AirGun Zeta
 
ATTENZIONE !
AirGun Zeta World
su Facebook
E' UNA TRUFFA!!!
Airgun Zeta World non ha pagine Facebook. Airgun Zeta World, il sito originale www.airgunz.it non ha alcun legame con l'omonima "Airgun Zeta World" pagina Facebook di una improbabile "agenzia viaggi", che si spaccia per noi, utilizzando senza permesso il nome, il logo, le fotografie e i testi, del nostro sito. Non sappiano chi sono e soprattutto non sappiamo cosa fanno. Fate attenzione alle eventuali truffe. Grazie
ATTENZIONE !
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCHEDE
 
 
 
Air Arms S400 Classic

SWAT SIDE WHEEL RUOTA MAGGIORATA PARALLASSE

Nikko Stirling Nighteater 8-32x60 FT e Air Arms S400 Classic
Una ruota maggiorata per la ghiera del parallasse, adatta ad ottiche di puntamento Nikko Stirling Nighteater. Vediamo come funziona e come valutare le distanze con l'ausilio di questo comando maggiorato.
Siccome la Nikko che ho montato sulla S400 ne era priva, ho provveduto ad acquistare la ruota maggiorata di regolazione della parallasse, a parte. Dalle foto e dalla descrizione dell'armeria (Armi Ratti, a quanto pare l'unica in Italia ad avere questo articolo in catalogo) dovrebbe trattarsi della accessiorio originale. Sulla confezione è riportato il marchio AccuShot invece che Nikko Stirling. Nel blister si trova, oltre alla ruota, anche una piccola chiave a brugola utile al montaggio.
Side Wheel
La confezione della ruota riporta il marchio AccuShot. L'aspetto è quello della ruota originale Nikko montata di serie su alcuni modelli.
Le istruzioni, in inglese, sono riportate sul retro della confezione. La ruota è dotata di 4 perni che si stringono con la chiave a brugola, dei quali però solo 3 sono da utilizzare.
Side Wheel
Le semplici istruzioni riportate sul retro..
Quello che stupisce di più, è il peso dell'oggetto; ben 113 grammi. Sinceramente avrei qualche remora a montarla su una springer, per via del rinculo. Siccome dovrò montarla su una PCP non ci sono problemi, ma sinceramente ero convinto che queste ruote maggiorate dovesero essere leggerissime, proprio per non creare problemi all'ottica quando è sottoposta al rinculo dell'arma. Al centro della ruota è presente una protezione di gomma dentellata che a quanto pare è fortemente solidale al metallo. Due dei perni sono nascosti sotto la superficie gommosa, e semplicemente la comprimono sulla ghiera originale, una volta montata. La ruota, per chi no lo avesse capito, si monta direttamente sopra al comando originale. Due dei perni, invece, sono passanti, e di questi ne deve essere utilizzato uno solo, da inserire nell'apposito foro presente sulla ghiera di regolazione del parallasse dell'ottica. Nella Nikko, tale foro è riempito di materiale gommoso.
Side Wheel
La sede che va ad incastrarsi sulla ghiera originale è in gomma ondulata. Si notano i grani a brugola per il fissaggio e la scala graduata in Yarde.
La ruota va inserita facendo in modo che uno dei due perni passanti risulti allineato al foro corrispondente sulal ghiera originale, e che la scala graduata si sovrapponga a quella originale. L'inserimento è piuttosto faticoso, e una volta fatto, è praticamente impossibile estrarre la ruota, anche senza stringere i grani di fissaggio. E' preferibile essere precisì. L'insieme ruota/ottica si è rivelato però un po' ballerino; la colpa è della ghiera originale, che è piuttosto lasca all'interno della sua sede. Impossibile accorgersene prima di montare la ruota, ma una volta montata, i movimenti indesiderati della ghiera si motiplicano. Il tutto non da molto l'idea di solidità.

La scala graduata è in Yarde e replica in maniera praticamente perfetta quella presente sul comando originale, salvo per il fatto che su quest'ultimo era riportata la dicitura "M" invece che "Yds". A dire il vero la misura, tenendo conto che si tratta di yarde e non di metri, risulta adesso essere molto precisa. Questo fatto mi fa supporre che effettivamente si possa trattare del comando maggiorato montato di serie su questo cannocchiale. In ogni caso, la ruota, così com'è non va affatto bene: prima di tutto i riferimenti sono pochi. Poi non tiene conto che la misura della distanza del bersaglio dovrebbe partire almeno mezzo metro dopo il cannocchiale, in prossimità della volata dell'arma. Dovremo necessariamente rifare la scala graduata utilizzando uno step di almeno 1 metro alla volta, se vorremo utilizzarlo per stimare le distanze con una certa precisione.

Manca anche un indice per la scala graduata. Possiamo fare a occhio, oppure farcene uno e fissarlo all'attacco posteriore dell'ottica. Io l'ho fatto ritagliando e forando un piccolo pezzettino di plastica preso da una custodia per DVD.

Side Wheel
Per realizzare l'indice ho ritagliato un pezzettino di custodia per DVD e l'ho inserito dentro l'attacco posteriore dell'ottica.
Side Wheel
Ecco fatto, basta un po' di vernice bianca e l'indice sarà perfetto.
Per quanto riguarda la scala graduata ho agito in questa maniera: Ho ritagliato una lunga striscia di nastro adesivo di carta da carroziere, ho preso una penna, una rotella metrica, un picchetto, il cuscino da FT e il bersaglio, e sono uscito a fare le misure. Ho posato in cuscino a terra, ho misurato mezzo metro dal centro, ho piantato il picchetto (preso in prestito dallo scoiattolo gamo) e ho srotolato la rotella metrica. Iniziando dai 9 metri (10 Yarde, anzi 10,5 tenendo conto del mezzo metro iniziale), ho posizionato il bersaglio, ho messo a fuoco seduto sul cuscino e con la penna ho fatto un segno sul nastro. Ho fatto avanzare il bersaglio di 1 metro alla volta fino ad arrivare a 30 metri. Poi sono passato a 35, 40, 45, 50 e 60 metri, giusto nel caso volessi togliermi lo sfizio di tirare a lunga distanza (50 metri sono alla portata di una depo, soprattutto della AA S400).
Side Wheel
Ho ricoperto la ruota di nastro per carroziere, e su questa ho riportato le distanze ottenute mettendo a fuoco l'ottica. Che schifo vero? Molti lasciano più o meno le cose così, ma ci vuole veramente poco a fare un bel lavoro, esteticamente ineccepibile..
Una volta riportate tutte le tacche sull'adesivo, l'ho tolto, e l'ho appicicato sopra al vetro dello scanner. Dopo la scansione, utilizzando PhotoShop ho disegnato una bella striscia (l'ho fatta nera sfumata in blu) con riportata sopra la scala graduata, da stampare su carta adesiva. Dopo la stampa ho apposto la solita striscia di scotch trasparente, l'ho ritagliata e applicata alla ruota. Il risultato si può vedere in foto.
Side Wheel
Il risultato finale; l'indice è stato verniciato in bianco, e la scala graduata è stata ordinatamente applicata alla ruota.
Bene, il lavoro è finito. La ruota con la sua nuova scala graduata in metri funziona che è una meraviglia, ed è anche piacevole alla vista.

Alessandro (2010)
Side Wheel
Se vi piace e volete applicare anche voi la scala graduata alla vostra ruota della Nikko Nighteater, potete scaricare questa immagine e stamparla. La lunghezza totale deve essere di 177 mm. La risoluzione dell'immagine scaricata, è ovviamente molto maggiore di quella che si vede qui. Vista la precisione della costruzione dei Nikko Nighteater, la scala dovrebbe andare bene su tutti i cannocchiali della serie, o quasi.
Air Arms S 400 Classic
Sto procedendo a piccoli passi, per personalizzare la Air Arms S400. Mi piacerebbe montare ancora 2 o 3 accessori. Intanto il problema dell'ottica è stato risolto nel migliore dei modi.
Come realizzare la nostra tabella di tiro.
Dell'argomento ne ha già ampiamente parlato Fabio (Sniper70) nei suoi articoli. Alla fine quello che ogniuno deve ottenere è una tabella che permetta di azzerare velocemente la mira al variare della distanza. Tabellina che ritengo possa essere molto utile per tutti coloro che praticano Field Target. Fabio ha spiegato ampiamente la sua metodologia che consiste nell'utilizzo del mil-dot per correggere l'alzo. Da parte mia, essendo un po' allergico all'uso del dot (mi confondono troppo), preferisco quello che in gergo si chiama "storrettare", ovvero azzerare ogni volta l'ottica a seconda della distanza di tiro. A livello pratico questo significa fare delle prove di tiro alle varie distanze, e annotare gli azzeramenti necessari su una tabella, da portare sempre appresso. Solitamente una tabella che va di 5 metri in 5 metri è sempre stata più che sufficiente per i miei scopi. A volte però succedeva che queste misurazioni venissero influenzate da errori, spesso anche grossolani, dovuti principalmente alle condizioni metereologiche. Adesso che ho montato un'ottica e una ruota che mi permettono una valutazione della distanza piuttosto precisa, è giunto il momento di affinare un po' la tecnica. La tecnica che propongo permette di realizzare una tabella di azzeramenti "medi", di distinguere le misurazioni non coerenti, ed infine poter scegliere uno step anche molto fine di distanze per la nostra tabella, senza necessariamente fare le prove a tutte le distanze.

Lo scopo è quello di disegnare un grafico, con la curva degli azzeramenti dell'ottica. Tale grafico avrà come ordinata una riproduzione della scala graduata dell'ottica, opportunamente rettificata, divisa in giri, divisioni numerate, e click. Sull'asse delle ascisse, invece troveranno posto le distanze di tiro.

Per disegnare questo grafico occorre prima di tutto fare diverse prove pratiche sul campo. Posizioniamo quindi il bersaglio alle varie distanze, e prendiamo nota della posizione della torretta dell'alzo necessaria a colpire il centro. Siccome non ho esigenze particolari, decido di prendere come riferimento il regolamento del Field Target, che prevede distanze di tiro variabili tra i 7 e i 30 metri (con una depo). Per quanto riguarda la misura della distanza, decido di fidarmi ciecamente della stima che ottengo utilizzando la ruota maggiorata che ho finemente tarato in precedenza. Non importa quanto questa stima corrisponda al vero, l'importante è che ci sia una perfetta corrispondenza tra quanto riporterò sulla tabella, e quanto leggerò sulla ruota del parallasse. Come distanze di riferimento decido di prendere le distanze basse, 7, 8 , 9 e 10 metri, per le quali la differenza di alzo è notevole. Poi i 15 metri e dintorni, ad esempio i 13 metri, in quanto è all'incirca a questa distanza che si ha l'apice della parabola della traiettoria. Poi 20, 25 e 30 metri, con qualche misura intermedia, tipo 22 e 27 metri.

Quando ho finito, riporto i risultati sul grafico. Se abbiamo fatto le cose come si deve, i punti riportati sul grafico, dovrebbero formare una curva quadratica.
Curva di azzeramento ottica
Se abbiamo fatto le cose bene, tutti i punti relativi all'azzeramento dell'ottica devono stare all'incirca sopra ad una curva quadratica. I punti disegnati in vari colori sono stati ricavati in diverse sessioni di tiro. Come potete vedere in una particolare sessione di tiro (verde), l'alzo che avevo avevo dato a 25 e 30 metri è completamente fuori dalla curva. I due punti non sono assolutamente coerenti con gli altri. Probabilmente queste discrepanze sono dovute alla presenza di vento, ma anche ad altri fattori, come ad esempio l'eventuale pulizia della canna..
E' sicuramente preferibile agire in un ambiente chiuso. Se questo non è possibile, è meglio rifare la prova in più tempi, e trovare quindi la curva media più rappresentativa. E' meglio se scegliamo giornate piuttosto tranquille, in quanto a vento. Personalmente ho utilizzato un programma di CAD per disegnare la curva quadratica, ma ripetendo le prove in più sessioni e in più distanze, una curva disegnata a mano dovrebbe risultare sufficientemente accurata per i nostri scopi.

Una volta finito, possiamo ricavare dal grafico, intersecando ascisse e ordinate, una tabella, riportante l'alzo per uno step di almeno un metro. Per distanze intermedie, possiamo tranquillamente fare finta che la curva sia rettilinea.

Tabella di azzeramento ottica
Intersecando ascisse e ordinate, ricaveremo questa tabella. Come potete vedere, la mia ottica permette una messa a fuoco minima di 9 metri. Per mettere a fuoco a 7 e 8 metri devo diminuire gli ingrandimenti. In questi casi la valutazione della distanza non è affatto precisa, ed infatti, il valore di alzo ottenuto sul campo per i 7 metri, spesso si discosta in maniera netta dalla curva quadratica. C'è da dire che a quella distanza 10 click in più o meno di alzo, spostano il punto di impatto di circa 2mm. Un'inezia. Utilizzando la tabella, a 7/8 metri una Kill Zone di soli 15mm l'ho sempre abbattuta. Se non sbaglio per il regolamento FT la KZ minima è appunto di 15mm.
La tabella ottenuta va stampata e portata con se, quando si spara. Io la appendo al collo con un laccetto portacellulare.

Una volta ottenuta la tabella non occorre che verificarne la veridicità. Ho passato alcuni pomeriggi ad abbattere Kill Zone dai 15 ai 40 mm, posizionate a caso dai 7 ai 30 metri, riuscendo ad abbattere sempre (ovviamente sparando in posizione FT, sparando in piedi la percentuale di abbattimenti cala drasticamente).

Alessandro (2010)

 
Argomenti di interesse:
Pulizia della canna di un'arma ad aria compressa
Glock 17 Gen4
The Air Gun from Trigger to Muzzle capitoli 3 e 4 - Traduzione italiana

Non si tratta di un sito commerciale di vendite on-line.
Nessuno degli oggetti descritti è messo in vendita su questo sito.
Sito amatoriale a solo carattere divulgativo e informativo.
Tutti i diritti dei marchi presenti all'interno del sito appartengono ai legittimi proprietari.
Non si intende infrangere alcun diritto d'autore.
L'autore si impegna a rimuovere nel più breve tempo possibile, tutte le fotografie, disegni e grafici, che siano stati presi dalla rete, qualora i legittimi proprietari ne facciano esplicita richiesta.
Umarex Colt 1911-A1 Dark Ops
Images Gallery
Idee, appunti e spunti dal Web
Ancora un bell'articolo dal sito FTI Campania.

La scelta del pallino

Un ricchissimo sito pieno di prove e fotografie di armi soft-air.

Just Pistols

Un sacco di recensioni di carabine ad aria compressa. Da non perdere.

GunMart

Un programma balistico veramente facile da utilizzare. Il ricco database di pellets lo rende anche molto affidabile nei calcoli.

www.chairgun.com

Una guida per lo smontaggio della Weihrauch HW 950.

Customairguns.net - Smontaggio HW 950

VISUALIZZA TUTTI I LINKS
 
I commenti sono stati disabilitati.
Sono spiacente di comunicarvi che ho dovuto disabilitare il servizio di commenti a causa dell'incessante Spam.

Alessandro
 
Cliccate sul titolo dell'articolo, oppure cliccate sulla fotografia per aprire la pagina che contiene una breve spiegazione sul contenuto degli articoli. Una volta aperto il link, è sufficiente cliccare sul riquadro “Scarica con il Browser”, e alla fine del download troverete il file nella cartella “Download” di Windows o nella cartella predefinita del vostro sistema operativo.
Buona lettura.
 
 
 
 
 


 
 
Raccolta di
termini tecnici, definizioni e curiosità
del mondo delle armi
0...9 - A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
 
F
 
G
 
H
 
I
 
J - K - L
 
M
 
N - O
 
P - Q
 
R
 
S
 
T
 
U-V-W-X-Y-Z