AirGun Zeta
 
ATTENZIONE !
AirGun Zeta World
su Facebook
E' UNA TRUFFA!!!
Airgun Zeta World non ha pagine Facebook. Airgun Zeta World, il sito originale www.airgunz.it non ha alcun legame con l'omonima "Airgun Zeta World" pagina Facebook di una improbabile "agenzia viaggi", che si spaccia per noi, utilizzando senza permesso il nome, il logo, le fotografie e i testi, del nostro sito. Non sappiano chi sono e soprattutto non sappiamo cosa fanno. Fate attenzione alle eventuali truffe. Grazie
ATTENZIONE !
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCHEDE
 
 
 
Cometa Lynx

COMETA LYNX V10 calibro 5.5

(by Abram, Aerodag e Plain di AirgunsItaly.it)
Una analisi molto approfondita della prima carabina ad aria precompressa PCP prodotta dalla spagnola Cometa. In queste pagine troverete tutto quello che c'è da sapere per ottenere il massimo da questa carabina, che pur essendo economica, rispetto alla concorrenza britannica, è in grado di offrire delle belle soddisfazioni.
Abram
BSA XL Tactical
Chi mastica un po’ di oplologia sa che Eibar sta alla Spagna come Gardone Val Trompia sta all’Italia o Ferlach all’Austria. E proprio a Eibar ha sede la Carabinas Cometa S.A. produttrice della Lynx V10. V10 per distinguerla dal modello base senza copricanna e sorella maggiore della V5 dalla quale si distingue per il serbatoio a bottiglia di volume quasi doppio (400 cc contro 220). A vederla per la prima volta colpisce immediatamente l’enorme “canna” di ben 30 mm di diametro, prima ancora della linea complessivamente leggera anche se poco aggraziata nel connubio pala-astina come tutte le pcp con serbatoio a bottiglia. Il caricamento side lever è invece ormai una prassi e anche la Lynx ne è dotata (e vedremo che come bolt action sarebbe poco, anzi, del tutto improponibile).
Il calcio del modello in questione è in buon faggio tinto noce e finito a olio ma è disponibile anche con calcio tinto azzurro intenso. Non risulta importata con calciatura tinta in nero che dovrà eventualmente essere specificatamente richiesta e attesa. La pala non è predisposta per regolazioni e risulta più idonea al tiro in appoggio che in imbracciata visti i 40 cm di distanza tra grilletto e calciolo. Questi 3-4 cm in più dello standard di 36-37 cm potrebbe creare difficoltà d’imbracciata a chi ha arti superiori corti e specialmente con indumenti spessi come nel periodo invernale ma è sempre possibile sostituire il calciolo alto con uno basso. Filante la forma dell’appoggia guancia montecarlo che indica chiaramente che la carabina necessita di cannocchiale di puntamento o di punto rosso olografico o non.
Zigrinatura onesta sulla pistola e originale sull’astina con una forma trapezoidale separata da quattro stacchi non zigrinati riportanti incise le lettere del nome. Non particolarmente fitte le cuspidi ma ben rilevate e più che sufficienti per garantire una presa sicura anche con mani sudate.
Nella parte anteriore dell’astina troviamo due scassi, uno sul fianco sinistro per il manometro (finalmente non si deve rovesciare la carabina o ficcarsi la canna in un occhio per verificare la pressione) e nella parte inferiore l’accesso al raccordo di caricamento di tipo rapido con filtro in bronzo sinterizzato e cappuccio di protezione, cappuccio giustamente collegato al raccordo da una corta fascetta contro la perdita accidentale ma che ingombra necessariamente lo spazio per la presa dell’anello blocca sfere del raccordo della frusta rendendo poco agevole il collegamento per caricare l’aria. Ovviamente la frusta è in dotazione insieme a due chiavi a brugola di servizio e, ma non in tutte le confezioni, una molla di durezza diversa per variare l’energia della massa battente.
Piuttosto ampio il ponticello, integrale alla scatola di scatto, con grilletto dorato dalla corretta arcuatura. Sul raccordo posteriore del ponticello opera, a bloccare il grilletto, la sicura a traversino il cui azionamento è abbastanza duro il che non è un male evitando inserimenti/disinserimenti involontari come a volte capita anche su carabine blasonate.
Cometa Lynx
Ovviamente la carabina è fornita senza ottica ad un prezzo che nei siti on line spagnoli oscilla tra meno di 500 e i 550 € che, prassi comune, passano a 795 presso l’importatore esclusivista per l’Italia. Che poi siano trattabili in negozio è un altro paio di maniche ma sta di fatto che la discrepanza c’è e non la riteniamo giustificata. Un conto è l’importazione da stati esterni alla UE, un altro è un transito interno alla Comunità. E qui non è sostenibile la motivazione della fluttuazione del cambio-dazi d’importazione perché la zona Euro è sempre zona Euro. Quanto incidano le gabelle della nostra normativa armi o il trasporto non possiamo saperlo, ma da cittadini italiani e comunitari un 45% in più è in ogni caso fastidioso tanto per usare un eufemismo.
Comunque sia, una pcp full da 45 J con serbatoio da 400 cc, e per giunta con regolatore, a quel prezzo è comunque appetibile.
Viene da pensare allora che siccome a Eibar sono da sempre famosi più per le copie economiche di armi che per l’originalità sia così anche per la Lynx. La qualità della componentistica non è certo paragonabile a una Air Arms o a una Steyr, ma le cose importanti ci sono tutte e dove c’è qualche pecca è piuttosto semplice porvi rimedio. Non dimentichiamo poi che è la prima pcp prodotta da Cometa e come tale è comprensibile qualche carenza di affinamento.
Cometa Lynx
LA CANNA
Ora che l’abbiamo vista vestita andiamo a vedere cosa c’è sotto e vedrete che le particolarità non saranno poche, nel bene e nel male. Per separare la meccanica dal calcio è sufficiente svitare un bullone M8 posizionato davanti al ponticello. Fatto questo legno e metallo si separano rivelando un’incassatura molto precisa.
Cometa Lynx
Un unico bullone tiene unita la meccanica alla calciatura. L’incassatura è fatta decisamente bene.
Abram
Nell’esame partiamo dalla canna, rotomartellata a freddo senza strozzatura in volata, che è unita al castello da due grani a brugola. Quello anteriore è inclinato di 45° e contribuisce a pressare, agendo su una scanalatura circolare della canna, sia la canna nel suo alloggiamento del castello sia l’oring di tenuta posizionato tra canna e svaso nel blocchetto d’ottone riportato. Lo scasso permette alla canna di arretrare a sufficienza perché il pallino sia totalmente camerato in rigatura. Il secondo grano sul castello serve a consolidare il fissaggio della canna e impedirne disassamenti. Il manicotto al quale si avvita il copricanna è fissato alla canna da un suo grano a brugola e appoggia al castello con interposizione di un o-ring. Non ci sono altri punti di contatto, quindi siamo in presenza di una canna flottante all’unisono con il suo copricanna. La qualità della canna e relativa precisione è eccellente e non ha nulla da invidiare alle tanto decantate Lothar Walther. L’unica accortezza consiste nell’evitare che l’ottica tocchi il copricanna con la campana, cosa possibile usando ottiche da 60 mm e copri lenti di tipo flip-up.
Cometa Lynx
Le due viti di fissaggio della canna al castello. Si noti che quella più in basso è inclinata e l’oring posizionato tra il castello e la parte rastremata del manicotto sul quale verrà avvitato il copricanna.
Se ora togliamo il tubo copricanna svitandolo dal manicotto abbiamo la prima originalità. La canna è decisamente più corta del tubo e porta avvitato in volata un deflettore di flusso a forma di staffa in alluminio macchinato. La parte centrale conica in asse con la canna (avvitata dal davanti alla struttura principale e staccata di circa 1 cm dalla volata) devia il flusso d’aria verso i due svasi trasversali che a loro volta obbligano il flusso a retrocedere nel tubo dato che il diametro dell’oring della staffa fa tenuta contro la parete interna del tubo. Un deflettore-silenziatore in quanto sistema chiuso ad unico sfogo. Sappiamo infatti che per silenziare è sufficiente disperdere l’aria dell’anima di canna in un sistema chiuso di volume superiore e qui ne abbiamo circa 20 volte solo posteriormente al deflettore. Aggiungiamoci che dopo il deflettore ci sono ancora una decina di cm di tubo (ossia 6-7 volumi di anima di canna) e dubbi non ne restano. D’altronde basta un primo sparo per restare colpiti dalla silenziosità della carabina. Il tubo termina con un tappo filettato. Altra particolarità è il filetto da ½” UNF di fissaggio del deflettore, filetto classico dei soppressori di suono ammessi all’estero.
Cometa Lynx
Cometa Lynx
E’ difficile sostenere che già all’origine la carabina non sia silenziata. Nella seconda foto un comune rubinetto per idraulica reperibile comunemente in ferramenta dimostra che la canna è filettata a ½” UNF.
SERBATOIO E REGOLATORE
L’altra particolarità è costituita dal serbatoio e relativo regolatore. Cometa, a nostro avviso intelligentemente, è ricorsa pari pari alla componentistica del settore paint ball che, essendo un gioco diffusissimo (probabilmente è vietato solo in Italia) può beneficiare di costi di produzione contenuti potendo produrre lotti economici nonché vantaggi in termini di sicurezza. I regolatori per paint ball infatti sono dotati di valvole che non consentono di mandare in pericolosa sovrapressione il serbatoio a bottiglia. Quindi attenti nel ricaricare perché superando allegramente i 200 bar di taratura della prima valvola si corre il rischio di aver ricaricato per niente.
Che il serbatoio non sia amovibile, come abbiamo letto su una rivista del settore, non è corretto. A parte che è lapalissiano che tutto quello che viene assemblato è amovibile con il metodo giusto, nel nostro caso la bottiglia non può certo essere tolta semplicemente come un serbatoio di una Steyr LG110 o di una CZ200T ma può essere tranquillamente tolta senza perdere l’aria contenuta a patto di rimuoverla insieme al regolatore. Nella parte inferiore del castello è presente infatti un prolungamento esagonale filettato nel quale è contenuta la vite di chiusura della valvola. Svitando la vite con la chiave a brugola (anche con il gruppo di scatto montato) basta sparare poi a vuoto alcuni colpi per azzerare la pressione in precamera e il gruppo serbatoio-regolatore può essere svitato manualmente in tutta tranquillità. Solo nel caso fosse necessario smontare il regolatore dal serbatoio sarà indispensabile svuotarlo dell’aria contenuta. Lo stesso prolungamento esagonale serve anche per poter ruotare, in caso di sostituzione, tutto il gruppo regolatore in modo da far sempre corrispondere correttamente sia il manometro che il raccordo rapido ai rispettivi scassi dell’astina.
Cometa Lynx
Cometa Lynx
A sinistra la meccanica e a destra con la chiave pronta per chiudere la valvola on/off e poter rimuovere il gruppo serbatoio-regolatore.
Quanto questi regolatori da paint ball siano affidabili e/o duraturi crediamo sia un dubbio che assilla chi è interessato a questa carabina. Forse è ancora presto per dare una risposta univoca sulla durata ma quanto ad affidabilità e ripetitività, se quello da 90 bar è risultato meno costante, pare proprio che il tipo più recente, da 110 bar, abbia poco o niente da invidiare ad altri ben più costosi. Quanto alla durata, abbiamo al momento un solo esemplare che ha superato i 3000 colpi sparati e se si potesse considerarlo indicativo ci sarebbe da leccarsi le dita.
Cometa Lynx
Abram
Pur considerando che per ragioni di disponibilità dei pallini la comparazione non è perfettamente omogenea e che il regolatore di Dag è del primo tipo, ci sembra che non ci sia alcun scadimento rilevante neppure con il modello teoricamente meno performante.
D’altro canto, ammettendo pure che questi regolatori non durino più di 3000 colpi, la spesa di sostituzione non supera quella per la revisione periodica consigliata per i regolatori professionali a quel traguardo. E’ reperibile come ricambio, almeno in Spagna, a 25 €.
Il vero problema di questi regolatori economici sta nella loro regolazione che non è fattibile semplicemente con una vite ma richiedono la sostituzione di parte dei componenti interni e prove. Prove per altro facilmente controllabili sulla carabina perché Cometa ha previsto un apposito foro filettato nel quale poter montare un manometro alta pressione per la verifica della pressione in camera. Pensiamo che al momento della pubblicazione di questa recensione le cose si siano regolarizzate ma sono stati parecchi i casi in cui sono state vendute in Italia carabine V10 full da 45 J ma con regolatore sbagliato (da 90 bar anziché 110). In teoria, per capirlo subito ed evitare di lambiccarsi il cervello a strolicare perché la carabina non va oltre i 35 J, basta verificare il regolatore (anche solo esteriormente sperando che non abbiano cambiato modello). Avremo queste differenze:
Cometa Lynx
Se poi vi lasciassero aprire i regolatori scoprireste che quello da 90 bar è del tipo studiato da Plain mentre quello da 110 bar è regolato da molle a tazza in questa configurazione: ))(())((()))(. Purtroppo, per non rischiare di rovinare l’o-ring dello stelo non è stato possibile sfilarle e lo spessore è stato rilevato solo con le punte dei becchi del calibro quindi i 0,65 mm rilevati è uno spessore da considerarsi solo probabilmente corretto.
Abbiamo detto “in teoria” perché abbiamo notizia di regolatori del primo tipo, ossia con elastomero interno, che erogano tranquillamente 270 e passa m/s con pallini da 1,03 g. Eppure la componentistica interna è all’apparenza uguale.
Cometa Lynx
Cometa Lynx
In primo piano il manometro del 90 bar e dietro quello da 110. Nella foto a destra si nota la vite che tappa il foro filettato per un eventuale manometro di controllo.
Ma vediamo cosa ci racconta Plain della sua esperienza con un regolatore del primo tipo:

“Sul regolatore di pressione della Lynx ho lavorato parecchie ore per trovare diverse pressioni di lavoro. Il regolatore è del tutto identico per forme, attacchi e meccanica a quelli basici per il paintball, salvo per la resistenza interna alla pressione in entrata. Generalmente a questa forza viene opposta una fila di molle a tazza di diversi spessori e materiali (solitamente acciaio) ma Cometa ha usato, curiosamente, uno spessore cilindrico in teflon filettato esternamente con avvitata una molla a spirale, più una consueta molla a tazza. L'immagine qui sotto mostra due regolatori, sezionati, quello in alto di Cometa e quello sotto acquistato su Ebay da un venditore cinese per circa 19,00 €.

Come si può chiaramente notare sono assolutamente identici salvo le molle e la scala del manometro, bar per Cometa e PSI per quello cinese. Quelli da paintball hanno una pressione di uscita solitamente a 60 bar. Quello di Cometa da 90 bar, oppure 110 bar (pare per il mercato americano..). Per migliorare le prestazioni della Lynx ho pensato di ordinare molle a tazza di buona qualità con diversi spessori.
Cometa Lynx
Cometa Lynx
Ho raggiunto le seguenti pressioni in uscita con diverse configurazioni (posizione e spessore in mm):
Cometa Lynx
Rimontato il tutto e con l'ausilio di un serbatoio aria più piccolo, sempre dal solito mondo paintball, ho fatto diverse sessioni al cronografo Chony M1.
Cometa Lynx
Cometa Lynx
Le prestazioni massime le ho raggiunte restando sotto i 120 BAR. Sono passato da 245-250 m/s, con la molla della massa battente precaricata al massimo e pressione originale, a meno di 260 m/s con JSB Exact Jumbo Heavy da 1,175 grammi per circa 40 J con i 120 BAR impostati. Superati i 120 bar non solo non si riscontrano incrementi velocitari ma addirittura una diminuzione. Questo credo perchè l'O-ring di tenuta inserito sull'otturatore spingi piombino non tiene pressioni molto alte allo sparo, non tanto per le dimensioni o il materiale, ma per la posizione. E’ davvero poco inserito nel blocco in ottone della transfer port. Inoltre è, subito dopo, a ridosso della TP stessa, una scelta tecnica di Cometa che mi lascia perplesso. Penso che bastasse posizionare la TP qualche millimetro più verso la canna per far maggiore tenuta, se non addirittura usare 2 o-ring come sulle Edgun Matador (da noi non ancora importate).”

Riteniamo che anche la valvola di sparo sia mutuata dal settore paint ball e, di conseguenza, è asservita da una molla sostenuta che richiede ovviamente corrispondenti adeguate forze tra massa battente e relativa molla di azionamento. Questo rende piuttosto duro il caricamento nonostante la side lever. Di bolt action quindi non se ne parla proprio.
  Seguente
 

Non si tratta di un sito commerciale
di vendite on-line.

Nessuno degli oggetti descritti è messo
in vendita su questo sito.

Sito amatoriale a solo carattere
divulgativo e informativo.
Tutti i diritti dei marchi presenti
all'interno del sito appartengono
ai legittimi proprietari.
Non si intende infrangere
alcun diritto d'autore.
L'autore si impegna a rimuovere nel più breve tempo possibile, tutte le fotografie, disegni e grafici, che siano stati presi dalla rete, qualora i legittimi proprietari ne facciano esplicita richiesta.
 
Images Gallery
 
Argomenti di interesse
CZ452 Varmint
Air Arms TX 200
Guancette G10 Lok Grips
WEIHRAUCH HW30S
 
STI Spartan calibro .45 ACP
 
COMMENTI
Non si trattano argomenti riguardanti la caccia, neppure la caccia ai nocivi con armi ad aria compressa. Per questi argomenti esistono siti appositi, che li trattano in maniera seria e competente.
Non si trattano argmenti riguardo il potenziamento illegale di armi di libera vendita. Per cortesia non lasciate messaggi su questi argomenti o su altre pratiche illegali in Italia.
I messaggi riguardanti argomenti illegali o non graditi, verranno rimossi senza dare alcuna spiegazione.
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.

Commenti

Alessandro
21 Apr 2013, 09:19
Non puoi mica mandare in India delle armi, non le puoi mandare proprio da nessuna parte. E' traffico internazionale di armi.

E ho anche idea che i veri trafficanti di armi non lascino il loro numero di telefono in giro. :)
mandeep
20 Apr 2013, 23:56
ciao sono ragazzo indiano abito brescia sto cercando WALTHER DOMINATER CAL .22 sw voi avette mi servono 50 pezzi per mandare in india mi fatte sapere vengo comprare subito tel 3282736017 grazie
*Nome:
Email:
Notifica di nuovi commenti a questo articolo
Nascondi la mia email
*Commento:
 
 
Powered by Scriptsmill Comments Script
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.
 
 
 
 
 
 
 


 
 
Raccolta di
termini tecnici, definizioni e curiosità
del mondo delle armi
0...9 - A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
 
F
 
G
 
H
 
I
 
J - K - L
 
M
 
N - O
 
P - Q
 
R
 
S
 
T
 
U-V-W-X-Y-Z