oggetto del desiderio per migliaia di appassionati di armi ad aria compressa springer. La Air Arms TX200 è quanto di meglio, e quanto di più costoso, ci sia in questo campo. Vediamo come è fatta e perché è così speciale rispetto alle altre.
Analizziamo ora nel dettaglio la Air Arms TX200, carabina inglese a molla, a canna fissa con caricamento a leva posizionata sotto la canna. Si tratta del modello di libera vendita per il mercato italiano, che per legge deve erogare non più di 7,5 Joule misurati alla bocca.
Air Arms TX200
La carabina viene venduta all'interno di una scatola di cartone robusta e ben realizzata.
Air Arms TX200
L'arma risulta ben ferma e protetta all'interno dell'involucro.
Air Arms TX200
Dentro alla confezione, oltre alla carabina troviamo il libretto di istruzioni e un bustina con due chiavi a brugola utili alla regolazione dello scatto.
Una volta tolta dalla scatola di cartone, la carabina ha un aspetto piuttosto compatto. Presa in mano, ci si rende conto che l'arma non è affatto minuta; la canna, di sezione veramente notevole rende le proporzioni molto piacevoli e armoniose, ingannando la vista riguardo alle reali dimensioni dell'arma, che in realtà risulta essere lunga e pesante. Il peso consistente si sente anche imbracciandola a vuoto. L'arma è priva di mire tradizionali e questo lascia presagire che una volta montata l'ottica, la carabina potrebbe diventare difficile da gestire. Il mio dubbio, prima dell'acquisto, era proprio legato a questo fattore, ovvero alla possibilità di acquistare l'ennesima carabina troppo pesante e complicata. Stranamente, una volta montato lo strumento di mira, il peso rimane contenuto, e all'imbracciata diventa ancora più neutra e bilanciata. L'arma diventa sorprendentemente facile e divertente da gestire.
Air Arms TX200
Il lato sinistro della carabina. L'influenza della Weihrauch HW 77 / 97 è evidente. La finestra di accesso alla culatta non si vede.
La carabina è di una bellezza che è solo possibile intuire attraverso le fotografie. Le bruniture sono nerissime e profonde, talmente lucide da sembrare più adatte ad un revolver americano anni '70, piuttosto che ad una springer del 2011. Il calcio è aggraziato e sinuoso, realizzato in una essenza non pregiata, si tratta di comune faggio verniciato, ma realizzato con cura. Gli zigrini antiscivolo, sono profondamente incisi e regolari. Ovviamente si tratta di un prodotto industriale realizzato in serie, ma ha sicuramente una marcia in più, e si vede. In una parola sola, emozionante! Non mi sono mai emozionato tanto nel maneggiare una carabina ad aria compressa.
Air Arms TX200
Sul lato sinistro dell'arma si notano meglio la prime differenze rispetto alla rivale tedesca: è presente un grosso pulsante allungato dietro la finestra della culatta, e si nota che il calcio non è ambidestro.
La carabina si carica tramite una lunga leva che si aggancia sotto la canna. Azionando questa leva si arretra tutto il complesso dell'azione, formata da cilindro, pistone e molla, lasciando libera la culatta per l'inserimento del pallino. In prossimità della culatta è presente una finestra di caricamento, da cui si intravede la superficie del cilindro, lasciato nel suo colore naturale. La finestra è visibile dal solo lato destro dell'arma, così come il grosso pulsante del dispositivo di sicurezza che blocca la corsa del cilindro. Sempre sul lato destro sono presenti le scritte, la marca e il modello dell'arma e la dicitura “made in England”. Le scritte sono incise, non verniciate al laser come vuole la discutibile moda attuale. Il lato sinistro, quello che solitamente si espone con orgoglio, risulta completamente liscio e privo di meccanismi o sporgenze.
Air Arms TX200
Vista dall'alto si notano la scina con i tre fori di ritegno dell'ottica e la sicura automatica. La finestra di accesso alla culatta asimmetrica, tutta spostata a destra, per agevolare l'inserimento del pallino in canna.
Air Arms TX200
Le scritte risultano nette, leggibili ben incise e perfettamente brunite. Il carattere è classico, un po' retrò senza tanti fronzoli.
Come già accennato, la canna presenta un sezione impressionante per un'arma ad aria compressa. In realtà quella che si vede non è la canna vera e propria, ma un copricanna in acciaio brunito. La canna è una Lothar Walther a 12 rigature, la stessa che montano le armi da gara, intubata all'interno del copricanna. Termina a circa 6 cm prima del vivo di volata, e lo spazio rimanente è stato sfruttato per incorporare dentro alla canna un moderatore di suono molto efficiente. All'atto dello sparo, soprattutto se si opera all'aperto, si sentono in pratica solo i rumori meccanici di pistone e molla. Chi è abituato a sentire il botto, inizialmente non potrebbe non apprezzare.
Air Arms TX200
La sezione della canna esterna è impressionante. La leva di caricamento è chiusa.
Parallelo alla canna, nella sua parte sottostante, corre un altro tubo. Si tratta della leva d'armamento, basculante, incernierata sotto al calcio, e bloccata, in prossimità della volata, contro un blocchetto metallico dotato di diverse scanalature. La chiusura avviene tramite un classica biglia comandata da una molla, entrambe contenute all'interno del blocchetto. Rispetto la sistema adottato dalla Weihrauch, per le sue HW 77 / 97, il sistema Air Arms risulta essere decisamente più comodo da azionare, anche se probabilmente un po' più delicato.
Air Arms TX200
La leva di armamento aperta. Il blocco avviene tramite la classica biglia d'acciaio.
Air Arms TX200
Sotto il copricanna è presente una bolla di gomma a protezione della brunitura, contro chiusure un po' troppo “maschie”. Facile presagire la sua breve durata, meglio mettere 2 oring nelle gole presenti sul terminale della leva di armamento
La leva di armamento ha una corsa breve, e offre una maggiore resistenza rispetto alle concorrenti a corsa più lunga, perché, lo ricordo, all'interno della carabina è presente la stessa molla che equipaggia la versione libera inglese, da 12 piedi per libbra, poco più di 16 Joule. Nella versione a piena potenza la corsa di questa leva è bloccata in ben tre punti, corrispondenti ad altrettanti recessi nel cilindro, che gli donano il caratteristico aspetto da branchia di squalo, che identifica immediatamente l'arma. Nella versione a 7,5 Joule questo particolare si perde, ma ugualmente la leva di armamento blocca il cilindro in due posizioni di sicurezza; una intermedia, dalla quale è possibile vedere il fondo del cilindro e ispezionare la guarnizione di culatta, e quella a fine corsa. In totale, per armare la carabina occorre ascoltare ben tre scatti, dovuti all'ingaggio dei due denti di ritegno del cilindro, e l'ultimo causato dall'aggancio dello scatto e della sicura passante. In particolare, quando l'arma è nuova occorre molta forza per riuscire ad agganciare il pistone, ma in seguito ad un minimo di rodaggio, l'operazione si può effettuare con un unico movimento deciso ma piacevole, per nulla affaticante.
Air Arms TX200
La leva di armamento completamente armata. Nella versione 7,5 Joule per il mercato italiano la corsa è molto breve.
Una volta esposta la culatta, è possibile inserire un pallino, operazione resa più agevole dalla asimmetria della finestra di caricamento, che sporge completamente a destra. In questa maniera non dovremmo preoccuparci troppo di coprire la finestra di armamento con la campana dell'ottica. Con un poco di pratica il pallino si inserisce anche ad occhi chiusi.
Air Arms TX200
La culatta esposta per l'inserimento del pallino.
In ogni caso è bene ricordare di effettuare ogni operazione all'interno della finestra di armamento aperta, come camerare il pallino o la pulizia, mantenendo ben salda la presa con la mano sinistra, mentre si opera con la destra. La prudenza non è mai troppa, e va sempre ricordato che dietro alla culatta esposta c'è una molla carica pronta a scattare.
Air Arms TX200
Con la leva in posizione intermedia è possibile ispezionare la guarnizione di culatta. In fotografia non risulta visibile, in quanto la base del cilindro è completamente di colore nero.
Siccome la prudenza non è mai troppa, alla Air Arms hanno pensato anche a questo. Oltre alla sicura passante, che agisce interrompendo la catena di scatto bloccando in maniera sicura il codolo del pistone, il cilindro scorrevole rimane rigidamente bloccato in due posizioni di sicurezza, come già accennato. Per sbloccarlo, e permettere così di richiudere la culatta agendo a ritroso sulla leva di carica, occorre premere l'estremità anteriore della grossa leva che si trova immediatamente dopo la finestra di armamento. Tale dispositivo è detto “anti bear trap”, è facile immaginare perché, come è facile capire che, sicura o non sicura, è sempre meglio tenere la leva di armamento ben salda quando carichiamo il pallino in canna.
Air Arms TX200
La grossa leva che affianca la camera di armamento del pallino è un dispositivo di sicurezza detto “anti bear trap”.
Il calcio, come si conviene per un'arma di questo tipo, è in semplice legno di faggio, finito con colorazione di un caldo noce medio, e protetto da vernice trasparente. Si tratta in ogni caso di un calcio molto curato; le zigrinature antiscivolo, che ricoprono l'impugnatura a pistola e i lati dell'astina, sono realizzate con un particolare disegno detto “skin fish” ovvero a squame, contornate da motivi floreali. La realizzazione è ovviamente eseguita a macchina, ma le incisioni sono molto nette e precise. Inoltre lo zigrino a squame, oltre ad essere bello da vedere, garantisce un'ottima presa senza essere fastidioso al tatto.
Air Arms TX200
L'impugnatura a pistola; molto curato lo zigrino a scaglie contornato dal motivo floreale. Sulla base c'è una coccia di legno più scuro.
Air Arms TX200
Lo stesso motivo è riportato ai lati dell'astina. La parte sottostante è giustamente lasciata liscia per permettere alla carabina di scivolare sul punto di appoggio.
L'impugnatura presenta un'elsa molto pronunciata, con un bell'incavo per l'appoggio del palmo della mano. L'inclinazione è a mio avviso molto buona, anche se ovviamente non raggiunge il livello di un'impugnatura anatomica diritta. Personalmente trovo l'ergonomia molto buona, decisamente superiore a quella della Air Arms S400 (modello 2009 dx), che monta una calciatura molto simile nell'aspetto, ma con impugnatura più tozza e spessa. Il fondo dell'impugnatura è impreziosito con una coccia di legno di essenza differente, un ulteriore tocco di classe che distingue questa carabina dalle altre.
Air Arms TX200
L'elsa dell'impugnatura ha un profilo decisamente anatomico e viene fasciata egregiamente dal palmo della mano.
Air Arms TX200
Quello che fa la differenza è il profondo incavo che permette l'appoggio perfetto del palmo della mano. Di contro, l'impugnatura non è ambidestra.
  Seguente

Non si tratta di un sito commerciale
di vendite on-line.

Nessuno degli oggetti descritti è messo
in vendita su questo sito.

Sito amatoriale a solo carattere
divulgativo e informativo.
Tutti i diritti dei marchi presenti
all'interno del sito appartengono
ai legittimi proprietari.
Non si intende infrangere
alcun diritto d'autore.
L'autore si impegna a rimuovere nel più breve tempo possibile, tutte le fotografie, disegni e grafici, che siano stati presi dalla rete, qualora i legittimi proprietari ne facciano esplicita richiesta.
 
Images Gallery
 
Argomenti di interesse
Beretta 98 FS
Air Arms TX 200
Stars & Stripes
Canting
 
STI Spartan calibro .45 ACP
 
 
Cliccate sul titolo dell'articolo, oppure cliccate sulla fotografia per aprire la pagina che contiene una breve spiegazione sul contenuto degli articoli. Una volta aperto il link, è sufficiente cliccare sul riquadro “Scarica con il Browser”, e alla fine del download troverete il file nella cartella “Download” di Windows o nella cartella predefinita del vostro sistema operativo.
Buona lettura.
 
 
 
 
 


 
 
Raccolta di
termini tecnici, definizioni e curiosità
del mondo delle armi
0...9 - A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
 
F
 
G
 
H
 
I
 
J - K - L
 
M
 
N - O
 
P - Q
 
R
 
S
 
T
 
U-V-W-X-Y-Z